Resta in contatto

Giulio Cardone

Fiorentina – Lazio, le Cardopagelle: si salva solo Sergej. Tucu e Toque al buio

Fiorentina – Lazio, i giudizi e i voti dei biancocelesti a cura del direttore Giulio Cardone

Reina 5

Continua a lasciarmi perplesso tra i pali: il colpo di testa di Vlahovic era francamente un passaggio. E anche nel primo gol, l’unica soluzione possibile per Biraghi era quell’assist al centravanti, doveva essere più reattivo.

Marusic 5.5

Strepitoso salvataggio su Vlahovic lanciato in contropiede, però nell’azione dell’1-0 contrasto molle su Castrovilli. Lo riportiamo sulla fascia? È il caso, su.

Acerbi 5

Il suo rilancio corto favorisce l’azione del vantaggio viola, che deciderà la partita. E se il rivale Vlahovic segna una doppietta, significa che per il Leone non è stata una gran serata.

Radu 5

Anche lui fuori fase dopo tante partite da protagonista.

Lazzari 5.5

Sceso in campo in condizioni assolutamente precarie (notte insonne per problemi gastrointestinali, miracolo che abbia giocato), fa quello che può. Nella prima fase mette in difficoltà Biraghi, che poi però piazza l’assist decisivo. Sostituzione logica, vista la situazione fisica. Colpa del vaccino che gli azzurri hanno fatto il 3 maggio? Chissà…

Milinkovic 6.5

Il migliore della Lazio per distacco, sembra l’unico ad aver capito l’importanza di questa partita. Pericoloso in attacco e ispirato in rifinitura, nella ripresa rientra in campo e si batte alla sua maniera nonostante il naso mezzo rotto. Gigante vero.

Leiva 5.5

Parte bene, ma anche lui è complice nel pasticcio che porta al gol dell’1-0. Ammonito, salterà il Parma e quindi lo avremo nel derby. Spero in versione Mezzasquadra, però.

Luis Alberto 5

Solo un assist per il colpo di testa di Milinkovic salvato da Dragowski, stasera improvvisamente in versione Buffon 2006. Per il resto, serata senza luce. Pare che la caviglia gli dia ancora problemi, voglio crederci.

Lulic 5

Poco cercato dai compagni, il capitano offre una prestazione totalmente anonima. Un passo indietro rispetto alle ultime prove.

Correa 4

Che ti è successo, Tucu? Sembra il cugino dell’attaccante decisivo delle precedenti 4 gare. Stavolta di decisivo, al contrario però, c’è il gol divorato sull’assist di Sergej, anche se la palla gli resta leggermente dietro. Ma tutta la sua partita è da dimenticare: non gli riesce nulla, nulla.

Immobile 5.5

Primo tempo promettente, ripresa senza energia. Si muove bene sul filo del fuorigioco, ma nell’occasione migliore non riesce a colpire alla sua maniera.

Cataldi  5.5

Passettino avanti rispetto al Genoa, ma ci voleva davvero poco eh. Dovrebbe giocare titolare contro il Parma (Escalante non recupera), vedremo.

Pereira 4.5

Vorrei ma non riesco, in questa partita e in diverse altre. Solo che stavolta si fa anche espellere.

Muriqi 5.5

Cercano di servirlo con lancioni in area, ma la girata più pericolosa è una telefonata a Dragowski.

Luiz Felipe 5.5

Solita irruenza degna di miglior causa e prova insufficiente, ma l’attenuante è enorme: rientrava dopo tre mesi e mezzo…

Akpa Akpro 5.5

Riuscirà mai a finire una partita senza farsi ammonire?

Inzaghi 5

La sua Lazio stecca nel momento decisivo del campionato, anche il mister che amiamo deve assumersi le proprie responsabilità. E i mille cambi nella ripresa mandano in confusione la squadra, invece di darle la spinta in più. Attenuante: non è colpa sua se Correa si mangia quel gol lì.

3 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
3 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Ultimo commento: "sformavo i suoi scarpini PUMA"

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Ultimo commento: "Noi tifosi non conosciamo mai bene un giocatore sotto il profilo umano e personale. Né si può giudicare la vita privata di nessuno tantomeno di un..."
Advertisement

Altro da Giulio Cardone