Resta in contatto

News

Blackout DAZN: ieri il caos, oggi la A chiede spiegazioni e garanzie per il futuro

I problemi tecnici di DAZN hanno creato il caos ieri non consentendo la visione dei match di Inter e Lazio. Oggi la Serie A chiede garanzie.

Problemi tecnici, rimpalli di responsabilità, scuse per il disagio e alla fine chi ci rimette è sempre il consumatore. O, come nel caso di DAZN ieri, il tifoso. 5 ore di blackout dell’emittente non hanno consentito a moltissimi utenti di vedere Inter – Cagliari e Hellas – Lazio. Segnale non proprio incoraggiante per chi, da agosto prossimo, dovrà garantire la visione di tutte e dieci le partite di Serie A per i prossimo 3 anni.

All’ira (e ironia) scatenatasi sui social è seguita stamattina una lettera dei club della massima divisione italiana, riportata sulle colonne di Repubblica, nella quale si chiedevano rassicurazioni circa gli accorgimenti tecnici implementati per scongiurare che simili episodi si verifichino in futuro.

Il problema è derivato dal fallimento del servizio di autenticazione fornito da un nostro partner esterno“, aveva fatto sapere in serata, tramite social, l’emittente streaming. A ciò sono seguite le scuse proprio le scuse del “fornitore esterno”, la Comcast Technology Solutions. La stessa azienda che, come si legge da Tuttomercato Web, dal 2018 è diventata proprietaria di Sky (sconfitto di recente nell’asta per i diritti TV). “Eravamo in stretto contatto con loro mentre risolvevamo il problema – ha fatto sapere la società americana, in una nota riportata dall’agenzia Reuters – e ci scusiamo per tutti coloro che sono stati interessati“.

A pensar male si fa peccato e infatti bisogna sottolineare che non si è trattato solo di un problema italiano. Altre piattaforme europee hanno avuto gli stessi inconvenienti. Resta il fatto che DAZN non è riuscito in tempi brevi a risolvere la situazione e la preoccupazione per il futuro è concreta. Nel contratto con la Lega Serie A, riporta ancora TMW, non è prevista alcuna penale per simili disservizi, né, a quanto pare, un piano di emergenza da applicare prontamente.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Advertisement
Lazio, Tommaso Maestrelli

Lazio, oggi la ricorrenza della scomparsa di Maestrelli

Ultimo commento: "Avevo 12 anni ero uno che quando segnava chinaglia urlavo e piangevo di gioa ,avevamo vinto due anni prima lo scudetto e appena quattro anni prima ero..."
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "rimpiazzato ovviamente da William Vecchi"

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "Sono un laziale di Piacenza e ricordo i tuoi primi passi in biancorosso, poi nella prima squadra della capitale ci hai fatto tutti impazzire !!!! Col..."

Addio Pablito: se ne va un altro simbolo del calcio

Ultimo commento: "Grande campione!"

#CountdownToHistory, Immobile aggancia Piola. Anzi no…! Ecco quanto manca

Ultimo commento: "Secondo me l'unico dubbio e' se Ciro , Silvio Piola , lo raggiunge in questo campionato 2020-2021 o nel prossimo 2021-2022"
Advertisement

Altro da News