Resta in contatto

L'angolo dell'avversario

La penna in trasferta, Lorenzelli (calciospezia.it): “Italiano ha le stimmate del predestinato”

A seguire la trasferta dello Spezia c’è la penna di Guido Lorenzelli, di calciospezia.it. Con lui abbiamo parlato della sfida di domani.

Dopo aver già espugnato l’Olimpico due volte contro i giallorossi in Coppa Italia, lo Spezia oggi tornerà nello stadio capitolino ad affrontare per la prima volta in campionato la Lazio, all’ombra del Colosseo. I tre precedenti tra le due squadre, infatti, sono tutti lontani dalla Capitale e in serie A c’è solo il match d’andata negli almanacchi. Ma i liguri, pur se all’esordio quest’anno tra i grandi, stanno dimostrando di meritare la permanenza in massima serie, anche grazie alla guida tecnica di mister Italiano. Ne abbiamo parlato con la penna in trasferta di Guido Lorenzelli, di calciospezia.it

Lo Spezia sembra aver imparato la lezione delle ultime precedenti esordienti in A e non sta sfigurando, proponendo una sua identità di gioco precisa: di chi sono i maggiori meriti?

Di Vincenzo Italiano in primis, che ha creato un gruppo straordinario dove ognuno dei 34 componenti della rosa sa cosa deve fare e come farlo, quando chiamato in causa. Del D.G. Meluso, che in 35 giorni ha allestito una rosa interessante, con giocatori di cui si potrà sentire parlare, come Estèvez o Leo Sena, che erano sconosciuti a molti. E di una società che ha operato bene a livello giovanile, lanciando in prima squadra quattro giocatori, di cui tre spezzini, caso più unico che raro nel calcio italiano odierno. Infine, dei giocatori stessi, che hanno gettato il cuore oltre l’ostacolo. Minor monte ingaggi della A, tecnico con l’ingaggio più basso. Potrei dire altre cose ma mi fermo“.

Nel match d’andata la Lazio vinse ma non senza qualche difficoltà, a cosa dovranno stare attenti i biancocelesti oggi?

Piccoli è in forma, per me meritava l’Under 21. Potenzialmente può diventare un gran centravanti e l’Atalanta ci punterà forte. Purtroppo le trasferte nazionali hanno fatto tornare Gyasi, Maggiore, Ismajli, Pobega e Ricci, tra gli altri, stanchi. E poi c’è Erlic – per me un centrale dal futuro assicurato – che ha preso una brutta botta contro la Svizzera. Contro il Cagliari si sono distinti anche Zoet e Bastoni“.

Vincenzo Italiano sta dimostrando il suo valore come tecnico: secondo te è già pronto per il salto in una big di A?

Come ho già detto ad altri colleghi, Italiano ha le stimmate del predestinato. Ha vinto tre campionati di fila in serie D, C e B. Ha mentalità e propone un bel gioco, ma soprattutto ha l’empatia. Quest’ultima è la cosa più necessaria per un allenatore per fare gruppo e perché i giocatori credano in te. I ragazzi dello Spezia si getterebbero nel fuoco per lui. Lo vogliono Napoli, Fiorentina e Sassuolo. Secondo me però, se aspetta un anno ancora con lo Spezia, arriveranno chiamate anche da Torino, Milano o Roma…

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Advertisement
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "rimpiazzato ovviamente da William Vecchi"

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "Sono un laziale di Piacenza e ricordo i tuoi primi passi in biancorosso, poi nella prima squadra della capitale ci hai fatto tutti impazzire !!!! Col..."

Addio Pablito: se ne va un altro simbolo del calcio

Ultimo commento: "Grande campione!"

#CountdownToHistory: Immobile colpisce anche il Cagliari

Ultimo commento: "Secondo me l'unico dubbio e' se Ciro , Silvio Piola , lo raggiunge in questo campionato 2020-2021 o nel prossimo 2021-2022"
Lazio, Tommaso Maestrelli

Lazio, oggi la ricorrenza della scomparsa di Maestrelli

Ultimo commento: "Ciao MAESTRO, con gli anni che passano aumenta sempre più il rimpianto di averti perso troppo presto. Da lassù, guida Simone."
Advertisement

Altro da L'angolo dell'avversario