Resta in contatto

Lazio Femminile

Lazio Women, Palombi: “Invertita la rotta, ora sette finali per la Serie A”

Lazio Women, l’attaccante Palombi parla a Lazio Style Radio dopo la vittoria contro la capolista Pomigliano

Di Chiara Hujdur

Per la Lazio Women ieri è arrivato un pesante successo esterno contro il Pomigliano capolista. Le ragazze di Morace si portano così al secondo posto infuocando ancor di più la lotta al vertice. Della partita contro le campane e del rush finale di campionato ha parlato l’attaccante Claudia Palombi ai microfoni di Lazio Style Radio:

STAGIONE – “È un campionato pazzo. Ci sono tutte squadre di livello e le prime sei sono racchiuse in uno-due punti. Questo ci insegna a non avere mai cali di attenzione: devi essere sempre sul pezzo e pronto anche ad approfittare dei passi falsi delle altre.”

POMIGLIANO-LAZIO – “Con la precedente striscia di pareggi eravamo demoralizzate, da ieri mi auguro si sia invertita la rotta. Ci aspettano sette finali in cui pretendiamo sette vittorie. Non ci possiamo più permettere passi falsi.”

LAVORO – “L’aspetto fondamentale su cui stiamo lavorando è quello tattico. Siamo passate a un 4-3-3 che credo sia il sistema di gioco più adatto per noi. Analizzando le partite è un’altra squadra rispetto a prima: giochiamo a memoria e in modo più fluido. Si vede l’impronta che ci sta dando coach Morace. E poi su quello del morale, ognuna di noi è motivata e sa quello che deve fare. Non ci devono essere cali di tensione.”

MATURITÀ – “Lo scorso anno ci è servito tanto: abbiamo fatto una stagione straordinaria, giocando in modo spensierato e acquisendo consapevolezza. Quest’anno al contrario siamo partite con un obiettivo, eravamo le favorite del campionato. Ci sono state difficoltà ma noi non ci siamo mai buttate giù nè disunite. Anche quando le prestazioni non arrivavano, abbiamo tratto solo gli aspetti positivi.

OBIETTIVI – Sono arrivata tre anni fa con l’obiettivo di riportare la Lazio in Serie A. Dal punto di vista personale, in quanto attaccante, mi auguro di segnare più gol possibili. Ma prima del gol l’aiuto più grande che una giocatrice possa dare alla squadra è quello di trasmettere la voglia di vincere e mantenere il gruppo unito.”

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Lo storico difensore e capitano dello Scudetto del 2000

Alessandro Nesta

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

IL LIBERO E CAPITANO DELLA LAZIO DEL PRIMO SCUDETTO

Pino Wilson

L'indimenticabile allenatore della Lazio del primo scudetto

Tommaso Maestrelli

Una delle ultime bandiere e simbolo della Lazio

Vincenzo D'Amico

Advertisement

Immobile da record: Ciro a -1 dalla top 10 assoluta dei marcatori in A

Ultimo commento: "Mah , realizzare un calcio di rigore non è mai stata una cosa facile........tant'è che la sua mancata realizzazione ( ben due rigori falliti ) ci è..."

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "È stato e sarà per sempre il più grande goleador del mondo e segna sempre lui, e segna sempre lui, si chiama Beppe Signori, si chiama Beppe..."
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "Negli anni 70 avevo la mia camera tappezzata di sue immagini e ascoltavo sempre Battisti con i giardini di marzo. ..."
Lazio, Tommaso Maestrelli

Lazio, oggi la ricorrenza della scomparsa di Maestrelli

Ultimo commento: "Mi ricordo che tristezza"

#CountdownToHistory: Immobile nella leggenda

Ultimo commento: "Grandissimo"

Altro da Lazio Femminile