Resta in contatto

Giulio Cardone

Bayern – Lazio, le Cardopagelle: Parolo gigante, bene Marusic delude Sergej

Bayern – Lazio, i voti e i giudizi dei biancocelesti a cura del direttore Giulio Cardone

Reina 6,5

Due ottimi interventi, su Lewa e Gnabry, a limitare il passivo. Dopo la serataccia di Torino, sembra tornato ai suoi livelli. Qualche spavento nel coraggioso gioco con i piedi

Marusic 6,5

Mi è piaciuto molto Adam nella prima mezz’ora, quando – giocando terzino – ha contenuto alla grande un’ala formidabile come Gnabry. Disciplinato, concentrato, reattivo. Non altrettanto efficace nella ripresa, ma è diventato un jolly preziosissimo.

Acerbi 5,5

Il Leone bravo nella prima mezz’ora, poi si fa beffare dallo scatto di Chouto-Moting nella ripresa. Piacciono le parole da leader a Sky, concluse con il messaggio d’amore alla sua Claudia. Leone romantico

Radu 5,5

Non facile arginare un diavolo come Sané, Stefan fa il possibile con esperienza e grinta e non sempre riesce. Condizionato anche dall’ammonizione per un’entrata fuori tempo. Però che soddisfazione giocare in Champions la partita numero 400 con la maglia della Lazio: a Udine raggiungerà Favalli a quota 401, record di presenze all time nella Biancoceleste. Complimenti!

Lazzari 5,5

Al rientro, sinceramente speravo e mi aspettavo di più. Colpa anche di chi non riesce a innescarlo con i tempi giusti, però. Si rompe, temo, il mignolo della mano, deve recuperare presto perché serve come il pane.

Milinkovic 5

Si riferiva a lui Capello quando, a Sky dopo la gara, ha detto che nella Lazio certi centrocampisti che dominano nel nostro campionato non riescono a fare le stesse cose in Europa. Non una grande Champions per Sergej, stasera troppo lento rispetto agli avversari. Stanco, ha anche sprecato due buone occasioni nel primo tempo. Magari a Udine tornerai il gigante di sempre, vero Sergente?

Escalante 6

Decisamente più brillante del Leiva attuale, è tra i migliori nella prima mezz’ora ben giocata dalla Lazio. Qualche errore nel fraseggio, nel complesso nel nostro campionato è giusto che abbia più spazio

Luis Alberto 5,5

Un assist dei suoi per Milinkovic, ma anche lui come il Sergente piuttosto sotto tono. Certo con il ritmo e l’intensità del Bayern a centrocampo, è tutto più difficile.

Fares 6-

Un errore in disimpegno, poi qualche buona iniziativa e infine il guaio al ginocchio: dovrebbe essere solo una contusione, speriamo bene.

Correa 6

Come sempre, in Champions dà il meglio. Scatta, cerca sponde, fa veli (uno drammaticamente sbagliato), insomma è sempre vivace. Stavolta però il gol non arriva. Gli manca Ciro accanto, si vede.

Muriqi 5

Tanto impegno, buone sponde all’inizio ma in generale non combina granché. È il protagonista dell’azione punita con il rigore, però sinceramente è una follia punire quella cosa lì. Certo non è neanche fortunato, ecco: aggravante.

Pereira 6,5

Grazie a lui, finalmente un calcio piazzato ben battuto dalla Lazio, non a caso trasformato in gol da Parolo. Si muove da seconda punta, è veloce e tecnico, ma la cosa migliore resta quel lancio lì. Lo ripeto, forse inutilmente: vorrei vederlo di più.

Parolo 8

Entra e gioca come quinto di destra, salva un gol e poi va a segnare di testa su assist di Pereira, che già lo aveva servito per la rete al Parma: l’asse funziona, anche se utilizzato pochissimo da Inzaghi. A 36 anni un gol ai campioni di tutto e in Champions: grande e meritata soddisfazione per Marco. Sarà utilissimo in questo finale di stagione, vedrete.

Akpa Akpro 6

Pochi minuti, tanto movimento, iniziative coraggiose e un passaggio sbagliato

Lulic 6+

Si presenta con un salvataggio acrobatico nella nostra area, poi buon contributo sulla sua fascia: forse il miglior segmento di partita giocato da quando è rientrato.

Cataldi 6

Ha voglia di giocare e allora corre tanto. Scalda i motori perché dovrà dare il suo contributo nel finale di stagione.

Inzaghi 6

Il mister sceglie Muriqi-Correa perché Caicedo e Immobile saranno titolari a Udine. Buono il piano partita studiato e applicato con intensità dai suoi: si vede che la banda aveva voglia di riscattare la pessima figura dell’andata. E ci è riuscita, questo è certo, giocando con umiltà e da squadra unita, come ha detto Acerbi. Adesso tutto sul campionato, serve l’ennesima rimonta.

12 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
12 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Commento da Facebook
Commento da Facebook
29 giorni fa

Delude sergej? Avrà fatto 20km, ha giocato da solo a tutto campo.
Non meritereste di commentare neanche giocatori di terza categoria.
Sergej 5, akpa 6………
Voto al post: 0

Commento da Facebook
Commento da Facebook
29 giorni fa

Non sono d’accordo sui voti dati a Milinkòvic e a Luis Alberto, questi calciatori vengono marcati bene….

Commento da Facebook
Commento da Facebook
29 giorni fa

Pienamente d’accordo su Escalante e Marusic, note liete, e milinkovic e Alberto, spariscono nelle partite che contano, devono dimostrare di essere top player. Parolo serve come il pane come pure Caicedo, gente che segna di testa, sempre che facciamo qualche cross, sono 200 calci d’angolo e due gol, bisogna saper fare i cross e avere gente che segna. Purtroppo né Lazzari né Marusic fanno i cross dal fondo, tantomeno qualche gol. Per un’ala è un grave difetto, sopravvalutati, Marusic meglio lontano dallaporta

ANTONIO
ANTONIO
29 giorni fa

Adesso si legge che la società è disposta a comprare giocatori di grido se raggiunge la Champions. L’argomento va ribaltato. Si raggiunge la Champions se COMPRI giocatori validi e non il contrario. Come puoi raggiungere la Champions se i soldi li butti dalla finestra per giocatori impresentabili?

ANTONIO
ANTONIO
29 giorni fa

Non riesco a commentare il commento ai giocatori e non riesco, soprattutto, a concepire come una società (società?!?!?!) che giustifica i suoi mancati acquisti con l’indisponibilità finanziaria possa aver avallato il mercato degli ultimi due anni. Spero che l’affare Muriqi celi la prelazione per i prossimi fenomeni del calcio mondiale altrimenti siamo ai confini della realtà o forse oltre.

Fabrix
Fabrix
29 giorni fa

Caro Cardiopalma, seguo il sito, alcuni articoli sono interessanti e ci sono molte notizie sul mondo Lazio. Continuo a scrivere che secondo me i tuoi giudizi sono troppo generosi. Tre cose: a) Patric non ha giocato, finalmente. Lasciatelo in Germania! b) Correa da cedere, altro che giocatore internazionale! Vivace? Ma se sbaglia sempre tutto! La differenza e’ che gli altri davanti al portiere la buttano dentro, lui no. E ti pare poco? c) Credo che il vero Muriqi lo vedremo la prossima stagione (se non parte e se, come ha giustamente scritto uno dei partecipanti al blog, non ci sia… Leggi il resto »

Ruggero
Ruggero
29 giorni fa

Sig Cardone, ormai sei il difensore ufficiale (Non della Società xché chiamarla come tale è un complimento, sono soltanto 2),di Lotito e Tare, diciamo le cose come stanno x favore, il fallimento di quest’anno ha soltanto un nome IGLI TARE che ha BUTTATO I soldi della Lazio e Lotito che ha avallato e firmato l’operazione Muriqi.(a meno che non ci sia altro dietro), non arriveremo 4ti,scordatevelo. X il prossimo anno se fosse una società seria, licenzierebbe Tare e con il nuovo ds si acquisterebbero, 1 portiere(titolare), 2 difensori, un laterale sinistro, un centrocampista di rottura e uno di costruzione, rinnovare… Leggi il resto »

Commento da Facebook
Commento da Facebook
29 giorni fa

Grande cardò..a detta tua è stato un ottimo mercato quest’estate

Commento da Facebook
Commento da Facebook
30 giorni fa

Giulio Cardone ma cosa ti è stato promesso per difendere muriqi??? Tra le parole di ieri mattina a radiosei e la generosissima pagella ormai sei poco credibile 🤥

ANTONIO
ANTONIO
29 giorni fa

Con tutto il rispetto per la persona Muriqi ad oggi è la negazione del gioco del calcio

Commento da Facebook
Commento da Facebook
30 giorni fa

Acerbi da quando ha iniziato a parlare della fantomatica Claudia ha ridotto le sue prestazioni.

Commento da Facebook
Commento da Facebook
30 giorni fa

Tare e’ da esonero ! Ha buttato 50 milioni di euro gli ultimi tre anni !
Non capisco perché non viene esonerato

Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Advertisement
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "rimpiazzato ovviamente da William Vecchi"

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "Sono un laziale di Piacenza e ricordo i tuoi primi passi in biancorosso, poi nella prima squadra della capitale ci hai fatto tutti impazzire !!!! Col..."

Addio Pablito: se ne va un altro simbolo del calcio

Ultimo commento: "Grande campione!"

#CountdownToHistory: Immobile colpisce anche il Cagliari

Ultimo commento: "Secondo me l'unico dubbio e' se Ciro , Silvio Piola , lo raggiunge in questo campionato 2020-2021 o nel prossimo 2021-2022"
Lazio, Tommaso Maestrelli

Lazio, oggi la ricorrenza della scomparsa di Maestrelli

Ultimo commento: "Ciao MAESTRO, con gli anni che passano aumenta sempre più il rimpianto di averti perso troppo presto. Da lassù, guida Simone."
Advertisement

Altro da Giulio Cardone