Resta in contatto

News

Bayern – Lazio, Parolo: “I troppi elogi dell’anno scorso ci hanno fatto perdere di vista la realtà”

Bayern – Lazio, Marco Parolo ha parlato ai microfoni dei media ufficiali biancocelesti nel post partita di Champions League.

Dopo la sfida di Champions con il Bayern Monaco, dove ha messo a segno il gol della bandiera, Marco Parolo ha commentato la prestazione ai microfoni di Lazio Style:

Questo gol è un premio personale che mi tengo stretto. Fare gol in Champions è il sogno di ogni bambino. Averne fatti due è un bel traguardo personale. Purtroppo stasera s’è perso, pareggiarla magari avrebbe farla più piacere. Loro hanno dimostrato di avere valori importanti e noi dobbiamo prendere spunto da questo. Loro hanno dimostrato forza nonostante il 4-1 dell’andata. Magari in Italia dopo 4 gol la partita dopo vai più tranquillo, loro invece hanno sempre spinto. Noi paghiamo lo scotto delle prime volte, a fa tutto parte dell’esperienza di cui fare tesoro. In campo bisogna sapersi adattare ognuno con le sue caratteristiche e qualità, ma con questo spirito di sacrificio e mettendosi a disposizione si affronta tutto.

L’udinese è una squadra che sta bene e io ho ancora la rabbia per la partita d’andata. C’è voglia di rivalsa. Partiamo da qua per andare Udine a fare una grande partita. Dobbiamo reagire e dare una sterzata forte prima della sosta. Sarà una partita di battaglia contro una squadra fisica. Dovremo farci trovare pronti“.

Sky Sport

Successivamente il centrocampista ha rilasciato alcune dichiarazioni anche a Sky Sport:

Si può crescere quando c’è la convinzione da parte di tutti. L’anno scorso abbiamo ricevuto troppi complimenti che ci hanno fatto perdere di vista la realtà. Abbiamo perso la concretezza per vincere certe partite, ce ne siamo accorti. Siamo mancati in alcuni momenti chiave. Dobbiamo rubare dal Bayern la loro mentalità e la loro cattiveria, così come quella del Real: sono squadre che quando vogliono vincere cambiano atteggiamento. Oggi loro non volevano prendere gol, neanche con la qualificazione già ottenuta. Per conquistare successi bisogna lavorare ogni giorno: io non ho vinto tanto ma ho visto tante persone farlo. Io capitano? Gli anziani in un gruppo devono essere da esempio. Anche chi ha 25-26 anni non deve sentirsi arrivato“.

 

25 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
25 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Commento da Facebook
Commento da Facebook
23 giorni fa

Allora allenatevi e testa bassa

Commento da Facebook
Commento da Facebook
24 giorni fa

E soprattutto dobbiamo rubare i giocatori…..

Commento da Facebook
Commento da Facebook
24 giorni fa

Pure i rigori…

Commento da Facebook
Commento da Facebook
25 giorni fa

Ce poi mettere tutta la cattiveria e l impegno che vuoi se quella partita la giochi 100 volte la perdi 101 quella é la squadra più forte del mondo non scherziamo

Commento da Facebook
Commento da Facebook
25 giorni fa

A poracci

Commento da Facebook
Commento da Facebook
26 giorni fa

Dovremmo
Rubargli il
Ds il primis

Commento da Facebook
Commento da Facebook
26 giorni fa

A muriqi fares escalante hoedt e patric oltre alla cattiveria servirebbe insegnare anche a giocare a calcio…

Commento da Facebook
Commento da Facebook
26 giorni fa

Secondo me la differenza sta tutta dal manico, loro oltre ad avere i campioni hanno anche un gioco, vedi pressing, noi manco i calci d’angolo ci alleniamo a battere.

Commento da Facebook
Commento da Facebook
26 giorni fa

Ci servono i giocatori

Commento da Facebook
Commento da Facebook
26 giorni fa

È na vita che rubate basta mo ve volete ruba pure la mentalità del Bayer monaco

Commento da Facebook
Commento da Facebook
26 giorni fa

Certo. Metti la cattiveria a fares e muriqi e diventano Davies e Lewandowski. Co sta leggenda della mentalità Ve sete squaiati er cervello.

Commento da Facebook
Commento da Facebook
26 giorni fa

É la società che ti dà quel tipo di carattere….

Commento da Facebook
Commento da Facebook
26 giorni fa

Se avete capito la motivazione che vi ha portati a rilassarvi. La troppa stima e la troppa esaltazione che vi hanno fatto tifosi, giornalisti ecc.Allora, rimettetevi a testa bassa con umilta’ a pensare al campionato. La prossima partita con l’udinese la dovete portare a casa. Non avete piu’ scusanti. Dovete cercare di tornare in champions, si sa che e’ difficile, ma dipende da voi, vincere il piu’ possibile in casa e fuori. Volere e’ potere, dovete crederci senza mai arrendervi fino al fischio finale.Forza Ragazzi vi e’ rimasto solo il campionato, pensateci!!!!!!!

Commento da Facebook
Commento da Facebook
27 giorni fa

Se con gli elogi che ti fanno perdi la testa (che poi parliamo di 4 mesi, se dovevi giocare altre due partite non entravamo neanche in Champion) …non imparerai mai nulla, né dal Bayern, ne da nessuno, sei solo un giocatorino ….

Commento da Facebook
Commento da Facebook
27 giorni fa

Ah..non la loro tecnica..ma la loro cattiveria!!
Sete unici…🤣🤣🤣

Commento da Facebook
Commento da Facebook
27 giorni fa

Ma che mentalità la acquisisci così? Con quei 2 salami di vomiTare e il ciccione?

Commento da Facebook
Commento da Facebook
27 giorni fa

L’unica cosa da fare è andare in Inghilterra o Germania x ingaggiare i migliori preparatori atletici e lasciarli lavorare con calma x qualche anno

Commento da Facebook
Commento da Facebook
27 giorni fa

GRANDE💪💪💪💪 PAROLO

Commento da Facebook
Commento da Facebook
27 giorni fa

Devi rubare al Bayern i soldi….pezzente tu Lotito e Tare😂😂

Commento da Facebook
Commento da Facebook
27 giorni fa

Pure i giocatori

Commento da Facebook
Commento da Facebook
27 giorni fa

Dai nantranno de contratto pure x il discorso axaxa

Commento da Facebook
Commento da Facebook
27 giorni fa

A me quello che più mi ha impressionato l’esultanza dell’allenatore, Dieter Flick, sul secondo goal … sembrava avesse vinto una finale. Segnale, anche, che non si lascia nulla al caso anche se all’andata avevi vinto con tre goal di scarto …

Commento da Facebook
Commento da Facebook
27 giorni fa

E anche il preparatore atletico

Commento da Facebook
Commento da Facebook
27 giorni fa

per avere la loro mentalità ci servirebbe la loro dirigenza…

Commento da Facebook
Commento da Facebook
27 giorni fa

Quello che ripeto da ottobre. L’anno scorso ha fatto sbarellare tutti: dalla società ai giocatori, dai giornalisti ai tifosi.
Si chiama OVERPERFORMARE. E questo ti ha spinto a sovrastimare il livello della rosa e di determinati giocatori, dandoti la presunzione di fare un mercato raffazzonato e non all’altezza della sfida che ti attendeva (riconferma in Champions).
Comunque l’anno prossimo vorrei vedere Parolo dirigente della Lazio con un ruolo operativo e non dietro le quinte.

Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Advertisement
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "rimpiazzato ovviamente da William Vecchi"

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "Sono un laziale di Piacenza e ricordo i tuoi primi passi in biancorosso, poi nella prima squadra della capitale ci hai fatto tutti impazzire !!!! Col..."

Addio Pablito: se ne va un altro simbolo del calcio

Ultimo commento: "Grande campione!"

#CountdownToHistory: Immobile colpisce anche il Cagliari

Ultimo commento: "Secondo me l'unico dubbio e' se Ciro , Silvio Piola , lo raggiunge in questo campionato 2020-2021 o nel prossimo 2021-2022"
Lazio, Tommaso Maestrelli

Lazio, oggi la ricorrenza della scomparsa di Maestrelli

Ultimo commento: "Ciao MAESTRO, con gli anni che passano aumenta sempre più il rimpianto di averti perso troppo presto. Da lassù, guida Simone."
Advertisement

Altro da News