Resta in contatto

News

Lazio, Biglia: “Insulti immeritati al mio addio. Ho rifiutato una big per restare a Roma”

Milan, grave infortuni per Biglia: a rischio la stagione

Lazio, le parole dell’ex centrocampista biancoceleste

Nella storia recente della Lazio ci sono stati tanti calciatori che hanno diviso la tifoseria, tra questi anche Lucas Biglia. L’argentino ha vestito il biancoceleste per 4 anni, collezionando 109 presenze. Inizialmente amato dai fan che però non hanno preso bene la sua decisione di non rinnovare ed approdare al Milan. Oggi Biglia ha parlato ai microfoni della Gazzetta dello Sport, ricordando gli anni biancocelesti:

FASCIA DI CAPITANO – “Inizialmente era destinata a Klose, lui però era a fine carriera e disse no; a quel punto il ballottaggio era tra me e Candreva ed il mister scelse me, poi Antonio rifiutò il ruolo di vice ma tra di noi non ci furono screzi. Per me fu un onore, una bella responsabilità”.

INSULTI – “Gli ultimi due giorni ad Auronzo furono difficili, ho ricevuto tanti insulti che secondo me non meritavo. Mi sono sempre comportato bene nei confronti della Lazio, sarò sempre grato a Tare per la fiducia”

ADDIO – “Per restare alla Lazio ho rifiutato una big europea, non dirò quale, per questo essere chiamato mercenario mi ha fatto molto male. Volevo restare a Roma, ma il rinnovo fu il più lungo della mia carriera, a quel punto ho preferito accettare il Milan, era una nuova sfida. Non ci vedo nulla di male”.

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest
1 Comment
Inline Feedbacks
View all comments
Ruggero
Ruggero
1 mese fa

Purtroppo noi ce la prendiamo con i giocatori xché amiamo la lazio e noi saremmo disposti a pagare di tasca nostra, x loro invece è questione di vita xché lo fanno x lavoro e la loro carriera è corta, la colpa comunque è soltanto di colui che ha trovato l’america con la lazio e da uomo che non sa nulla di sport usa la lazio solo x sfruttare qualsiasi tipo di situazione x guadagnare sempre di più e cerca di metterci contro i giocatori(stessa cosa con De Vraji), I giocatori dopo qualche anno di bugie capiscono e poi cambiano squadra… Leggi il resto »

Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Advertisement
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "rimpiazzato ovviamente da William Vecchi"

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "Sono un laziale di Piacenza e ricordo i tuoi primi passi in biancorosso, poi nella prima squadra della capitale ci hai fatto tutti impazzire !!!! Col..."

Addio Pablito: se ne va un altro simbolo del calcio

Ultimo commento: "Grande campione!"

#CountdownToHistory: gol contro il Napoli, Immobile prosegue la scalata

Ultimo commento: "Secondo me l'unico dubbio e' se Ciro , Silvio Piola , lo raggiunge in questo campionato 2020-2021 o nel prossimo 2021-2022"
Lazio, Tommaso Maestrelli

Lazio, oggi la ricorrenza della scomparsa di Maestrelli

Ultimo commento: "Ciao MAESTRO, con gli anni che passano aumenta sempre più il rimpianto di averti perso troppo presto. Da lassù, guida Simone."
Advertisement

Altro da News