Resta in contatto

News

Lazio, Gottardi: “Avevamo due rose mai viste in questo mondo. Zeman? Tante battute…”

Guerino Gottardi si è raccontato in un’intervista ai microfoni del Corriere della Sera ai microfoni di Andrea Sorrentino.

L’ex calciatore biancoceleste ha raccontato molti aneddoti del periodo biancoceleste.

“Potevi giocare ad occhi bendati e far decidere a caso chi mettere in campo. In quel periodo la Lazio aveva due squadre di fenomeni. Credo non si sia visto niente di simile nel mondo del calcio. A Milano abbiamo giocato con undici giocatori, poi tre giorni dopo, Eriksson, ne cambió nove per andare a giocarsi la qualificazione contro il Valencia. È successo tutto ciò davvero, io posso testimoniarlo.

Zeman? Non credo mi abbia voluto lui, ma pazienza. Ci ha insegnato tanto soprattutto in attacco.

Sono stato fortunato a giocare nella Lazio, mi sono divertito tanto in quell’avventura. Ricordo che Zeman mi faceva tante battute, delle volte mi giravano anche le scatole: “Che ti sei mangiato con i tuoi amici? Le pietre?” e poi ancora: “Loro possono mangiare perché giocano tutti in Nazionale”.

Ho aperto, con un socio, una scuola calcio vicino a Formello e faccio avanti e indietro appena posso. Sono molto contento di come sta andando il progetto, soprattutto perché c’è la possibilità di dare spazio a tanti bambini”.

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest

1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Lo storico difensore e capitano dello Scudetto del 2000

Alessandro Nesta

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

IL LIBERO E CAPITANO DELLA LAZIO DEL PRIMO SCUDETTO

Pino Wilson

L'indimenticabile allenatore della Lazio del primo scudetto

Tommaso Maestrelli

Una delle ultime bandiere e simbolo della Lazio

Vincenzo D'Amico

Advertisement

Immobile da record: Ciro a -1 dalla top 10 assoluta dei marcatori in A

Ultimo commento: "Mah , realizzare un calcio di rigore non è mai stata una cosa facile........tant'è che la sua mancata realizzazione ( ben due rigori falliti ) ci è..."

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "È stato e sarà per sempre il più grande goleador del mondo e segna sempre lui, e segna sempre lui, si chiama Beppe Signori, si chiama Beppe..."
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "Negli anni 70 avevo la mia camera tappezzata di sue immagini e ascoltavo sempre Battisti con i giardini di marzo. ..."
Lazio, Tommaso Maestrelli

Lazio, oggi la ricorrenza della scomparsa di Maestrelli

Ultimo commento: "Mi ricordo che tristezza"

#CountdownToHistory: Immobile nella leggenda

Ultimo commento: "Grandissimo"

Altro da News