Resta in contatto

Giulio Cardone

Lazio – Sampdoria, le Cardopagelle: Adam caterpillar, Toque supereroe

Lazio-Sampdoria: ecco i giudizi e i voti ai biancocelesti, dalla penna del direttore Giulio Cardone

 

Reina 6

Non si ricordano parate di Reina, potrebbe dire Inzaghi. La cosa clamorosa è che sbaglia un passaggio di piede, il primo dopo non so quante partite. Anche un bel dribbling nel primo tempo, ormai è una specie di trequartista.

Patric 6,5

È stato bravo, il ragazzo spagnolo. Ha rischiato di rovinare la bella prestazione con quel fallo in zona pericolosa nel finale, ma annullare Keita non è da tutti. Applausi.

Acerbi 7

Il nostro Leone torna ai suoi consueti livelli: non sbaglia nulla dietro e serve una gran palla a Immobile (Audero poi para il sinistro di Ciro). Adesso la grande sfida con Lewandowski: il Leone è pronto, sarà una battaglia.

Musacchio 6,5

Resta un mistero il fatto che non sia stato schierato come titolare a Milano. Se la cava con esperienza da stopper di sinistra: rischia il rigore con un intervento su Quagliarella, per fortuna è andata bene.

Marusic 7

Grande prova di Caterpillar, utilizzato sulla fascia destra al posto di Lazzari. Nonostante giochi da ala, recupera in tempo – potente e veloce – per coprire la sua zona. E serve un assist maldestramente sprecato da Muriqi. Si conferma in gran forma.

Milinkovic 7,5

Gigante in tutto quello che fa, in entrambe le fasi e con la palla tra i piedi. Fin troppo generoso quando vuole far segnare Muriqi invece di battere a rete per il 2-0. Anche lui pronto per la battaglia con la squadra campione di tutto.

Leiva 7

Mezzasquadra in formato Champions. Fin quando resta in campo, dirige e copre da maestro del centrocampo.

Luis Alberto 8

L’uomo-partita, senza dubbi. Quando lui e Sergej illuminano, la Lazio è una meraviglia. Settimo gol in campionato e una serie di giocate sempre belle e preziose. È tornato, il Toque: ne siamo felici, ce n’era un gran bisogno.

Lulic 6

Dopo un anno lontano dai campi, ci sta che il capitano faccia fatica. È una sufficienza di affetto puro, ma è totalmente fuori forma. Ci vuole tempo e pazienza, già è importante rivederlo in formazione dall’inizio.

Immobile 6

Voleva festeggiare il compleanno con un gol, Audero glielo nega. Secondo tempo di sacrificio, ora è importante che torni a colpire nella partita più attesa. Auguri, Ciruzzo!

Correa 6

Qualche spunto, ma in generale prova senza gli strappi necessari. Gli serve maledettamente un gol.

Akpa Akpro 6,5

Corre senza fermarsi un attimo, alterna giocate interessanti a qualche ingenuità: nel complesso contributo prezioso. Deve imparare a gestire l’irruenza.

Escalante 6,5

Tra le sue migliori prestazioni nella Lazio: interventi con il giusto tempismo, certo non gestisce la palla con la qualità e la freddezza di Leiva.

Muriqi 5

Non si può e non deve sbagliare un gol così. Peccato perché poco prima si era esibito in un colpo di tacco eccezionale. Ma quell’errore è troppo grave per un centravanti. Tra l’altro avrebbe chiuso la partita e non avremmo sofferto nel finale.

Fares 6

Parte bene, con un anticipo che innesca una ripartenza pericolosa, bloccata fallosamente da Ekdal, ammonito. Poi un paio di errori, comunque sufficienza è meritata.

Caicedo S.V.

 

Inzaghi 7

La sua Lazio reagisce bene a una settimana difficilissima, tra le polemiche per la sconfitta con l’Inter e il deferimento per il caos tamponi. Il merito principale del tecnico, far capire alla banda che ci si doveva concentrare unicamente su questa partita, senza pensare al Bayern. Missione incredibilmente compiuta, a differenza dell’andata. Bravo Simone, adesso puoi preparare una partita cui – lo so – tieni tantissimo, forse la più importante della tua carriera: forza mister, forza Lazio!​

3 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
3 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Angelo Vannicola
2 mesi fa

Non è vero che Acerbi non sbaglia nulla… Nel primo tempo serve a Quagliarella un assist che spara in alto, per fortuna…

fabrix
fabrix
2 mesi fa

Dispiace scriverlo, ma credo che Correa stia seguendo le orme di Zarate e Felipe Anderson. Spero di essere smentito

Commento da Facebook
Commento da Facebook
2 mesi fa

Ormai Toque ce lo chiami solo tu 😅

Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Advertisement
Lazio, Tommaso Maestrelli

Lazio, oggi la ricorrenza della scomparsa di Maestrelli

Ultimo commento: "Avevo 12 anni ero uno che quando segnava chinaglia urlavo e piangevo di gioa ,avevamo vinto due anni prima lo scudetto e appena quattro anni prima ero..."
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "rimpiazzato ovviamente da William Vecchi"

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "Sono un laziale di Piacenza e ricordo i tuoi primi passi in biancorosso, poi nella prima squadra della capitale ci hai fatto tutti impazzire !!!! Col..."

Addio Pablito: se ne va un altro simbolo del calcio

Ultimo commento: "Grande campione!"

#CountdownToHistory, Immobile aggancia Piola. Anzi no…! Ecco quanto manca

Ultimo commento: "Secondo me l'unico dubbio e' se Ciro , Silvio Piola , lo raggiunge in questo campionato 2020-2021 o nel prossimo 2021-2022"
Advertisement

Altro da Giulio Cardone