Resta in contatto

Rubriche

Inter – Lazio, Mica… mi sta bene la sfiga cosmica di Hoedt e Patric

Mica...mi sta bene

Nella rubrica diversamente diplomatica post Inter-Lazio c’è il polso di Fabbri, dei pullman di Conte e degli sfortunati difensori laziali.

Di Micaela Monterosso

Congiunzione astrale: modo di dire ma anche un vero fenomeno astronomico che ha un suo significato ed un valore particolare, considerato che non tutti i giorni si osservano congiunzioni tra astri.
Ieri sera – ad esempio – si sono congiunti l’astro della sfiga e quello del gufo sul trespolo.

Inizio dicendo che il rigore c’era, a scanso di equivoci. L’ho dovuto riguardare cinque volte. Alla sesta, un utente Twitter mi ha fatto un disegnino per spiegarmelo (grazie!). Fabbri l’ha visto prima che Lautaro cadesse (si è anche slogato un polso nell’impeto euforico di indicare il dischetto). Fischia il rigore e non si degna di andare al VAR a riguardare l’azione (eppure faceva freddo, magari una sgambata gli avrebbe fatto bene). Vero anche che al VAR c’era Irrati e non sarebbe cambiato il verdetto, anzi. Avremmo anche rischiato il rosso per Hoedt.
Non per fare sterile polemica, sebbene sia il senso della mia presenza qui, ma un rigore del genere va riguardato. Lo ha detto Simone, lo ha detto persino Sky, ci sarà un motivo?

Quell’episodio ha indubbiamente cambiato il sapore della partita, che fino a quel momento era stata equilibratissima. La Lazio ha saputo tenere il campo senza andare mai in sofferenza. C’ha pensato Patric a riportarci alla realtà, tenendo in gioco Lukaku in occasione dell’assurdo raddoppio nerazzurro. Qui torna il discorso di congiunzione astrale. Tallone (!!!) di Patric, rimpallo, raddoppio.

Voglio però spezzare una lancia: Hoedt e Patric sono pervasi da una sfiga cosmica. Come Fantozzi e Filini, hanno la triste abilità di ritrovarsi sempre nel posto sbagliato al momento sbagliato. È una colpa? No. Almeno, non nella misura che gli viene attribuita. Certo, non hanno le doti tecniche di Luiz Felipe e Radu, ma insultarli non li renderà improvvisamente Baresi e Maldini. Al contrario, rischiano di finire in un loop di insicurezze tale da portarli a fare sempre peggio. Ma che ve lo dico a fare? Basta aprire il profilo Instagram di Hoedt per capire quanto poco capiscano alcuni “tifosi”.

Facile prendersela con Hoedt e Patric ma bisogna essere obiettivi e capire che la partita, oltre che dagli episodi (non dubbi, ma nefasti) è stata condizionata anche dall’assenza di un paio di Big che sono stati annientati, letteralmente, dagli avversari. Se Di Francesco aveva piazzato il pullman davanti alla porta di Cragno, Conte c’ha piazzato due pullman, l’ambulanza e un paio di motorini, per non sbagliarsi. 
Sono stati più bravi? Sinceramente non credo. Al contrario, penso che la Lazio abbia giocato meglio dell’andata ma il risultato dice altro. 
Accettiamolo e non pensiamoci più.

Perdere a San Siro contro l’Inter ci sta. Specie dopo sei vittorie consecutive. Brucia, un po’, ma ci sta. Siamo ancora lì e mancano 16 giornate. Sabato abbiamo la Sampdoria, quella di Keita e Candreva. Vedete un po’ che dovete fare…

P.s. special della partita, indubbiamente, a Marco Parolo. Per un attimo ci ha ricordato Nesta con quella scivolata meravigliosa. Poi, si è perso Lukaku. Anche qui, però, non è colpa sua. Trovarsi a marcare Lukaku per Parolo equivale all’iscrivere me a un concorso di bellezza con Belen Rodriguez e Diletta Leotta. È accanimento, dai…

9 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
9 Commenti
più nuovi
più vecchi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
marco ruffolo
marco ruffolo
15 giorni fa

I giocatori scarsi, cara Micaela, si trovano sempre nel posto sbagliato al momento sbagliato. In più, quando fai salire costantemente in un folle arrembaggio il solo difensore bravo che hai, invece di farlo restare piantato al centro della difesa, la scarsessa di quei due, lasciati soli, emerge con ancora maggiore evidenza.

Cicciobello
Cicciobello
15 giorni fa

Analisi condivisa la tua, aggiugerei che Inzaghi c’ha messo del suo lasciando libertà di attaccare all’unico difensore tosto…..grave errore !! Per il resto miglior gioco della Lazio senza dubbio. La questione del rigore a parti invertite non so cosa avrebbe fischiato…..ma accontentiamoci.

Massimiliano
Massimiliano
13 giorni fa
Reply to  Cicciobello

D’accordo con te, ma sul rigore a loro assegnato, a parti invertite TI ASSICURO CHE NON AVREBBERO FISCHIATO NULLA, SE NON LA SIMULAZIONE DEL NOSTRO ATTACCANTE… P.s È chiaro anche a me l’intervento, senza dubbio ‘scomposto’ di Hoedt, ma è severissima l’interpretazione dell’arbitro(NON GUARDA NEMMENO IL VAR…). Senza o con l’ausilio della moviola, onestamente, l’olandese non fa assolutamente fallo su Lautaro; purtroppo, però, Wesley non prende il pallone e l’argentino ‘stramazza’ al suolo…. SALUTI

ANTONIO
ANTONIO
15 giorni fa

Sfiga cosmica a parte….Patrick in una partita contro la Juventus anni fa all’ultimo minuto fece un intervento a piedi uniti e gambe tese che ancora viene studiato nelle migliori scuole di arti marziali. Ovviamente rigore, ogni tanto si ripete del resto era l’ultima delle riserve e il fatto che adesso sia titolare la dice lunga su chi è arrivato dopo. Hoedt fu venduto perché ritenuto inferiore a Bastos ritenuto dopo insufficiente. Il rigore a parti invertite non dato? Sicuramente i due di cui sopra a parti invertite raccattapalle (forse nemmeno).

Commento da Facebook
Commento da Facebook
15 giorni fa

La sfiga cosmica è la nostra, che ci becchiamo Hoedt e Patric

Ruggero
Ruggero
15 giorni fa

La sfiga cósmica è avere tare e Lotito che li portano e investono dove non serve, hanno distrutto un grande attaccante come Caicedo che ha dato TANTISSIMO a questa squadra portandoci dove siamo, facendoci sognare(insieme agli altri certo), non meritava questo trattamento solo x giustificare la spesa che hanno fatto x muriqi, sono dei dilettanti…… o c’è dell’altro, non è possibile sono 3 anni che giochiamo con la stessa squadra più lazzari, non hanno fatto o saputo fare niente per rafforzare questo collettivo, inzaghi non può sempre fare miracoli, tutti scarti delle altre squadre a parametro zero, compreso Reina che… Leggi il resto »

Commento da Facebook
Commento da Facebook
15 giorni fa

già uno non è all’altezza (non dimentico il giubilo misto ad incredulità quando lo vendemmo ad una cifra assurda) e l’altro è un adattato (come anche Parolo), ci manca solo che gli attacchiamo pure l’etichetta di sfigati… PER CRESCERE ANCORA E LOTTARE PER IL PRIMO POSTO BISOGNA MIGLIORARE GLI INTERPRETI IN DIFESA. E in certe partite dovremmo imparare ad essere più furbi…

Commento da Facebook
Commento da Facebook
15 giorni fa

Quando un giocatore è scarso c’è poco da parlare di sfiga.

Massimiliano
Massimiliano
13 giorni fa

Fai bene a pigliarla con filosofia…. Gentile Micaela, ieri sera mi riguardavo attentamente alla moviola il secondo goal dell’Inter, E HO VISTO CHIARAMENTE QUELLO DI CUI ERO GIÀ SICURO: IL ‘GOAL’ ERA PALESEMENTE IRREGOLARE, visto che il guardalinee sbandiera fuorigioco e l’arbitro ne prende chiaramente atto. Ciò che ci hanno fatto vedere in tv(VAR…) è avvenuto qualche secondo dopo, TRA L’INCREDULITÀ DI LUKAKU STESSO, che si ritrova stranamente… in linea con i difensori biancocelesti,NEL PROSEGUO DELL’AZIONE IRREGOLARE !! P.s Ti leggo sempre con attenzione, e mi scuso, poiché da Laziale Vero, quale sono da 40 anni ormai, preferirei non lamentarmi;… Leggi il resto »

Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Advertisement

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "Sono un laziale di Piacenza e ricordo i tuoi primi passi in biancorosso, poi nella prima squadra della capitale ci hai fatto tutti impazzire !!!! Col..."

Addio Pablito: se ne va un altro simbolo del calcio

Ultimo commento: "Grande campione!"

#CountdownToHistory: Immobile colpisce anche il Cagliari

Ultimo commento: "Secondo me l'unico dubbio e' se Ciro , Silvio Piola , lo raggiunge in questo campionato 2020-2021 o nel prossimo 2021-2022"
Lazio, Tommaso Maestrelli

Lazio, oggi la ricorrenza della scomparsa di Maestrelli

Ultimo commento: "Ciao MAESTRO, con gli anni che passano aumenta sempre più il rimpianto di averti perso troppo presto. Da lassù, guida Simone."

Altro da Rubriche