Resta in contatto

L'angolo dell'avversario

Lazio-Cagliari, Di Francesco: “Abbiamo concesso poco alla Lazio. Nervosismo? Cose di campo”

Di Francesco

Lazio-Cagliari, le parole del tecnico dei sardi nel post partita

La ventunesima giornata di Serie A si è chiusa con Lazio-Cagliari. Gara finita 1-0 per i padroni di casa grazie al solito Ciro Immobile. Il tecnico dei sardi Eusebio Di Francesco a fine gara si è fermato ai microfoni di Sky Sport:

Ero nervoso sia per le palle che sparivano, ma soprattutto perché non riusciamo a raccogliere il bene che facciamo. Quello che succede in campo, resta in campo. Ci sono molte persone che conoscono la situazione che sto affrontando e sanno come posso comportarmi“.

PARTITA – “Sono arrivato qui con molte assenze, mi sono dovuto adeguare alle disponibilità. Non abbiamo concesso tantissime occasioni alla Lazio, hanno avuto poche situazioni pericolose. Modulo? Era una necessità, lo feci anche con la Roma contro il Barcellona. Non posso lamentarmi dei miei ragazzi, hanno giocato bene. Il secondo tempo non siamo stati bravi a ripartire, ci è mancato il possesso nelle ripartenze. L’avevamo preparata sapendo come si sarebbero mossi sia in fase offensiva che difensiva. Loro ti costringono ad abbassarti e per quello devi essere coraggioso per controbattere. Abbiamo preso gol su un lancio e colpo di testa di Milinkovic, spesso si inserisce e abbiamo sbagliato a non seguirlo“.

INFORTUNI – “Abbiamo preso Asamoah che era inattivo da tanto tempo; Rugani ha giocato poco nel Rennes. Duncan è infortunato, Radja si è sacrificato un po’ abbassandosi e ho provato ad allargare il campo con gli esterni. Abbiamo diverse assenze che pesano“.

NAINGGOLAN – “Ha voluto fortemente il Cagliari, lui fa meglio quando è più vicino alla porta,  quando si abbassa fa più fatica. Oggi gli è mancata un po’ di qualità“.

Qui le parole raccolte dai colleghi di Calcio Casteddu:

Di Francesco: “Situazione che inizia a pesare. Darò seguito al 3-4-2-1”

34 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
34 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Lo storico difensore e capitano dello Scudetto del 2000

Alessandro Nesta

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Il libero e capitano della Lazio del primo scudetto

Pino Wilson

L'indimenticabile allenatore della Lazio del primo scudetto

Tommaso Maestrelli

Una delle ultime bandiere e simbolo della Lazio

Vincenzo D'Amico

Advertisement

Altro da L'angolo dell'avversario