Resta in contatto

Parola ai tifosi

Una riflessione mediatica sulla disparità di trattamento tra Lazio e Roma

Sono uno studioso di comunicazione e un tifoso della Lazio e vi propongo una riflessione mediatica e non sportiva.

Di Adriano Ercolani

Ecco alcuni dati per introdurre una riflessione.
– Prima del recente derby, Il Messaggero ha dato lo stesso giorno la stessa notizia dello stesso comportamento dei tifosi delle due squadre di Roma in maniera opposta: quello dei laziali era assembramento, quello dei romanisti un momento di tifo per caricare la squadra.
– Fabio Caressa, commentatore principale di Sky Sport e noto tifoso romanista, ha detto nel commento alla partita: “Beh, erano anni che la Lazio non vinceva un derby così”. La partita è finita 3-0 per la Lazio, stesso risultato del derby di ritorno di meno di due anni fa. Quelli successivi si è pareggiato. Quindi l’ultima vittoria precedente nelle stracittadine romane è della Lazio, con lo stesso risultato. Parliamo del giornalista sportivo italiano più famoso nella trasmissione dedicata al commento della partita trasmessa in esclusiva.

Ora, da laziale sono abituato a questo trattamento, da studioso di comunicazione sono abituato ad analizzarlo.
Questa surreale disparità di trattamento nasce dalla peculiare condizione mediatica dell’AS Roma di essere una squadra storicamente di scarse vittorie (come la Lazio, del resto), che però è la più tifata nella Capitale, dunque ha tifosi in tutte le redazioni principali. Questo crea una sproporzione mediatica, soprattutto discriminatoria nei confronti della Lazio, ma
che in generale enfatizza, spesso ridicolmente, tutto ciò che di positivo che ruota attorno ai giallorossi. Mentre, come nei casi citati tutto ciò che è negativo (sul piano sportivo o dei comportamenti) viene rimosso.

A parti invertite, succede il contrario: ogni notizia positiva viene attenuata, ogni notizia negativa viene amplificata. Da sempre.

Certo, è anche un banale motivo di vendite: i romanisti sono di più dei laziali e inoltre, essendo poco avvezzi alle vittorie, è quasi necessario compiacerli continuamente con titoli enfatici, prime pagine esaltanti, DVD e gadget.
Peccato che stiamo parlando non di partite di calcetto fra amici, ma di società quotate in borsa. E viviamo in un momento storico in cui la comunicazione, soprattutto sui social, è in grado di influenzare le elezioni politiche nei paesi chiave dello scacchiere internazionale, figuriamoci una piazza calcistica.

Mi sovvengono alcuni esempi in tre ambiti diversi, tratti dalla storia lontana e recente: uno sportivo, ridicolo, nel periodo in cui Sinisa Mihajlovic per la Lazio mise il record di goal su punizione superando Maradona, il romanista Assuncao fece un goal su punizione in una amichevole estiva e Il Corriere dello Sport titolò “Assuncao, ma come fai?”.

Uno, disgustoso, su un crimine: quando dei tifosi della Roma mandarono in coma un tifoso inglese con una carica di circa 20 persone contro 1 (al grido di “Forza Roma”, come testimoniato da un video), la stampa arrivò a dire che il problema era la possibile alleanza, nella gara di ritorno, tra tifosi stranieri e laziali per organizzare una vendetta.
Ripeto, alcuni tifosi romanisti hanno commesso un crimine, ma il problema della stampa era l’eventuale possibilità di crimine dei laziali.

Del resto, quando i tifosi della Lazio si rendono protagonisti di striscioni razzisti (sbagliando) ci sono pagine e pagine di articoli indignati, che identificano la tifoseria intera con gli autori di quei gesti, quando il quartiere della Balduina fu tappezzato di volantini antisemiti a firma di un gruppo tifoso giallorosso si parlò di “presunti romanisti”.

Quindi, se i romanisti compiono un crimine, il problema è l’eventuale risposta dei laziale.
Se i romanisti rivendicano un atto razzista sono “presunti tali”.
Se un delinquente per caso tifa Lazio, i laziali sono delinquenti.

A livello sportivo, banalmente, la statistica è infinita, basta leggere i giornali della scorsa settimana: la Lazio il 10 gennaio vince col Parma, reduce da quattro sconfitte, e i titoli sono per “la prima vittoria del 2021″ e di una Lazio che “rovina la festa a D’Aversa”, appena tornato sulla panchina emiliana.  Ovvero, se una squadra agli ottavi di Champions ne batte una alla quinta sconfitta consecutiva rovina un risultato a un allenatore richiamato perché la situazione è drammatica. Non stiamo parlando di Guardiola che torna ad allenare il Barcellona per un ultima volta per il suo addio al calcio.

È da sempre così: ricordo un DVD su Totti, al di là dei colori giocatore immenso e bandiera indiscutibile, chiamato “Inseguendo Piola“, riferendosi al “record” di Totti come secondo marcatore di tutti i tempi. Lasciando perdere che Piola è stato un giocatore storico della Lazio, protagonista di derby epici, negli anni in cui guidava l’Italia alla vittoria di due Mondiali, il punto è: Totti è un campione, ha tantissimi
record, ha segnato goal memorabili…Ma perché devi fare un DVD in celebrazione di un record…che non ha?

Non a caso, al contrario, il documentario “Mi chiamo Francesco Totti” è fatto secondo in maniera equilibrata, esaltando la sua grandezza di giocatore e di bandiera in maniera corretta e non enfatica, tutto sommato anche rispettoso e leale nei confronti dei rivali cittadini. Come mai? Semplice: perché non è stato fatto da un tifoso della A.S. Roma.

È veramente impensabile come dopo anni di prese in giro perché “parlano sempre prima”, dopo Osvaldo e Naingolann, dopo Marione e il fondo de “;Il Romanista” prima del 26 maggio, ancora i tifosi, opinionisti (con la apprezzabile eccezione di Asso di Roma) e giocatori della A.S. Roma ci caschino: Rizzitelli e Zaniolo su tutti. Una settimana di dichiarazioni improvvide, insulti, manifestazioni di disprezzo e superiorità, spacconeria di basso livello.
Risultato: Lazio-Roma 3-0.
Risultato bugiardo, perché troppo stretto, rispetto all’assoluto dominio tattico e psicologico della partita.

Eppure, nonostante una disfatta netta e indiscutibile, oggi commentatori come Marione e Galopeira deliravano sulla pressione psicologica sull’arbitro, sulla posizione di Caicedo sul primo goal (quando pochi anni fa noi vincemmo comunque un derby nonostante alla A.S. Roma fosse stato assegnato un rigore dopo la più ridicola delle simulazioni a mia memoria, da parte di Strootman, con tanto di gestaccio di De Rossi sotto la Nord a rigore segnato), ribadendo che la Lazio è una squadra di medio-
bassa classifica.

Davanti all’evidenza, negano. Il tifoso della A.S. Roma è così: si autofomenta, creando una narrazione trionfalistica e vivendo, grazie a giornalisti con la sciarpa giallorossa al collo, in una dimensione parallela, distante anni luce dal nostro livello di realtà presente, in cui ogni anno la A.S. Roma vincerà lo Scudetto e la Lazio è una squadretta inferiore.
Con tutto che negli ultimi dodici anni la Lazio ha vinto sei trofei e la Roma zero. E negli ultimi venticinque la Lazio ne ha vinti tredici, di cui due europei, e la Roma cinque. Non conta nulla, per il tifoso della A.S. Roma i fatti non contano: loro sono “i mejo” a prescindere.

Il tifoso della Lazio, al contrario, cosciente della pressione mediatica, ha imparato ad essere prudente, scaramantico, fin troppo cauto.

Quindi, da studioso di comunicazione, analizzo la dinamica mediatica.
Da tifoso, sono contento.
Perché è grazie a questo che noi vinciamo i derby con grinta e cattiveria.
Perché è grazie a questo che da dodici anni non vincete nulla.

41 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
41 Commenti
più nuovi
più vecchi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
Alfarone vincenzo
Alfarone vincenzo
1 mese fa

Non dimentichiamo le puncicate goliardiche per il messaggero dove gli ultrà della Roma accoltellano chiunque passasse sul ponte con colori diversi dai loro!

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

Comunque questi non sono giornalisti, bensì giornalai con straccali giallozzozzi 🤮🤮🤮🤮🤮🤮

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

Abbiamo un nuovo responsabile della comunicazione. Vedremo i risultati..

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

Articolo degno del premio Pulitzer

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

Gli scoppia il cuore

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

Tutto ok…ma hai dimenticato il calcio scommesse…nessuno crederà mai la riomma ne era fuori.,.

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

3 a 0 il resto è fuffa…

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

Se dai ARIPETEMO ER DERBY CHE CE STAVA ER FORIGGGGGIOGO DE CAICEDO,ER GO DE TURONE ERA BBBBBONO,CHIEDEMO IIIINTEROGAZZZZZIONE PARLAMENTARE,LOTITO SAAAA COMMMMMANNA,O SSSSSADIO,AAAAEREO DAAA LANZIE,SCIPPO E GOMBLODDO!!!!

fabrix
fabrix
1 mese fa

Tuo articolo da sottoscrivere. Ci sono anche delle motivazioni politiche e personaggi che occupano (non so quanto per merito) funzioni pubbliche a favore della seconda squadra della città, che andrebbero aggiunti a quanto scritto. Arcuri from Calabria ultimo esempio.

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

Siamo abituati…. da sempre ….: per questo più forti belli e sani di loro

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

Se come immagino avete rivisto la partita saprete che Caressa ( dubito anche che sia romanista) si è immediatamente corretto citando il 3-0 dello scorso anno,ma lo studioso fazioso ha omesso questo particolare. Non mi risulta inoltre che il messaggero o qualsiasi altro organo di informazione abbia fatto disparità. La solita falsa propaganda

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

A poracci!

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

Ringraziamo chi ha scritto questo articolo che però nonostante ricordi la vicenda Assunsao pare troppo giovane per meravigliarsi ancora. Sono fatti arcinoti al quale abbiamo fatto il callo. Nonostante ciò l’articolo è perfetto e andrebbe distribuito in tutta Europa per aprire gli occhi a chi oltre confine si infatua dei giallorossi senza conoscerne storia e porcherie.

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

Pezzenti

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

Poesia.

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

Bellissimo articolo…aggiungerei l’interrogazione parlamentare del deputato alla camera Fabio Rampelli sulla partita Roma Juventus…li veramente si toccò il fondo e fortunatamente fu sepolto da critiche…purtroppo loro sono questi…e non è solo il gioco del calcio… è qualcosa di più…

mario
mario
1 mese fa

…e pure le scie chimiche

orlando sacchetti
orlando sacchetti
1 mese fa

Purtroppo è una storia vecchia io che sono datato ricordo che negli anni 70 il Presidente Lenzini molte volte non faceva entrare i giornalisti al campo di allenamento del resto con barigelli zazzaroni volpi mazzocchi caressa mangiante sanipoli luna e tanti altri cosa vogliamo aspettarci? Io li chiamo piccoli giorgio martino crescono speriamo che il nuovo addetto alla comunicazione con la faccia da cinese si faccia sentire

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

Articolo semplicemente perfetto

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

…ma fatela finita!!! state sempre a piagne, nun ve smentite mai… ma quando maturerete???

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

Soliti ignoranti

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

Vi e rimasto solo Questo per dare contro alla Lazio !!!! Quello che conta è il campo , vi abbiamo asfaltati come sempre !!!!!!! Romanisti cani randagi

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

Concordo su tutto, tranne sul definire equilibrato il film su Totti.

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

Pazzesco

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

Non a caso li chiamo “IL MENZOGNERO” e “IL CORRIERE DI CICORIA” e ho aggiunto “LA CALZETTA ROSA” ho tanti anni e quando ero bambino spesso i goal della LAZIO erano autoreti sui giornali suddetti

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

Non a caso li chiamo “IL MENZOGNERO” e “IL CORRIERE DI CICORIA” e ho aggiunto “LA CALZETTA ROSA” ho tanti anni e quando ero bambino spesso i goal della LAZIO erano autoreti sui giornali suddetti

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

..grande…

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

..grande…

Nico
Nico
1 mese fa

Condivido anche le virgole

Dirk
Dirk
1 mese fa

La loro boria e supponenza che poi sconfinano nell’invidia e nella rabbia sono inversamente proporzionali al contenuto della loro bacheca .

Dirk
Dirk
1 mese fa

Non dimentichiamo ultimamente il can can fatto un pò da tutti sui tamponi prima positivi poi negativi e sui dubbi per il laboratori di Avellino, salvo poi accorgersi che la stessa cosa è accaduta anche ad altre squadre. Vogliamo parlare dell’aereo? Hanno fatto le pulci su tutto l’apparecchio e hanno consentito le riprese vietate con tanto di sberleffo sui social. E poi dicono che siamo complessati. L’osso è duro da rosicare vero? Soprattutto poi quando va per traverso!

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

Giornalai da quattro soldi

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

Guarda che Caressa è un deficente e non è affatto della Roma

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

Ammazza quante stupidaggini tutte insieme, godetevi questa vittoria e basta

Luciano
Luciano
1 mese fa

Equilibrato e Obiettivo.Non serve a Noi Laziali ,Essere preveggienti,e arroganti.Questo privilegio,lasciamolo ai “cugini”,Mai troppo,o per niente Amati.Noi Siamo Laziali,Voliamo Alto,ed abbiamo portato il Calcio a Roma

Stefano
Stefano
1 mese fa

Sei un grande, condivido pienamente quello che hai scritto e comunque sempre FORZA LAZIO

Renzo
Renzo
1 mese fa

Ciao sono un tifoso laziale da sempre quindi sono circa cinquantacinque anni che seguo la Lazio quello che hai detto è pura verità,ma ha noi poco importa perché ” noi” siamo la parte nobile di questa città e loro oltre ha saperlo lo accusano fortemente questo disagio.
Comune grazie che finalmente qualcuno parla di queste cose e sempre e ovunque forza grande Lazio

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

Olio su tela

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

Basta vedere il messaggero, metterà 1 articolo sulla Lazio e almeno 3 / 4 sulla Roma, ho anche scritto alla redazione per chiedere il perche ma ovviamente non mi hanno risposto

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

Avete già il Corriere dello Sport laziale, che fa i titoli con il beneplacido di Lotito, lasciateci il Messaggero!!

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

Analisi impeccabile. Purtroppo impossibile da divulgare perchè sarebbe battezzato come articolo di parte. Ma c’è la sostanza del tutto

Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Advertisement

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "Sono un laziale di Piacenza e ricordo i tuoi primi passi in biancorosso, poi nella prima squadra della capitale ci hai fatto tutti impazzire !!!! Col..."

Addio Pablito: se ne va un altro simbolo del calcio

Ultimo commento: "Grande campione!"

#CountdownToHistory: Immobile colpisce anche il Cagliari

Ultimo commento: "Secondo me l'unico dubbio e' se Ciro , Silvio Piola , lo raggiunge in questo campionato 2020-2021 o nel prossimo 2021-2022"
Lazio, Tommaso Maestrelli

Lazio, oggi la ricorrenza della scomparsa di Maestrelli

Ultimo commento: "Ciao MAESTRO, con gli anni che passano aumenta sempre più il rimpianto di averti perso troppo presto. Da lassù, guida Simone."

Altro da Parola ai tifosi