Resta in contatto

Rubriche

Lazio-Roma: il complesso di superiorità #MicaMiStaBene… ma continuate pure

Mica...mi sta bene

Lazio-Roma, c’è chi parla troppo e chi gioca un’amichevole… #MicaMiStaBene

a cura di Micaela Monterosso

Complesso di superiorità: si indica una forma di complesso caratterizzata da un eccesso di autostima e da una profonda sensazione di sentirsi superiori e più importanti degli altri in una o più determinate circostanze. Spesso è un sentimento inconscio ma in alcuni casi (non in questo) il soggetto può rendersi conto di averlo. A contrapporsi al complesso di superiorità, c’è il complesso di inferiorità. Apparentemente opposto, tuttavia rappresenta l’altra faccia della stessa medaglia e molti dei meccanismi sono comuni. (se volete approfondire, vi invito a leggere qui ).

In principio fu Francesco Totti, seguito da De Rossi, Nainggolan fino ad arrivare a Zaniolo passando per Rizzi(chi?)telli e Arcuri (no, non Manuela, purtroppo). Chi più, chi meno, rappresentanti della bandiera di Essi nel mondo. Li riconosci perché parlano prima, sempre prima. Danno per scontato che la loro squadra sia superiore ammettendo – tra i denti – che si tratta di un’amichevole per tutelarsi, in caso di figuraccia. Lo sanno, uh se lo sanno. Questa storia dell’amichevole si ritorcerà contro il povero Ruggero negli anni a venire (anche i tifosi sono sul piede di guerra. Ruggero, resisti!). Come le parole di De Rossi alla vigilia del 26 maggio, o quelle di Nainggolan prima della doppia sfida di Coppa Italia, (ti fidi?) Ecco, non imparano mai. Continuano, insistentemente, a ripetere gli stessi errori. Grazie! Se non ci foste, bisognerebbe inventarvi…

Io lo avevo detto in tempi non sospetti che Rizzi(chi?)telli aveva ragione. Un’amichevole contro una piccola squadra. Sono stata tacciata di parlare prima, quando in realtà gli ho solamente dato ragione, avendo già chiaro cosa sarebbe successo. Un’amichevole vinta con la stessa facilità con cui si vincono le amichevoli di Auronzo, però senza la montagna. Lo sapeva Caicedo, che li ha annichiliti su Twitter (lui che i social li usa meno di mia madre), lo sapeva Cataldi, lo sapeva Ciro e lo sapeva anche Simone. Lo sapevano Tare e Lotito, in tribuna con la copertina sulle gambe, lo sapevano i tifosi che erano a Formello ieri pomeriggio. Lo sapevamo tutti, ma nessuno di noi ha parlato. Li abbiamo guardati, sorridendo, e gli abbiamo fatto una simbolica (e distanziata) carezza sulla testa senza dire altro.

Avevo detto anche che se la Lazio ci avesse messo il cuore, non ce ne sarebbe stato per nessuno. Tanto rumore contro tanto silenzio, il loro. Lazzari era indemoniato, sembrava Forrest Gump (c’è chi dice di averlo visto correre sul raccordo per tornare a casa, mentre Ibanez ha prenotato una sessione straordinaria dall’analista). A proposito di Lazzari, a Sky si sono accorti che esiste. Un applauso per la mestizia. Luis Alberto è un folle, ma lo sappiamo. Immobile è Immobile, senza bisogno di altre parole. L’immagine con tutta la panchina in piedi abbracciata in attesa del fischio finale rende bene l’idea di quello che è la banda Inzaghi. Non spezzate l’incantesimo, questa è la Lazio che voglio vedere da qui alla fine della stagione. Se giochiamo così, non dobbiamo avere paura di nessuno.

PS. Bell’amichevole, comunque. La prossima volta – però – portate i titolari, sennò non vale. Ah, erano i titolari? Vabbè, spiaze.

14 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
14 Commenti
più nuovi
più vecchi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

Purtroppo so duri de comprendonio!!!!😂😂😂😂🦅🦅🦅🦅🦅

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

A me invece sta bene perchè arrivano gonfi come mongolfiere poi basta un Lazzari qualunque che li sgonfia e fanno il botto

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

Grande!

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

Bravissima 👏 👏👏👏👏💙

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

Comunque sempre complesso superiorità c’è si tratta solo di avere il nome giusto e più scudetti vinti più coppe italie vinte più derby vinti insomma più superiorità di così

Jimmy
Jimmy
1 mese fa

E una coppa delle fiere do’ la metti?

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

Continuano, imperterriti, anno dopo anno!! Ormai li ascolto senza profferir verbo!! Sono in continuo stato di allucinazione!! Un interessante caso psichiatrico di massa!!

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

Ve state a monta la capoccia e state al 7 posto, calmi😂😂

Mistral
Mistral
1 mese fa

E niente…hai perso 46 minuti della tua vita per leggere sillabando l’articolo e non hai capito nulla. Se la Lazio ed i laziali hanno un difetto è proprio quello di non esaltarsi mai. Sciocchino 🙂

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

Poracci dal 1900

Emiliano
Emiliano
1 mese fa

Articolo inappuntabile. Anche se per me il top rimane il riscaldamento/festeggiamento sotto la sud il 26 maggio.

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

Articolo perfetto e inappuntabile. Per me comunque il top rimane il festeggiamento anticipato sotto la sud il 26 maggio

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

una sconfitta passa ,ma essere laziali resta.

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

Dopo il primo tempo, nella speranza di una reazione, eravamo rimasti molto perplessi sul regalo del primo gol e su come non si possa non annullare il secondo gol. Ma a fine partita abbiamo capito che ogni discorso arbitrale viene questa volta a cadere, perfino davanti ad un secondo gol da ufficio inchieste. Non faremo a gara è chi è più Romanista dopo una sconfitta che fa così male. La Roma è ovviamente la nostra Vita e così sarà per sempre. E speriamo presto di tornare a manifestare il nostro Romanismo allo stadio. Ieri l’avete fatta grossa, non siete entrati… Leggi il resto »

Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Advertisement

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "Sono un laziale di Piacenza e ricordo i tuoi primi passi in biancorosso, poi nella prima squadra della capitale ci hai fatto tutti impazzire !!!! Col..."

Addio Pablito: se ne va un altro simbolo del calcio

Ultimo commento: "Grande campione!"

#CountdownToHistory: Immobile colpisce anche il Cagliari

Ultimo commento: "Secondo me l'unico dubbio e' se Ciro , Silvio Piola , lo raggiunge in questo campionato 2020-2021 o nel prossimo 2021-2022"
Lazio, Tommaso Maestrelli

Lazio, oggi la ricorrenza della scomparsa di Maestrelli

Ultimo commento: "Ciao MAESTRO, con gli anni che passano aumenta sempre più il rimpianto di averti perso troppo presto. Da lassù, guida Simone."

Altro da Rubriche