Resta in contatto

Giulio Cardone

Parma – Lazio, le Cardopagelle: Lazzari imprendibile e Sergej sontuoso

Parma – Lazio finisce 0 a 2, ecco i giudizi sui biancocelesti del direttore Giulio Cardone

Reina 7,5

Decisivo il tuffo per respingere la testata di Cornelius, sullo 0-0. Reattività da ventenne, piedi da veterano qual è. Perfetto.

Luiz Felipe 7

All’inizio qualche affanno su Gervinho, poi cresce e il secondo tempo è da applausi in ogni intervento. Ben 12 recuperi, record nella partita. Confortante vederlo così a pochi giorni dal derby.

Acerbi 7

Qualche sortita in avanti di troppo, per il resto impeccabile. Abbiamo tremato quando si è toccato (più volte) l’adduttore destro, ma visto che è rimasto in campo non credo ci siano problemi per il derby. Troppo importante, Leone.

Radu 6,5

Poteva dare una mano a Marusic nel duello aereo con Cornelius, ma con la palla a terra gioca un’altra partita da vero Radu. Sente profumo di derby, normale che la sua forma migliori…

Lazzari 8

Secondo assist spaccapartita per Speedy Gonzalez. Ma stavolta, a differenza di mercoledì, gioca alla grande tutta la gara, motorino imprendibile sulla destra. Bravo Manuel, ti vogliamo così.

Milinkovic 8,5

Partita sontuosa del Sergente. Unico a reggere il centrocampo nel primo tempo, nella ripresa avvia l’azione del primo gol e confeziona l’assist del secondo. Oltre a mille giocate utili. Bello e concreto, dominante.

Leiva 6,5

L’ho visto un po’ arrancare nel primo tempo, piano piano è cresciuto ma Mezzasquadra deve ritrovare la forma migliore, si vede. Per ora se la cava con l’enorme intelligenza tattica, oltre che con l’esperienza che conosciamo.

Luis Alberto 7,5

Primo tempo preoccupante, ma il gol alla Rivera (tocco di piatto di immensa classe, come il Golden Boy rossonero nel famoso 4-3 alla Germania, anche se in quel caso il passaggio di Boninsegna arrivava da sinistra) è troppo bello e importante per scendere sotto questo voto. Spreca subito dopo un’altra occasione, lo perdoniamo: il Toque ci serve lucido, ispirato e su di morale nella battaglia contro Essi.

Marusic 6,5

Perde il duello aereo con Cornelius e “costringe” Reina al miracolo, nella ripresa però si riscatta con un buon lavoro in entrambe le fasi. Deve sfruttare meglio la sua potenza, discorso vecchio

Caicedo 8,5

Cinque conclusioni e un dribbling prodigioso nel primo tempo, un gol facile ma importante nella ripresa: lo togliamo dal mercato il Panterone, please?

Immobile 7

Il bel voto è per il tocco da numero 10 con cui libera Milinkovic davanti a Sepe: così arriva il 2-0 di Caicedo. Nel primo tempo, poco servito, solo un tiro alto, nella ripresa grazia Sepe sullo 0-0. Fa un effetto strano non vederlo nel tabellino dei marcatori. Ha segnato 15 gol nelle sue ultime 16 gare, sarebbe il caso di mettere a posto i conti nella prossima partita…

Akpa Akpro 6,5

Ammonizione a parte, si vede che è tornato brillante: si gira in un attimo, è veloce e potente, resta un’alternativa “vera”.

Cataldi 7

Sente profumo di derby, come Radu, e sforna 23 minuti assolutamente perfetti. Zero errori nel fraseggio e nelle letture difensive. È tornato anche Danilo, oh yes. Ora aspettiamo controprove in partite più impegnative.

Pereira 6,5

Ancora una volta mostra le sue qualità tecniche, i guizzi, la velocità, la facilità di tiro (dote da sfruttare, assolutamente). Incoraggiante vederlo entrare con questa voglia, significa che il chiarimento con Inzaghi, dopo l’atteggiamento polemico di mercoledì, è reale e non di facciata.

Patric 6

Gioca nel suo vero ruolo, quinto di destra, ma entra troppo tardi per dare un contributo concreto.

Djavan Anderson 6

Si rivede dopo tanto tempo, partecipa alla parte finale del recital.

Inzaghi 7,5

Il mister deve interrogarsi su quel primo tempo non da Lazio. Di sicuro avrà funzionato il suo discorso all’intervallo, visto che la banda nella ripresa si scatena e suona un’altra musica. Rock puro per 45 minuti, Parma stordito. Cambi impeccabili, come la sua presa di posizione per trattenere Caicedo. Ora lo aspettano giorni intensi, noi siamo con lui. Forza Simone, forza Lazio!

5 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
5 Commenti
più nuovi
più vecchi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
Ruggero
Ruggero
1 mese fa

Xfetta disamina, d’accordo su tutto

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

Voti troppo generosi considerando la pochezza dell’avversario, imbottito di riserve delle riserve.

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

Come sempre d’accordo

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

Sei stato molto generoso

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

Classico commento di in giornalista filo-socetario

Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Advertisement

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "Sono un laziale di Piacenza e ricordo i tuoi primi passi in biancorosso, poi nella prima squadra della capitale ci hai fatto tutti impazzire !!!! Col..."

Addio Pablito: se ne va un altro simbolo del calcio

Ultimo commento: "Grande campione!"

#CountdownToHistory: Immobile colpisce anche il Cagliari

Ultimo commento: "Secondo me l'unico dubbio e' se Ciro , Silvio Piola , lo raggiunge in questo campionato 2020-2021 o nel prossimo 2021-2022"
Lazio, Tommaso Maestrelli

Lazio, oggi la ricorrenza della scomparsa di Maestrelli

Ultimo commento: "Ciao MAESTRO, con gli anni che passano aumenta sempre più il rimpianto di averti perso troppo presto. Da lassù, guida Simone."

Altro da Giulio Cardone