Resta in contatto

News

Lazio, Inzaghi: “Preparazione della gara dura, soddisfatto di risultato e prestazione”

Spezia – Lazio, le parole del tecnico Inzaghi a fine gara

La Lazio supera lo Spezia 2-1 con le reti di Immobile, Milinkovic e Nzola per gli ospiti. A fine gara le parole di Simone Inzaghi a Sky:

PARTITA – “Sono molto soddisfatto perché ho chiesto tigna alla squadra. Sapevamo di trovare una squadra che gioca bene a calcio, ma sono stati bravi i ragazzi  che dopo 24 ore per preparare una gara si sono impegnati per vincerla. La preparazione è stata dura, tra ritorno, scarico e partenza per Cesena“.

IMMOBILE – “ Riposo? Ci stava l’idea di rinunciarci perché viene dal Covid, però avevo problemi nel reparto avanzato con Muriqi e Correa non al meglio, Caicedo ha preso gli antidolorifici per fare la mezz’ora finale. I tre punti sono arrivati e fanno molto bene alla classifica.

FASE DIFENSIVA – “Avevamo problemi ad uscire con i quinti sui terzini, con Lazzari e Marusic ci siamo organizzati bene anche per sistemare le mezze ali. Una squadra più fresca avrebbe sicuramente potuto creare di più. Lazzari ha giocato 25 a Dortmund e oggi ha fatto benissimo. Una squadra come la nostra non può concedere il gol di Nzola perché poi si soffre nel finale“.

NUOVI ACQUISTI – “Sono obiettivo e onesto, abbiamo fatto innesti giusti quest’anno. Purtroppo il Covid e gli infortuni ci hanno messo i bastoni tra le ruote: Muriqi, Luiz Felipe, Escalante li ho avuti poco. La società si è comportata bene“.

CALENDARIO – “Stiamo avendo ritmi elevati e complicati. Le partite ravvicinate si fanno sentire, anche Favre del Dortmund ha ammesso i tanti problemi tra viaggi e gare. Ti alleni giocando, gli infortuni complicano i piani. Si commettono errori in gara che con gli allenamenti si risolvono. L’anno scorso prima della pandemia, con un appuntamento a settimana, stavamo facendo quello che si sa. Con tre gare a settimane, rientri alle 5 di mattina, bisogna fare quello che si può. I 17 punti in classifica me li tengo stretti visto ciò che stiamo affrontando. Preparare le gare è difficilissimo, si è visto con l’Udinese. Vogliamo passare in Champions per onorare questo impegno rincorso per tanti anni”.

Lazio Style

Nel post partita il mister è intervenuto anche ai microfoni dei media ufficiali biancocelesti.

Difficile organizzare una partita in meno di 24 ore. Eravamo in controllo dopo i due gol e non dovevamo concedere il 2-1. Ma sappiamo che in serie A sono tutte insidiose. 

Senz’altro martedì sarà una gara importante per noi. Ora avremo 2 giorni e mezzo per recuperare energie e forze. Vogliamo superare il turno in Champions per i nostri tifosi e per la società. Io penso che non ci siano nessuno che non mi abbia dato il fritto. anche quelli che avevano giocato a Dortmund hanno raschiato il barile per dare tutto. Lo stesso Pereira che era tanto che stava fuori si è sacrificato fino all’ultimo. 

Patric ieri ha avuto un problemino ieri in rifinitura. Idem Correa. E non sono riusciti a smaltire. non ho voluto rischiare perché ho bisogno di tutti“.

Conferenza stampa

La sofferenza c’è in tutte le partite. La serie A non è mai semplice. Sul 2-0 avremmo dovuto fare il terzo e non farla riaprire a loro. Ma devo fare i complimenti ai ragazzi per la cattiveria e tigna dimostrata.

Il ruolo del portiere è delicato. Strakosha ha avuto il Covid ed è stato fuori più di un mese. Ma non deve diventare un problema. Reina sta facendo bene, è una guida importante per la squadra, ma non dimentico Thomas dopo quattro anni con me in cui è stato fondamentale.

Avevamo bisogno di questi 3 punti dopo l’Udinese. Li abbiamo ottenuti preparando una partita in meno di 24 ore. Abbiamo portato a casa una partita soffrendo, dopo un’ottima prestazione in Champions. Ora bisogna cercare di vincerne il più possibile per recuperare. Ma non dimentichiamoci che abbiamo avuto mezza squadra fuori per Covid, più diversi infortuni che hanno rallentato rotazioni e crescita“.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Advertisement

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "Sono un laziale di Piacenza e ricordo i tuoi primi passi in biancorosso, poi nella prima squadra della capitale ci hai fatto tutti impazzire !!!! Col..."

Addio Pablito: se ne va un altro simbolo del calcio

Ultimo commento: "Grande campione!"

#CountdownToHistory: Immobile colpisce anche il Cagliari

Ultimo commento: "Secondo me l'unico dubbio e' se Ciro , Silvio Piola , lo raggiunge in questo campionato 2020-2021 o nel prossimo 2021-2022"
Lazio, Tommaso Maestrelli

Lazio, oggi la ricorrenza della scomparsa di Maestrelli

Ultimo commento: "Ciao MAESTRO, con gli anni che passano aumenta sempre più il rimpianto di averti perso troppo presto. Da lassù, guida Simone."

Altro da News