Resta in contatto

Rubriche

Lazio, “Mica…mi sta bene”: salvate il soldato Strakosha, attaccarlo è un altro autogol

Mica...mi sta bene

Lazio, come la squadra anche il tifoso tende a perdersi, ogni tanto: chiedere l’impiego di Reina è denigrante per il professionista e – soprattutto – per l’uomo Strakosha.

Di Micaela Monterosso

Conta fino a 10, poi parla. Niente da fare, sono anni che me lo ripeto… ma è più forte di me. Prima parlo, poi – forse – conto (e qui si spiega perché il direttore imbavaglia). E siccome a matematica avevo il 3 fisso, pure contare non è che mi riesca poi così bene. Mi consola sapere di non essere la sola a farlo, mal comune mezzo gaudio, si dice. Il mal comune che ha accomunato tutte le squadre impegnate in Champions (tranne l’Inter, ma non si era impegnata neanche un pochetto in settimana, quindi ci sta). Hanno perso – o pareggiato, nell’ipotesi migliore – contro squadre che, almeno sulla carta, avrebbero dovuto prendere una goleada. Il calcio è questo. Se fosse tutto prevedibile e pronosticabile, il fegato sarebbe salvo, e nessuno guarderebbe più le partite.

Non mi aspettavo una sconfitta tanto brutta da non sapere neppure con chi prendermela per primo. Oggi, più che un ‘Mica mi sta bene’ ci starebbe bene un gioco a premi… tipo: ‘Trovate un lato positivo alla giornata di ieri e chiudo la rubrica’. La sconfitta di Essi? Quella dell’Atalanta? Eh, no. Se possibile, peggiorano la situazione. Non è questo il mezzo gaudio che mi aspettavo. Anzi. Le partite come quella di ieri, con una congiunzione astrale così favorevole, non le devi vincere… di più. Ma si sa, la Lazio è questa qui. Grandi giocate, grandi partite, poi – ogni tanto – si perde.

L’Udinese ci buca come fosse il Real Madrid. Non abbiamo strusciato una palla manco per sbaglio. Almeno fino all’entrata in campo di Lucas Leiva. Anche lì, però, quando sei già sotto di due gol, non cambia poi così tanto. Quando è uscita la formazione ufficiale, ho pensato a uno scherzo, senza cattiveria lo dico. Se nella conferenza della vigilia mi dici che non hai bisogno del turnover perché hai le cinque sostituzioni e poi, di fatto, mi schieri il più rischioso dei turnover possibili, mi lasci un attimino inebetita. L’allenatore sei tu, Simone. Io al massimo posso aiutarti a mettere in piega il ciuffo.

Finita la disamina tecnica molto autorevole e strutturata (la mia), la cosa che salta di più all’occhio sono le critiche feroci arrivate al povero Strakosha. Per la regola ‘Conta fino a 10 e poi parla’, io per prima – su Twitter – ho evidenziato come forse, rispetto a Pepe, manchi un po’ di carisma. Almeno, questa è l’idea che ho io dall’esterno. Non sono in campo con lui e forse (sicuramente) sbaglio. È ovvio che un portiere come Reina ti dia quella briciola di sicurezza in più, dettata anche dal carattere più sanguigno, se vogliamo. Ma da qui a mandare Thomas al patibolo ce ne vuole.
Nella passata stagione, le ha giocate tutte e – prima del lockdown – c’era lui in porta (anche dopo il lockdown, ma non c’era più nessuno a quel punto). A Ryad, c’era lui. Il 15 maggio? Sempre lui. E si, è vero che sul terzo gol poteva essere più reattivo di un bradipo in fin di vita, ma la partita non è stata storta solo per lui.

Così come la Lazio, anche il tifoso tende a perdersi, ogni tanto. Questo è uno di quei momenti. Mettiamo un attimo le cose in fila: Reina sostituisce Strakosha fuori per Covid (non era fuori per scelta tecnica, giusto per ricordarlo). Reina arriva ad agosto da secondo portiere. Ha duemila anni come Roma (portati benissimo eh, ma quelli sono) e tanta esperienza internazionale ma all’interno dello spogliatoio ci sono delle gerarchie e vanno rispettate. Massacrare un giocatore che negli ultimi anni ha dato il sangue per la maglia, chiedendo a gran voce l’impiego del suo ‘vice’ è denigrante per il professionista e – soprattutto – per l’uomo. Ci sono tanti modi per dire la stessa cosa, scegliete quella giusta. Non cadete nell’offesa, nella derisione, è un giocatore della Lazio. Indossa quella maglia da sempre. È laziale come voi, come me. Già ne abbiamo abbastanza di letame da spalare, il fuoco amico risparmiamocelo. Risparmiamoglielo. Sarebbe un autogol clamoroso (l’ennesimo, tra l’altro).

Siamo umani, lo capisco. Anche io in un primo momento li avrei ammazzati tutti, compresi i raccattapalle. A freddo – invece – penso che non sia ancora il tempo di mandare al patibolo nessuno. Il campionato è lungo, la Champions ti stronca (non siamo abituati, diciamocelo) ma senz’altro il rammarico di questi tre punti (sei con quelli di Genova) buttati alle ortiche, tornerà ad affacciarsi alla fine della stagione, a bocce ferme. Come sempre. Ribadisco una cosa, che dovrebbe essere ormai scontata: si perde tutti insieme e si vince tutti insieme. La colpa è di tutti e non è di nessuno. Salvate il soldato Strakosha. Pensate a chi ne ha presi 4…

30 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
30 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Commento da Facebook
Commento da Facebook
4 mesi fa

Scusate ci permettiamo di fare critiche ogni partita a
Fares
Patric
Marusic
Cataldi
Huot
Mouriki
È pe strakoscia non lo dobbiamo fare ????
AVESSE L UMILTÀ E LA SERIETÀ DI MIGLIORARSI ANZICHÉ ESSERE SPOCCHIOSO E GIÀ SENTIRSI UNO DEI MIGLIORI PERCHÉ COSÌ NON È E SULL UMILTÀ E PROFESSIONALITÀ REINA GLI DA UNA PISTA ( INFATTI È IL TERZO DI SEMPRE NELLE COMPETENZE DI EUROPEE ED È VENUTO DA NOI CONIL MASSIMO RISPETTO DI TUTTI NON CREANDO MAI UN PROBLEMA COME INVECE STRAKOSCIA IN QUESTI ANNJ NE HA CREATI TANTI PER IL SUO COMPORTAMENTO )

Roby
Roby
4 mesi fa

Strakosha ha i suoi limiti, e rientrava dopo un mese. Prendersela con lui per la sconfitta significa mistificare. La squadra ieri non era in sé, sia dal punto di vista mentale che da quello fisico, la responsabilità è collettiva (Inzaghi incluso). La difesa, checchè ne dica Tare, è incompleta, Patric non è all’altezza e Radu ha i suoi anni. Ieri perfino Acerbi non è stato lucidissimo. Fares non è in forma, ma è costretto a giocare. Marusic non incide neanche quando è in forma. Il centrocampo è stato sovrastato, l’attacco poco efficace. Voltiamo pagina. Reina è molto esperto, ma condivido… Leggi il resto »

Massimiliano
Massimiliano
4 mesi fa
Reply to  Roby

Hai detto una cosa più che giusta: IN ‘CASA LAZIO’, ATTUALMENTE, E SEMPRE DOVREBBE ESSERE COSÌ…, LA RESPONSABILITÀ È COLLETTIVA.

Massimiliano
Massimiliano
4 mesi fa

In effetti,come tu vorresti giustamente sottolineare, mai si dovrebbe “buttare via il bambino insieme all’acqua sporca”…. PERÒ IN QUESTO MOMENTO ‘STORICO’ VEDO DECISAMENTE MEGLIO PEPE REINA RISPETTO AL PUR BRAVO STRAKOSHA(che deve ancora migliorare sotto tutti gli aspetti, PER POTER AVERE QUELLA PERSONALITÀ, MA SOPRATTUTTO QUELLA SICUREZZA ,CHE MAGARI CON GLI ANNI O CON I MESI…..RISCONTREREMO TUTTI QUANTI. O NO?….. Saluti Cordiali a Micaela

Commento da Facebook
Commento da Facebook
4 mesi fa

Il ruolo del portiere è fondamentale in una squadra io credo che Strakosha deve e può migliorare ( specialmente nelle uscite)tanto se vuole diventare un portiere di prim’ordine. Spesso e volentieri mi ricorda Valerio fiori ti fa la parata fenomenale e subito dopo la cappellata

ANTONIO
ANTONIO
4 mesi fa

Cara Micaela come vedi siamo tanti a farci autogol virtuali nella speranza di non prendere gol reali evitabili. Se Strakosha non è migliorato lo deve alla sua presunzione che gli ha fatto dire spesso”Io le critiche non le ascolto” e ovviamente neppure i suggerimenti. Sarebbe diventato un buon portiere ma come dice un vecchio adagio chi si loda si imbroda.

Massimiliano
Massimiliano
4 mesi fa
Reply to  ANTONIO

Forse hai proprio ragione eh… Giuste le tue osservazioni, perché una ‘SANA’ CRITICA COSTRUTTIVA, A MIO AVVISO, MALE NON FA MAI… Ciao

Commento da Facebook
Commento da Facebook
4 mesi fa

Ha colpa “se così si può dire” solo sul terzo gol

Commento da Facebook
Commento da Facebook
4 mesi fa

Reina tutta la vita

Commento da Facebook
Commento da Facebook
4 mesi fa

ATTACCARE SOLO STRAKOSCHA È UNA VIGLIACCATA. DELLA SQUADRA NON HA GIRATO NESSUNO. TUTTI COLPEVOLI. LE POLEMICHE. PRIMA I TAMPONI. POI L. ALBERTO. POI PERUZZI. POI CAICEIDO. POI IL PARAGONE CON REINA. SONO POLEMICHE CHE NON FANNO BENE ALLA COMPATTEZZA DELLA SQUADRA. LE COPPE LOGORA O. VEDI ATALANTA. BORUSSIA DORTMUND. E TOCCATO PURE ALLA LAZIO. CI RIFAREMO.

Commento da Facebook
Commento da Facebook
4 mesi fa

Nel calcio moderno sembra un paradosso ma un portiere cge non sa usare i piedi non serve a meno che non sia un fenomeno tra i pali e nella sua area le lrende tutte lui

Commento da Facebook
Commento da Facebook
4 mesi fa

Purtroppo o bravo o non bravo non da’ sicurezza alla difesa questo è un dato certo

Commento da Facebook
Commento da Facebook
4 mesi fa

Scusate ma Reina tutta la vita!!!Ad oggi imparagonabili…..

Commento da Facebook
Commento da Facebook
4 mesi fa

Nona in classifica… fosse per me conterei fino a 1

Commento da Facebook
Commento da Facebook
4 mesi fa

Reina tutta la vita mi dispiace…

Commento da Facebook
Commento da Facebook
4 mesi fa

Ieri ha fatto schifo tutta la Lazio ed è stata lampante la differenza dei numeri 10: da una parte De Paul leader tecnico e carismatico dell’Udinese, dall’altra un Luis Alberto versione Lupo Alberto della stagione 16/17. Detto ció Strakosha non ha più margini di miglioramento, la sua crescita si è arrestata da più di un anno e i suoi difetti sono lampanti in fase di indicazioni alla linea difensiva, di sicurezza e autorevolezza nell’area di rigore (ieri Musso ha fatto una decina di uscite che se le fa Strakosha subiamo almeno 5 gol). Inoltre Reja (che non è uno sprovveduto)… Leggi il resto »

Ruggero
Ruggero
4 mesi fa

Nello sport cara Micaela non si va avanti per raccomandazioni, il campo dice sempre la verità o si è buoni o no, non c’è via di mezzo, non c’è cattiveria o prevenzione quando si ama e noi tutti qui siamo innamorati di Lazio, Strakosha non è un portiere di livello, ci è costato un qualificazione in champions, quando tutti se la sono presa con de vraji ma la colpa è stata sua, eppoi Strakosha ogni anno ti toglie 7/8 punti sicuri x non esagerare, (per esempio Reina invece te li da guarda partita con la Juve, sempre x esempio). Non… Leggi il resto »

Commento da Facebook
Commento da Facebook
4 mesi fa

Meglio,sicuramente,Reina.Saluti.

Commento da Facebook
Commento da Facebook
4 mesi fa

Un portiere senza personalità, muto, senza sicurezza, può essere titolare nella Lazio? Per me no. Può esserlo al Bologna, non alla Lazio…soprattutto se fuori ce ne sta uno che è tutto il contrario di quanto scritto sopra. E ieri Strakosha ha solo responsabilità sul terzo gol, sia chiaro.

Commento da Facebook
Commento da Facebook
4 mesi fa

Credo che sia uno dei migliori portieri “tra i pali”, ma non sa “uscire”.
È un difetto grave e, da questo punto di vista, non è migliorato affatto.
D’altro canto, ricordo che avevamo Marchegiani, portiere da nazionale (ed eccellente nelle uscite), ma lo scudetto lo abbiamo vinto con Ballotta.
Reina mi ricorda un po’ Ballotta…

Commento da Facebook
Commento da Facebook
4 mesi fa

Un portiere mediocre che probabilmente ha qualche santo in paradiso…

Commento da Facebook
Commento da Facebook
4 mesi fa

Il problema di Strakosha è che non migliora in quelli che sono i suoi difetti…anzi…peggiora pure nei pochi pregi!

Commento da Facebook
Commento da Facebook
4 mesi fa

la.lazio ha perso perche l’Udinese ha giocato meglio senza scuse quest’anno e così purtroppo

Commento da Facebook
Commento da Facebook
4 mesi fa

Le critiche fanno parte di questo sport
Come gli elogi

Ieri tutti da vomito,salvo il solo Leiva che appartiene ad un altro pianeta
Il resto da prendere a calci

Commento da Facebook
Commento da Facebook
4 mesi fa

Andate a lavorare

ANTONIO
ANTONIO
4 mesi fa

Rispondo a Romano:
Le presunte valutazioni xenofobe sono una ridicolezza, il pensiero di molti laziali corrisponde al mio e recita che Strakosha é un portiere con difetti che nel corso del tempo sono rimasti e che con piu umiltà avrebbe cancellato o almeno ridotto. Difficile dirlo a quelli come te che pensano che critica e disfattismo siano sinonimi.

Romano
Romano
4 mesi fa
Reply to  ANTONIO

Un campionato Primavera una colpa Italia Primavera una Coppa Italia Prima squadra e due Supercoppe Italiane prima squadra… per molto meno abbiamo idolatrato giocatori molto peggiori di Thomas Strakosha.

Poi sui difetti ne vedo in tutti i portieri del mondo anche molto più quotati.

E ieri non abbiamo certo perso per colpa sua.

Commento da Facebook
Commento da Facebook
4 mesi fa

TANTA RUMORE PER NIENTE !
Nesuno non sta massacrando nesuno, la critica non e massacra, ogni uno deve coprire bene suo ruolo!
Portiere è nella porta per parare e se lui non sta facendo bene suo compito, certo a noi non ci sta bene che si lascia fuori un portiere che non ha perso una partita da quando è entrato e per di più due da questi gol erano parabili se era Reina!!!!!
CRITICA TI PORTA SOLO SALUTE E SEMPRE UNA MEDICINA!
In campo deve entrare chi merita e svolge bene suo lavoro!

Romano
Romano
4 mesi fa

Un portiere proveniente dalle giovanili come Thomas con il suo Palmares da Protagonista con la Lazio in Primavera ed in Prima Squadra normalmente verrebbe solo protetto ed amato… ho la brutta impressione che se si fosse chiamato Stracocchia e fosse nato a Viterbo l’atteggiamento di molti sarebbe diverso… molto diverso…

ANTONIO
ANTONIO
4 mesi fa

Non sono d’accordo…. Strakosha ha grossi limiti e nessuno gli spara addosso. Semplicemente non è un gran portiere..e lo sottolineo. Molti la pensano così e hanno diritto di esprimersi esattamente come fai tu.

Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Advertisement
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "rimpiazzato ovviamente da William Vecchi"

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "Sono un laziale di Piacenza e ricordo i tuoi primi passi in biancorosso, poi nella prima squadra della capitale ci hai fatto tutti impazzire !!!! Col..."

Addio Pablito: se ne va un altro simbolo del calcio

Ultimo commento: "Grande campione!"

#CountdownToHistory: Immobile torna al gol, doppietta contro il Benevento

Ultimo commento: "Secondo me l'unico dubbio e' se Ciro , Silvio Piola , lo raggiunge in questo campionato 2020-2021 o nel prossimo 2021-2022"
Lazio, Tommaso Maestrelli

Lazio, oggi la ricorrenza della scomparsa di Maestrelli

Ultimo commento: "Ciao MAESTRO, con gli anni che passano aumenta sempre più il rimpianto di averti perso troppo presto. Da lassù, guida Simone."
Advertisement

Altro da Rubriche