Resta in contatto

News

Lazio, Immobile: “Esultanza non polemica. Social? Hanno attaccato l’uomo e non il calciatore”

Immobile

Lazio, le parole di Immobile a fine gara

La Lazio vince e convince a Crotone grazie ai gol di Immobile e Correa. A fine gara lo stesso Ciro ha parlato a Lazio Style Radio:

Esultanza? Non era polemica, era un gesto che facciamo in un gruppo quando giochiamo ad un videogioco. Solitamente rispondo sul campo alle critiche, ma questa volta è stato attaccato Ciro Immobile uomo e non il calciatore, per questo sono intervenuto sui social. In quel caso è da ignoranti attaccare una persona senza conoscerla, per fortuna molte persone mi sono state vicine. Partita? Non era semplice, ieri siamo arrivati con tanta paura per il temporale. Oggi vanno fatti tanti complimenti ai ragazzi perché abbiamo fatto una grande partita, esprimendo anche un grande gioco quando possibile. Il bacio è per Jessica, che è al primo posto, ma anche a tutti quelli che mi sono stati vicini: i miei genitori, i miei bambini, gli amici. Negli ultimi giorni sono stato un po’ giù di morale anche per questioni di famiglia. Ringrazio tutti per le parole d’affetto, anche sui social, sono felice perché questo dimostra che ci sono tante persone che mi vogliono bene. Mio figlio, dopo ‘mamma’ e ‘papà’ ha imparato la parola ‘gol’. Volo difficile? Parolo è matto, credo di aver sudato più ieri sera che in campo. Anche i responsabili social erano spaventati, infatti non hanno fatto i soliti video. A parte Parolo, Acerbi e Tare, eravamo tutti spaventati”.

Le parole a Sky

“La mia esultanza non era riferita ad alcune persone, ma relativa ad una scommessa con dei miei amici. Mi ha dato fastidio la critica al Ciro uomo e non al professionista, questo non lo permetto. Non ho mai risposto ad una polemica, anche perché questo fa parte del nostro lavoro. Nazionale? Mi è mancata ho sentito spesso il mister e mi è stato vicinissimo, come tutti i tifosi della Lazio e la società”.

2 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
2 Commenti
più nuovi
più vecchi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
Commento da Facebook
Commento da Facebook
7 giorni fa

Avete capito perché attaccano Ciro? Pensano che sia l’unico modo per fermarlo. Ma hanno sbagliato obiettivo; più lo infastidiscono più la Scarpa d’oro gli ricacciato in gola le cattiverie!

Commento da Facebook
Commento da Facebook
8 giorni fa

Core mí 💙

Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Advertisement
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "In eterno per noi laziali lui e' e rimarrà per sempre lui il simbolo della nostra amata lazio!!!"
Immobile

#CountdownToHistory: Immobile stacca Signori in Serie A

Ultimo commento: "Prendere Piola la vedo dura ... "

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "Il suo dito che esce fuori dalla nebbia al derby. Non si vedeva nulla ma la palla era dentro la rete! E segna sempre lui!"
Lazio, Miti: Eugenio Fascetti

Eugenio Fascetti, guida leggendaria: che peso ha per te nella storia della Lazio?

Ultimo commento: "Fascetti una persona indimenticabile, grazie"

Uber Gradella: il portiere che preferì smettere piuttosto che giocare con altri

Ultimo commento: "Uber grande laziale, quando ero bambino mio papà mi raccontava sempre di questo signore ero che per non indossare un altra maglia, preferì..."

Altro da News