Resta in contatto

News

Lazio, tre settimane per regalarsi (e regalarci) un sogno Champions, ma attenzione al Campionato

Lazio, Olympia

In tre settimane la Lazio si gioca il passaggio del turno in Champions League, ma deve stare attenta a non perdere terreno in campionato.

Di Alessandro Crescenzi

Iniziano, con la partita di sabato a Crotone, tre settimane fondamentali per la stagionale della nostra amata Lazio con un doppio importante obiettivo: centrare gli ottavi di Champions (sarebbe davvero un sogno far parte delle migliori 16 squadre d’Europa) e dare continuità ai risultati in Campionato per avere la possibilità di sentire la musichetta tanto attesa anche per la prossima stagione.

La partita di Crotone è molto importante perché è fondamentale portare a casa i 3 punti e dare continuità alle ultime partite giocate in emergenza, sperando che la variabile Covid non incida così negativamente nel periodo prossimo. Sarà necessario fare delle rotazioni (Inzaghi quest’anno sia per necessità che per le maggiori alternative le sta attuando sistematicamente) perché il martedì successivo c’è la partita fondamentale per il passaggio in Champions: vincere con lo Zenit darebbe maggior peso al punto conquistato con le unghie e con i denti in Russia ed estrometterebbe (quasi sicuramente) i russi dalla lotta per il passaggio del turno.

Nemmeno il tempo di riprendere fiato che domenica 29 all’ora di pranzo all’Olimpico arriva l’Udinese: partita scomoda con un avversario in cerca di punti salvezza, nonostante siamo all’inizio del Campionato, e con la trasferta di Dortmund che incombe (mercoledì 2 dicembre). Speriamo di goderci una notte da favola contro una squadra forte, giovane e che ha ambizioni importanti. La speranza è quella di andare a giocare quella partita senza l’assillo del risultato cercando di mettere in difficoltà i tedeschi come abbiamo fatto nella gara inaugurale del girone. Partita unica in uno stadio che ha regalato e regala emozioni forti anche se, quasi certamente, sarà vuoto.

Il sabato successivo un’altra trasferta, contro lo Spezia (da decidere se si giocherà a Cesena o a La Spezia) contro la squadra ligure che sta raccogliendo punti in questo inizio di stagione, vincendo gare con squadre molto più abituate alla categoria. La Lazio dovrà dimostrare di non perdere punti importanti nelle partite contro le cosiddette piccole (come successo lo scorso anno contro SPAL e Lecce), per cercare di mettere in cascina più punti possibili considerando la classifica cortissima e l’incertezza che regna nel campionato di Serie A. L’ultima partita di queste tre settimane di fuoco sarà quella casalinga con il Brugge per cercare di staccare il pass per il ottavi di Champions League o meglio per regalarci un sogno, lo merita la Lazio per la sua Storia e lo meritiamo noi tifosi per l’amore e la passione che ci mettiamo ogni giorno.

La Lazio ha dimostrato in queste ultime settimane di saper far fronte ad un’emergenza assoluta di uomini e di serenità ambientale, facendo gruppo e lottando oltre ogni limite; dovremo dimostrare di saper fare lo stesso anche quando la rosa sarà al completo (speriamo in un ritorno del capitano-leggenda Lulic) e senza prendere in considerazione il frastuono delle polemiche, perché siamo la Lazio e vogliamo regalarci un sogno in un periodo in cui anche sognare è diventato così difficile e complicato.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Advertisement
Lazio, Tommaso Maestrelli

Lazio, oggi la ricorrenza della scomparsa di Maestrelli

Ultimo commento: "Avevo 13 anni, ricordo perfettamente tutto, il mio idolo era Chinaglia, piansi molto, ricordo anche un susseguirsi di eventi uno dietro l'altro e non..."
120 anni di Lazio, la top 11 di sempre: Re Cecconi la spunta sul Sergente

Lazio, Re Cecconi oggi avrebbe compiuto 72 anni

Ultimo commento: "Non potrò mai dimenticare quella scia bionda che disegnava traiettorie alla velocità della luce in mezzo al campo... Ho visto un Re"
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "In eterno per noi laziali lui e' e rimarrà per sempre lui il simbolo della nostra amata lazio!!!"
Immobile

#CountdownToHistory: Immobile prosegue la scalata verso la leggenda

Ultimo commento: "Prendere Piola la vedo dura ... "

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "Il suo dito che esce fuori dalla nebbia al derby. Non si vedeva nulla ma la palla era dentro la rete! E segna sempre lui!"

Altro da News