Resta in contatto

News

Lazio, Muriqi-show con il Kosovo: Inzaghi lo aspetta per il campionato

Lazio: il centravanti a segno in due gare, ora tocca alla Serie A

Quest’estate la Lazio è stata protagonista di una lunga trattativa con il Fenerbahce per portare a Formello Vedat Muriqi. Dopo tante settimane la firma è arrivata ed il centravanti ha vestito il biancoceleste, non subito però, visti l’infortunio e la positività al Covid. Le assenze di Immobile hanno poi accelerato il suo percorso di inserimento, scendendo in campo già 7 volte, ben 3 da titolare. Sul tabellino dei marcatori però il suo nome ancora non è stato segnato, poche le occasioni da concretizzare, difficili i palloni da giocare. Su di lui però c’è ancora tanta fiducia, ha bisogno di tempo: viene da un infortunio e soprattutto da un campionato diverso, meno tattico e più fisico rispetto a quello italiano. Un giocatore con le sue caratteristiche, nel modo di giocare di Inzaghi, ha per forza di cose delle difficoltà. Rispetto a Ciro Immobile, difficilmente lo vedremo scattare in profondità tra i difensori decine di volte a partita, lui ha bisogno della palla sui addosso, in modo da proteggerla, smistarla e fare spazio per gli inserimenti.

Durante questa pausa delle Nazionali, Muriqi è stato protagonista con il suo Kosovo. Due gare, due reti, ma anche due sconfitte. Il suo apporto alla causa però c’è e si vede. In nazionale la squadra si appoggia molto a lui, con Rashica e Berisha che si inseriscono. Contro l’Albania ha trasformato un rigore, contro la Slovenia ha concluso una bella azione sulla sinistra con un mancino secco, due gol che fanno bene al morale, non solo suo ma anche a quello di Simone Inzaghi che, in attesa di lumi su Ciro Immobile, continuerà a lanciare il gigante kosovaro in attesa che si sblocchi.

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest
1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Lo storico difensore e capitano dello Scudetto del 2000

Alessandro Nesta

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Il libero e capitano della Lazio del primo scudetto

Pino Wilson

L'indimenticabile allenatore della Lazio del primo scudetto

Tommaso Maestrelli

Una delle ultime bandiere e simbolo della Lazio

Vincenzo D'Amico

Advertisement

Altro da News