Resta in contatto

News

Lazio, De Martino: “Con il Toro vittoria meritata. Covid? Abbiamo rispettato tutte le regole”

Lazio, De Martino: "Tutta la squadra vuole giocarsi lo scudetto"

Lazio, parla il direttore della comunicazione

Questa mattina il direttore della comunicazione della Lazio Stefano De Martino ha parlato ai microfoni di Lazio Style Radio a proposito della gara di Champions, di quella con il Torino e altri argomenti:

TORINO – “La gara con il Torino è stata emozionante e dispendiosa per tutti. Al momento del gol per la foga siamo rotolati tutti per terra, Inzaghi ci ha visti ed era preoccupato per me. Vittoria strana contro una squadra che doveva vincere per forza, chi l’ha vissuta da casa si sarà emozionato come noi: queste sono le gare che ci avvicinano al calcio. La vittoria accorcia la classifica, nonostante la vittoria del Milan, ma il campionato è appena iniziato”.

ZENIT – “Domani è previsto un lungo viaggio per affrontare una nuova esperienza che ci arricchirà tanto. In caso di esito positivo, potrebbe significare tanto, la gara sarà difficilissima perché lo Zenit deve riprendersi dopo due sconfitte. Aereo? Non ancora pronto, ma è una realtà”

VAR – “Consultare il Var non deve essere una vergogna, ho letto un virgolettato un po’ fantasioso di Inzaghi sul rigore: la Lazio non ha rubato nulla, infatti la testata spinge un po’ più per i granata. Abbiamo cercato e trovato la vittoria, con merito, questo è il calcio. Non ricordo una decisione arbitrale che abbia condizionato una gara a nostro favore. Il rigore è stato determinato da vari aspetti. La prossima ci sarà la Juve, una gara fondamentale per noi”.

NUOVI ACQUISTI – “Finalmente il mister sta recuperando i giocatori e sta integrando i nuovi. Pereira è entrato bene, Akpa è un ragazzo squisito, Hoedt è una certezza, sono contento della prestazione di Muriqi. In molti hanno dato un’insufficienza troppo velocemente al nostro mercato, ma i giocatori vanno aspettati. Nel mondo ci fanno tanti complimenti, tutti possono pensare ciò che vogliono”.

COVID – “C’è un grosso problema qui in Italia: molti si fanno condizionare da ciò che leggono e sentono in radio. Noi non ci nascondiamo e e non abbiamo la comunicazione dell’Unione Sovietica. La Lazio è quotata in Borsa e dobbiamo rispettare le regole, rispettiamo sempre le nuove norme. Quello che fanno le altre società non ci interessa, chi parla da fuori non conosce le regole. Il  Presidente ha sempre preteso il rispetto delle regole, ci sono state delle discrepanze evidenti e ci siamo presi il tempo necessario. Abbiamo voluto appurare le condizioni di tutti, non dobbiamo indicare i nomi, non è richiesto, ma il giocatore può farlo tranquillamente sui social. Questa società lavora sempre per il bene di questi colori, la comunicazione deve essere ragionata in base al fatto che siamo quotati in Borsa”.

6 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
6 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Commento da Facebook
Commento da Facebook
5 mesi fa

Mettite a fa le prevendite.

Commento da Facebook
Commento da Facebook
5 mesi fa

Bravo,quando le cose vanno fatte bene sei sempre criticato. Perché in ITALIA purtroppo non siamo abituati, e questo fa sì che i pochi che le rispettano,vengono sempre criticati.E per quanto riguarda il mercato della LAZIO anche qui critiche su critiche. Questo perché i giornalisti conoscono solo i nomi dei calciatori delle grandi squadre. SEMPRE FORZA LAZIO OOOO.

Commento da Facebook
Commento da Facebook
5 mesi fa

Occhio che ce ritorni su tva40…

Commento da Facebook
Commento da Facebook
5 mesi fa

Io non sono tra costoro, perché al mercato della Lazio ho dato 8, come testimoniato da un mio articolo. E lo riconfermo anche ora

Commento da Facebook
Commento da Facebook
5 mesi fa

Ah allora e’ vivo costui

Commento da Facebook
Commento da Facebook
5 mesi fa

N’è che hai preso sti fenomeni…a pagliaccio.

Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Advertisement
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "rimpiazzato ovviamente da William Vecchi"

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "Sono un laziale di Piacenza e ricordo i tuoi primi passi in biancorosso, poi nella prima squadra della capitale ci hai fatto tutti impazzire !!!! Col..."

Addio Pablito: se ne va un altro simbolo del calcio

Ultimo commento: "Grande campione!"

#CountdownToHistory: Immobile torna al gol, doppietta contro il Benevento

Ultimo commento: "Secondo me l'unico dubbio e' se Ciro , Silvio Piola , lo raggiunge in questo campionato 2020-2021 o nel prossimo 2021-2022"
Lazio, Tommaso Maestrelli

Lazio, oggi la ricorrenza della scomparsa di Maestrelli

Ultimo commento: "Ciao MAESTRO, con gli anni che passano aumenta sempre più il rimpianto di averti perso troppo presto. Da lassù, guida Simone."
Advertisement

Altro da News