Resta in contatto

News

Lazio, De Martino: “Subiti attacchi circensi. In Europa riceviamo più attenzione che in Italia”

Lazio, De Martino: "Tutta la squadra vuole giocarsi lo scudetto"

Lazio, le parole del Direttore della comunicazione

Il Direttore della comunicazione della Lazio, Stefano De Martino, ha parlato ai microfoni di Lazio Style Radio:

“Questa è un film già visto, dopo ogni passo falso ho sempre visto scetticisimo intorno alla squadra. Non ha più effetto il dover scagliarsi il giorno dopo di Sampdoria-Lazio, dove siamo stati giustamente i primi ad evidenziare la brutta prova dei biancocelesti. Non si nasconde nulla, vanno solo fatte delle analisi. La Lazio non è ancora al 100%, eppure martedì ha battuto una grande squadra come il Borussia Dortmund, con l’unico rammarico dello stadio vuoto. Per fortuna chi ci ascolta ha compreso che certi meccanismi non hanno più quartiere perché sono stati smascherati. 

I nuovi si stanno ancora inserendo, ci vuole tempo, è inevitabile. A Genova mancava anche Immobile, un pezzo importante che sarebbe difficile da rimpiazzare per qualsiasi squadra. Certi comportamenti su carta stampata e in trasmissioni televisive sono circensi, con attacchi al DS ed alla comunicazione, quando in realtà siamo stati un modello per molte squadre di Serie A. In questi ultimi anni abbiamo fatto un grande lavoro, siamo qui per analizzare lucidamente la realtà, senza coprire nulla. La stagione è appena iniziata, ci auguriamo di avere tutti i calciatori a disposizione perché siamo convinti che questa squadra possa lottare fino alla fine contro tutti. Rimanendo in Europa per due-tre anni di seguito, cambiano tutti i parametri.

Molti quando la Lazio ottiene grandi risultati sparisce, dimenticando quanto di buono fatto dalla squadra. Ricordiamo che dopo la Juventus la Lazio è stata la squadra a vincere di più negli ultimi anni, nonostante un fatturato ridotto. Il Presidente Lotito ha rilevato una squadra in difficoltà, l’ha risanata, ed ora ha calciatori che fanno gola a tutta l’Europa. Lo dimostra il caso di Akpa Akpro, sconosciuto a molti e che invece è molto conosciuto in Francia. Segno della grande internazionalizzazione fatta da parte della Società, dove riceviamo più attenzione di quella nazionale. Concludo facendo gli auguri a Radu, il nostro Boss: peccato per l’infortunio perché era in formissima, lo aspettiamo presto in campo perché è fondamentale”.

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest
1 Comment
Inline Feedbacks
View all comments
Ruggero
Ruggero
5 mesi fa

Ma quale attacchi, siamo tutti Laziali e criticare è un fatto x cercare di migliorare, dimmi la preparazione a che è servita, l’ha fatta con tutti i giocatori della salernitana, le trattative sono durate mesi, non siamo noi che al primo passo falso parliamo, sei tu che alla prima vittoria esci come i funghi, sta giocando la squadra dello scorso anno, immagina questa squadra con gli obiettivi che la società inseguiva, Kumbulla, Majoral e Silva????? Di cosa parli… La stagione è lunga non fare come Diaconale che esce come i funghi e poi sparisce, x adesso siamo in zona retrocessione… Leggi il resto »

Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Advertisement
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "rimpiazzato ovviamente da William Vecchi"

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "Sono un laziale di Piacenza e ricordo i tuoi primi passi in biancorosso, poi nella prima squadra della capitale ci hai fatto tutti impazzire !!!! Col..."

Addio Pablito: se ne va un altro simbolo del calcio

Ultimo commento: "Grande campione!"

#CountdownToHistory: Immobile colpisce anche il Cagliari

Ultimo commento: "Secondo me l'unico dubbio e' se Ciro , Silvio Piola , lo raggiunge in questo campionato 2020-2021 o nel prossimo 2021-2022"
Lazio, Tommaso Maestrelli

Lazio, oggi la ricorrenza della scomparsa di Maestrelli

Ultimo commento: "Ciao MAESTRO, con gli anni che passano aumenta sempre più il rimpianto di averti perso troppo presto. Da lassù, guida Simone."
Advertisement

Altro da News