Resta in contatto

Pagelle

Samp-Lazio, le #Cardopagelle: Sergej assente, Correa innocuo, Hoedt colpevole

Cardopagelle

#Cardopagelle amare stasera. E non poteva essere diversamente dopo la sconfitta dei biancocelesti contro la Sampdoria.

Tutti bocciati gli uomini di Inzaghi nelle #Cardopagelle di stasera dopo la sconfitta contro la Samp. Un 3-0 secco subito dalla Lazio, dove tutti sono colpevoli.

Strakosha 5

Inutili i due miracoli alla fine, se prima ti fai quasi beffare da un cross (da lì l’angolo dell’1-0) e sei complice nel pasticcio del 3-0. Irriconoscibile pure lui, come la Lazio tutta.

Patric 4

In giro per il campo nell’azione dell’1-0, non aiuta Parolo mai, poi regala la palla del 3-0. Malissimo.

Acerbi 5

Fuori posizione quando Quagliarella dà la capocciata letale. Come sempre, però, l’ultimo ad arrendersi: a differenza dei compagni, non ha mai mollato.

Hoedt 4

Mezzo voto in più perché non giocava da marzo. Da marzo, sì. Per il resto, colpevole sul gol di Quagliarella – lo lascia colpire da solo – e inerme sulla rasoiata di Augello. Come ricordavamo, meglio in costruzione che in difesa.

Parolo 4

Mezzo voto in più perché non è colpa sua se Inzaghi lo fa giocare da quinto di destra, ruolo per cui non ha né passo né occhio né esperienza.

Milinkovic 4

Quello vero è rimasto in Serbia, a Genova ha mandato la controfigura. Assente ingiustificato nel primo tempo, entra nella ripresa ma non incide. E fa pure arrabbiare Inzaghi quando sbaglia un appoggio facilissimo. Deve ritrovare la fame. Lui e Correa le delusioni principali della serata, in relazione alle aspettative.

Leiva 5

Non salva la baracca, Mezzasquadra, perché Ranieri organizza un centrocampo muscolare che lo manda in tilt e perché Milinkovic e Luis Alberto sono fuori partita e quindi non lo supportano come dovrebbero.

Luis Alberto 4.5

Non capisce la partita, tant’è che prova un inutilissimo tunnel sullo 0-3. Lezioso e nervoso, è innocuo pure sui calci piazzati. Riprenditi in fretta, Toque, che martedì arriva il carro armato Borussia.

Djavan Anderson 5

Troppo timido, attento solo a svolgere il compitino con diligenza. In Serie A, nella Lazio, da un esterno ci si aspetta molto di più.

Caicedo 4.5

Spreca una palla-gol clamorosa sullo 0-0, per fortuna era in fuorigioco, o almeno così sembra. Lento, cerca sponde che stavolta non trova.

Correa 4

Pensavamo il gol in nazionale lo avesse rigenerato, abbiamo sbagliato. In particolare, non migliora sotto porta: ha diverse potenziali occasioni, non dimostra – al solito – l’aggressività giusta per trasformarle in gol.

Fares 6

L’unica sufficienza della giornata: spinge, crea qualche pericolo sulla sua fascia, dà segnali che vogliamo definire incoraggianti. Inspiegabile perché non abbia giocato dall’inizio.

Muriqi 5.5

Una bellissima sponda per Correa, si vede che con il piede sinistro ci sa fare, per il resto fa a sportellate con Tonelli e non riesce a tirare. Deve crescere di condizione, ovvio.

Vavro 5

Coinvolto anche lui nella fantozziana azione del 3-0. Mezzo voto in più perché giocare una volta ogni 10 gare, e senza la fiducia del proprio allenatore, non è una passeggiata.

Marusic 5

Non punge in fase offensiva, non ferma Damsgaard lanciato inesorabilmente verso il terzo gol della Samp. Però almeno è rientrato, si spera martedì sia in condizioni migliori.

Cataldi sv

Inzaghi 4.5

Oggi votaccio senza attenuanti anche per il mister che amiamo. Perché quando non ci sono gli esterni, va presa in considerazione l’idea di rinunciare al 3-5-2. Insomma di cambiare modulo, sì. E perché Parolo quinto di destra è un esperimento fallito in partenza. Mezzo voto in più per le assenze: dura, in particolare, rinunciare a Immobile e Lazzari. Adesso deve essere bravo, Simone, a risollevare il morale della truppa in vista della terribile sfida di Champions. Momento delicato, bisogna ritrovare lucidità, energie, voglia.

9 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
9 Commenti
più nuovi
più vecchi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
Commento da Facebook
Commento da Facebook
8 giorni fa

Ancora co ste pagelle sono una manica di pipponi

Commento da Facebook
Commento da Facebook
9 giorni fa

Io ho la grandissima paura che questa squadra ha staccato la spina da Marzo scorso ed oggi non è più in condizione di riaccendersi, si è come esaurita nella delusione dell’anno scorso.

Ruggero
Ruggero
9 giorni fa

Reina Titolare, sul primo gol cerca la palla col braccio sinistro quando allungando il destro poteva arrivarci, a parte questo squadra Vergognosa. Lotito resta a Salerno x favore liberaci Tu Unico Colpevole Adesso come sempre cercherà in Inzaghi il capro espiatorio x cercare di nascondere le sue lacune, non può essere il presidente della lazio non è all’altezza è un dilettante fortunato, non abbiamo fatto la preparazione, non abbiamo acquistato giocatori dove servivano, trattative lunghe mesi, alla 4ta giornata ancora non gioca un acquisto a parte hout preso in prestito x non tirare fuori soldi, quest’anno arriveremo come sempre 8vi… Leggi il resto »

fabrix
fabrix
9 giorni fa
Reply to  Ruggero

Squadra scandalosa è vero. Purtroppo alcuni sono arrivati al capolinea (parolo, leiva, radu, lulic, proto e pure caicedo) e altri nn sono da serie A (stakosha, patric, hoedt, vavro, i vari anderson). Da valutare i nuovi. Io rimetterei Bastos, peggio di altri non è. Tare su tre acquisti di solito ne ‘azzecca’ 2 su 3. Ogni anno c’è uno che è un disastro: vedi i vari durmisi, berisha e appunto vavro (tanto per citare gli ultimi). È un po’ una scomessa. Finora bene o male è andata. Lotito ci ha salvati a suo tempo, ma quest’anno poteva e doveva fare… Leggi il resto »

Commento da Facebook
Commento da Facebook
10 giorni fa

Ancora parla il signor Cardone?

Commento da Facebook
Commento da Facebook
10 giorni fa

Speriamo che martedì non sia questa Lazio,perché so dolori.

fabrix
fabrix
10 giorni fa

A mio avviso abbiamo un portiere che non è all’altezza. Mai decisivo. Il resto mi sembra sotto gli occhi di tutti: la squadra più vecchia del campionato, a giugno prox 10/12 (su 24) giocatori sono fuori x limiti di età o perchè il contratto nn verrà rinnovato, i nuovi arrivati, che non sono granchè, nn sono ancora pronti, inzaghi non si adatta alle difficoltà delle singole partite ma segue un suo schema sempre e comunque. Affrontiamo il Borussia con Patric e Hoedt….

Antonio
Antonio
10 giorni fa

Mancavano giocatori in ruoli chiave e non sono stati presi, si punta da anni sempre su giocatori che da giovani sono ormai alle soglie del pensionamento, ci si affida a un Correa che non segna manco a porta vuota e per finire si prendono i rincalzi dalla Salernitana, non vedo perché ci si debba meravigliare di quanto accaduto.

Commento da Facebook
Commento da Facebook
10 giorni fa

Cardone voto al mercato?
6

Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Advertisement
Immobile

#CountdownToHistory: Immobile supera Signori al 2° posto all time

Ultimo commento: "Prendere Piola la vedo dura ... "
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "Ho avuto la fortuna di conoscerlo, parlarci per ore ed era prorprio come viene descritto da tutti. Ho ancora la sua maglia originale: quella con il 9,..."

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "Il suo dito che esce fuori dalla nebbia al derby. Non si vedeva nulla ma la palla era dentro la rete! E segna sempre lui!"
Lazio, Miti: Eugenio Fascetti

Eugenio Fascetti, guida leggendaria: che peso ha per te nella storia della Lazio?

Ultimo commento: "Fascetti una persona indimenticabile, grazie"

Uber Gradella: il portiere che preferì smettere piuttosto che giocare con altri

Ultimo commento: "Uber grande laziale, quando ero bambino mio papà mi raccontava sempre di questo signore ero che per non indossare un altra maglia, preferì..."

Altro da Pagelle