Resta in contatto

Casa Lazio

Lazio, la situazione degli esuberi: valige in mano, ma le destinazioni?

Calciomercato Lazio, Proto verso un probabile addio

Il punto sulla situazione degli esuberi in casa Lazio. In tanti hanno la valigia in mano, ma dove andranno?

Assembramenti pericolosi a Formello. Non per il pericolo di diffusione del Covid, ma per il serio rischio di ritrovarsi i campi di allenamento stracolmi di calciatori in esubero, fuori dal progetto Lazio.

In tutti i reparti si contano parecchi elementi di troppo. In porta dietro a Strakosha e Reina ci sono tre situazioni molto diverse tra loro. Proto è reduce da un’operazione al braccio, il contratto gli scade tra un anno e mercato ne ha poco. Anche considerando i suoi 37 anni. La possibilità di vederlo tutta la stagione in tribuna è concreta. Anche perché gli altri due in ballo per il ruolo di terzo sono Marco Alia, che avendo meno di 22 anni non occuperebbe posti in lista, e Marius Adamonis, classe ’97, rientrato dal prestito alla Sicula Leonzio. Proprio quest’ultimo è il maggior indiziato.  Per gli altri scarseggiano le notizie sul futuro e sulle eventuali destinazioni.

La difesa, per ora, resta l’unico reparto dove non è stato acquistato nessun nuovo giocatore. Se si concretizzerà il trasferimento di Bastos in Turchia qualcuno lo sostituirà. E l’intenzione non è quella coprire la sua partenza con Wallace. Quindi bisognerà trovare una sistemazione anche per il brasiliano, da poco tornato dall’esperienza in prestito al Braga. In Inghilterra? Sì, ma ci sono parecchi problemi burocratici da superare. Il tesseramento degli stranieri senza un sufficiente numero di presenze in nazionale è piuttosto complicato oltremanica. Alternative? Ad oggi sono difficili da definire con certezza.

Sempre nel reparto arretrato c’è Thiago Casasola, che da due anni viene rimbalzato in prestito tra Salerno e Cosenza. Proprio i calabresi sembrano molto interessati ad un suo ritorno e ci potrebbero essere sviluppi nei prossimi giorni.

A centrocampo, a parte i giovanissimi André Anderson e Luca Falbo, gli esuberi si chiamano Durmisi e Di Gennaro. Mentre, infatti, i due ragazzi, vista l’età, non creerebbero problemi per l’elenco da consegnare alla Lega, e comunque hanno buone possibilità di andare a giocare altrove, gli altri due sono delle autentiche zavorre per il bilancio. Il mister non li considera parte del gruppo, ma l’esterno danese, pagato 5 milioni due anni fa, ha ancora 3 anni di contratto, 2 quelli del centrocampista ex Cagliari. Il primo non è stato riscattato in estate dal Nizza e si stanno studiando possibili destinazioni in Spagna. Il secondo si è tentato di usarlo come pedina di scambio, ma con scarso successo.

A loro si aggiungono Lombardi e Kiyine, sospesi tra un possibile nuovo trasferimento alla Salernitana o la permanenza a Roma. La prima opzione sembra più probabile, anche perché in biancoceleste lo spazio per loro resterebbe poco. Ma alla fine non è escluso che possano rimanere, per diventare utili in alcuni momenti della stagione.

In attacco, infine, c’è Palombi da piazzare e il destino di Caicedo da capire. Il panterone sembrava destinato all’addio ad agosto. Ma l’offerta giusta dai paesi arabi non è ancora arrivata. Se rimarrà, di sicuro in attacco non arriverà nessun altro alla corte di Inzaghi. Per l’ex primavera rientrato dalla Cremonese, invece, ad oggi non si è fatto avanti nessuno concretamente. E anche il suo futuro resta un’incognita al momento.

A conti fatti, escludendo solo gli under 22, ci sono 35 calciatori in rosa. Tare ha 3 settimane ancora per trovare una soluzione. Oppure, considerando le norme sul distanziamento, a Formello si dovranno organizzare turni di allenamento in notturna.

3 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
3 Commenti
più nuovi
più vecchi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
Ruggero
Ruggero
2 giorni fa

Ma quale mercato, dove sta il nostro mercato, muriqi e Fares?
Adesso la Roma vicina a Kumbulla, prestito con diritto di riscatto obbligatorio, noi reintegreremo Caicedo e Wallace xché non riescono a venderli, nessuno li vuole e allora li porterà a scadenza di contratto, lo capite o no che non ha i soldi per fare un mercato importante, secondo voi xché letrattative durano dall’anno scorso…….

Commento da Facebook
Commento da Facebook
2 giorni fa

I commenti si fanno alla fine del mercato lasciate lavorare in pace chi è addetto

Commento da Facebook
Commento da Facebook
2 giorni fa

Le destinazioni chi le deve trovare il Ds o i tifosi?

Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Advertisement
Lazio, Miti: Eugenio Fascetti

Eugenio Fascetti, guida leggendaria: che peso ha per te nella storia della Lazio?

Ultimo commento: "Gufi gufi marameo tutti giù dal Colosseo...Insieme a Maestrelli l'allenatore più importante della Lazio. Onore a lui"
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "Prima partita allo stadio: Lazio-Verona 4-2. Avevo sette anni. Come potrei dimenticare? Gladiatore puro. Decise di andarsene perche' la Roma degli..."

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "Il mio primo gol della Lazio vista dal vivo lo ha segnato lui. Mio idolo di infanzia che ha aumentato la mia fede laziale. Immenso!"

Uber Gradella: il portiere che preferì smettere piuttosto che giocare con altri

Ultimo commento: "Uber grande laziale, quando ero bambino mio papà mi raccontava sempre di questo signore ero che per non indossare un altra maglia, preferì..."
Lazio, i Miti: Juan Sebastian Veron

Veron, Juan Sebastian gol: che emozioni ti ha fatto vivere la Brujita?

Ultimo commento: "Veron uno dei più grandi in assoluto,un vero mago del calcio,anche lui un affezionato come tanti altri,solo noi abbiamo tanti giocatori e allenatori..."

Altro da Casa Lazio