Resta in contatto

Consigli per gli acquisti

Isaak Tourè, il nuovo ‘Consiglio del Fabregas’: un gigante alto più di 2 metri

Isaak Tourè è il protagonista del nuovo consiglio del nostro amico Fabrizio “Fabregas” Di Marco: il 2003 è un difensore centrale del Le Havre

Nome: Souleymane Isaak Tourè
Ruolo: Difensore centrale
Data di nascita: 28/03/2003
Altezza: 204 cm.
Piede: sinistro
Club: Le Havre
Scadenza contratto: 2022

La scorsa estate Isaak Tourè, fortissimo difensore centrale classe 2003 del Le Havre, è stato cercato con insistenza da Borussia Dortmund e RB Lipsia, ma il talento franco-ivoriano ha preferito rimanere nel proprio club, dove è entrato a far parte della prima squadra. Il tecnico Paul Le Guen nutre una grandissima stima per questo gigantesco (è alto più di due metri) e qualitativo difensore centrale mancino, che può vantare 7 presenze con l’Under 17 transalpina.

Caratteristiche tecniche e tattiche:

Nonostante la sua corporatura imponente, è incredibilmente agile e dotato di una notevole progressione palla al piede. Naturalmente può andare un po’ in sofferenza negli spazi stretti a causa delle lunghe leve, ma è comunque in grado di disimpegnarsi egregiamente quando c’è da impostare il gioco, sfornando lanci molto precisi, che consentono di ribaltare velocemente l’azione su fronte offensivo. Grazie alle sue capacità balistiche, nelle giovanili del Le Havre ha anche segnato diversi gol su punizione. 

La sua forte personalità gli permette di guidare con autorevolezza l’intero reparto. Può e deve migliorare a livello di posizione. 

Farebbe comodo alla Lazio perché:

La Lazio in questo mercato sta cercando un forte difensore centrale per rinforzare il suo pacchetto arretrato per il campionato e la Champions League. Non può essere certo Tourè l’elemento in questione, ma un pensierino per acquistarlo e farlo maturare bisognerebbe farlo. Come già scritto ci sono club come Borussia Dortmund e RB Lipsia sul ragazzo, che non resterà ancora al lungo nel Le Havre: la sua valutazione si aggira intorno ai 5 milioni.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Advertisement
Lazio, Miti: Eugenio Fascetti

Eugenio Fascetti, guida leggendaria: che peso ha per te nella storia della Lazio?

Ultimo commento: "Gufi gufi marameo tutti giù dal Colosseo...Insieme a Maestrelli l'allenatore più importante della Lazio. Onore a lui"
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "Prima partita allo stadio: Lazio-Verona 4-2. Avevo sette anni. Come potrei dimenticare? Gladiatore puro. Decise di andarsene perche' la Roma degli..."

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "Il mio primo gol della Lazio vista dal vivo lo ha segnato lui. Mio idolo di infanzia che ha aumentato la mia fede laziale. Immenso!"

Uber Gradella: il portiere che preferì smettere piuttosto che giocare con altri

Ultimo commento: "Uber grande laziale, quando ero bambino mio papà mi raccontava sempre di questo signore ero che per non indossare un altra maglia, preferì..."
Lazio, i Miti: Juan Sebastian Veron

Veron, Juan Sebastian gol: che emozioni ti ha fatto vivere la Brujita?

Ultimo commento: "Veron uno dei più grandi in assoluto,un vero mago del calcio,anche lui un affezionato come tanti altri,solo noi abbiamo tanti giocatori e allenatori..."

Altro da Consigli per gli acquisti