Resta in contatto

News

Bastos e gli inizi difficili: “Non sempre avevo un pasto, ma volevo diventare calciatore”

Bastos-lazio-fiorentina

Bastos si è raccontato durante uno show condotto dalla moglie Nerika. Ecco le sue parole pubblicate su Instagram con un estratto del programma

“Non ho avuto sempre la possibilità di un mezzo di trasporto o di un pasto – ha detto Bastos, ricordando le difficoltà dell’infanzia – ma mi sono sempre ripetuto: “Voglio diventare un calciatore professionista in futuro”. Dopo ci sono riuscito e grazie a Dio siamo qui. Quando giocavo con i miei amici nel quartiere, si faceva a piedi nudi. Sembrava divertente: chi aveva la possibilità di avere gli scarpini non poteva giocare perché poteva far male agli altri”.

“Avevo amici che mi dicevano che non sarei mai diventato un calciatore. “Vai nella squadra di Petro? Laverai l’auto di Locò”. Ho vissuto situazioni dure, ma oggi sono adulto e le ho capite. Penso che tutto ciò mi abbia motivato e mi abbia spinto in ciò che volevo essere. Siamo umani: possiamo stare giù emotivamente e passare momenti difficili. Di solito dico: “Possono giocare a livelli professionali, solo quelle persone che amano e hanno la passione per questo gioco” perché quando hai la passione per qualcosa e la ami non senti la fatica”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Lo storico difensore e capitano dello Scudetto del 2000

Alessandro Nesta

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Il libero e capitano della Lazio del primo scudetto

Pino Wilson

L'indimenticabile allenatore della Lazio del primo scudetto

Tommaso Maestrelli

Una delle ultime bandiere e simbolo della Lazio

Vincenzo D'Amico

Advertisement

Altro da News