Resta in contatto

Oltre la Lazio

Commisso, lezione a Pallotta: “Mai fare promesse che non si possono mantenere”

I complimenti di Commisso alla Lazio: "C'è tanto da imparare"

Il presidente della Fiorentina Rocco Commisso, intervenuto in radio, ha commentato l’esperienza di Pallotta alla Roma.

Rocco Commisso, presidente della Fiorentina, è intervenuto sulle frequenze di Radio Bruno. Nel suo intervento ha avuto modo anche di parlare dell’esperienza di Pallotta con la Roma.

“Nel 2010-11 dovevo entrare nella Roma con la cordata Di Benedetto, ma poi ho rinunciato. E dopo poco tempo arrivò Pallotta. Tra le tante cose che mi hanno insegnato i miei genitori una è quella di imparare dagli sbagli degli altri. Pallotta non sa nemmeno l’italiano, è americano di terza generazione. Io invece parlo italiano, lo sono da prima di tanti altri. Consiglierei a Friedkin di non fare promesse che poi non può mantenere. A Pallotta gli  dissi che prima di promettere ai tifosi della Roma di portare la squadra tra le top-5 del mondo, doveva vincere qualcosa. Io non faccio mai promesse che non posso mantenere”.

2 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
2 Commenti
più nuovi
più vecchi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

Pare”COZZAMARA”di Johnny Stecchino!

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

Ma come? Hanno vinto 10 scudetti d’agosto più un bonsai! Più daa ciuventus!

Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Advertisement
Lazio, Miti: Eugenio Fascetti

Eugenio Fascetti, guida leggendaria: che peso ha per te nella storia della Lazio?

Ultimo commento: "Gufi gufi marameo tutti giù dal Colosseo...Insieme a Maestrelli l'allenatore più importante della Lazio. Onore a lui"
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "Prima partita allo stadio: Lazio-Verona 4-2. Avevo sette anni. Come potrei dimenticare? Gladiatore puro. Decise di andarsene perche' la Roma degli..."

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "Il mio primo gol della Lazio vista dal vivo lo ha segnato lui. Mio idolo di infanzia che ha aumentato la mia fede laziale. Immenso!"

Uber Gradella: il portiere che preferì smettere piuttosto che giocare con altri

Ultimo commento: "Uber grande laziale, quando ero bambino mio papà mi raccontava sempre di questo signore ero che per non indossare un altra maglia, preferì..."
Lazio, i Miti: Juan Sebastian Veron

Veron, Juan Sebastian gol: che emozioni ti ha fatto vivere la Brujita?

Ultimo commento: "Veron uno dei più grandi in assoluto,un vero mago del calcio,anche lui un affezionato come tanti altri,solo noi abbiamo tanti giocatori e allenatori..."

Altro da Oltre la Lazio