Resta in contatto

Pagelle

Le #Cardopagelle di Lazio – Cagliari: il ritorno dei 3 moschettieri

Cardopagelle

Tutti per uno, #Cardopagelle per tutti. Ecco i voti di questo Lazio – Cagliari nel segno dei tre moschettieri biancocelesti.

Sceglietelo voi chi è Atos, chi Portos e chi Aramis. Lazio – Cagliari sa molto di romanzo d’avventura, risolto nel momento decisivo dai 3 moschettieri biancocelesti: Milinkovic, Luis Alberto, Immobile. Queste le #Cardopagelle loro e degli altri uomini che hanno salvato il trono europeo della prima squadra della Capitale.

Strakosha 6

Non reattivissimo sulla deviazione letale di Luiz Felipe. Ma insomma più sfortunato che colpevole.

Patric 6.5

Lui invece è reattivo sempre. E grande lucidità nel momenti più sofferti nel finale. Rientro importante.

Luiz Felipe 5.5

La sensazione è che ormai, quando affronta il tiro avversario, pensi più a non prenderla di mano, con la sua proverbiale modalità pinguino, che a contrastare efficacemente il tiro. In ogni caso, la deviazione sulla innocua conclusione di Simeone ci fa vivere un intervallo da incubo. Per fortuna l’episodio non lo condiziona e nella ripresa migliora.

Acerbi 6.5

Tra i momenti più drammatici della serata, quando Leone si è rotolato a terra dopo una torsione innaturale del ginocchio. Ma lui tiene fede al soprannome, torna in campo e trascina i suoi verso la meritatissima Champions League. Gigante.

Lazzari 7

Solo la squalifica per somma di ammonizione fermerà questo motorino formidabile, immarcabile per la difesa del Cagliari. Applausi.

Milinkovic 8

Il suo gol più importante. Perché senza quella staffilata sotto l’incrocio dei pali, bellissima per coordinazione, tecnica e potenza, in apertura di ripresa, il secondo tempo sarebbe diventato un thriller insopportabile. Quel siluro ha cambiato la partita, l’ha portata dalla parte biancoceleste. Grandissimo Sergej.

Parolo 7

A lui il nutrizionista fa bene, perché il capitano ha giocato un’altra gara di grande sostanza, davanti alla difesa, facendo diga nella ripresa e lavorando da regista quando la Lazio attaccava in massa. Seconda giovinezza.

Luis Alberto 7.5

Il marchio di fabbrica: condurre palla nella posizione di mezzala sinistra e da lì trovare Immobile a occhi chiusi, per confezionare l’ennesimo assist all’amico. Decisivo, come sempre quando sta bene.

Jony 6.5

Incerto nell’azione del gol di Simeone, però crea lui le premesse per il pareggio di Milinkovic e soprattutto, nel primo tempo, serve un pallone da rifinitore puro – sinistro morbido e bello – per Immobile, che non segna solo perché Cragno fa uno dei tanti miracoli della serata. Buona partita del ragazzo spagnolo.

Caicedo 6

Tanto sacrificio per il Panterone, molto più concreto e presente delle ultime partite.

Immobile 7.5

Ha segnato nell’occasione più difficile, forse, con un sinistro già visto a Torino contro i granata. E così è tornato davanti a Ronaldo. Prima, il quindicesimo palo delle due ultime due stagioni e una chance fallita più per la bravura di Cragno che per demerito suo. È arrivato a 31 gol, un numero pazzesco. E non ha alcuna intenzione di fermarsi. Sì, King Ciro è tornato.

Correa 6

Un po’ ingolfato, normale visto che non giocava dal 4 luglio. Solita occasione sprecata davanti al portiere, ma anche tanti palloni giocati con intelligenza.

Lukaku 6

Prova senza strappi ma molto diligente in fase difensiva.

Marusic 6.5

Non facile sostituire Lazzari, ma è entrato subito bene in partita. Altro recupero importante per le ultime 3 gare.

Cataldi sv

Inzaghi 10

Se non succedono cose incredibili, ci ha riportato in Champions dopo 13 anni. Che altro voto merita? Ma ora il suo compito è convincere la banda di poter agguantare almeno il terzo posto. Grande mister, complimenti!

2 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
2 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Stefano 71'
Stefano 71'
8 mesi fa

D’accordo su tutto, ma avrei dato la sufficienza anche a Luiz Felipe, nonostante l’autogoal.

Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Advertisement
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "rimpiazzato ovviamente da William Vecchi"

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "Sono un laziale di Piacenza e ricordo i tuoi primi passi in biancorosso, poi nella prima squadra della capitale ci hai fatto tutti impazzire !!!! Col..."

Addio Pablito: se ne va un altro simbolo del calcio

Ultimo commento: "Grande campione!"

#CountdownToHistory: Immobile torna al gol, doppietta contro il Benevento

Ultimo commento: "Secondo me l'unico dubbio e' se Ciro , Silvio Piola , lo raggiunge in questo campionato 2020-2021 o nel prossimo 2021-2022"
Lazio, Tommaso Maestrelli

Lazio, oggi la ricorrenza della scomparsa di Maestrelli

Ultimo commento: "Ciao MAESTRO, con gli anni che passano aumenta sempre più il rimpianto di averti perso troppo presto. Da lassù, guida Simone."
Advertisement

Altro da Pagelle