Resta in contatto

News

De Martino: “L’obiettivo era la Champions fin da subito. Lotito-Inzaghi? Odi et amo”

Lazio, De Martino: "Tutta la squadra vuole giocarsi lo scudetto"

De Martino: “Liti interne? Storie non vere”

Il direttore della comunicazione della Lazio Stefano De Martino ha parlato ai microfoni di Radio Incontro Olympia: “C’è delusione. Quando sei ad un punto dalla Juve alla ripresa di questo strano campionato, dispiace perdere tre partite di seguito. È sembrato quindi che l’obiettivo primario della stagione fosse lo scudetto. Ovvio è che, una volta arrivati ai vertici, tutti ci abbiamo provato, ma cinque assenze importanti, farebbero male a qualsiasi squadre”.

Sul calendario – “Ho sentito anche Conte lamentarsi. La Lazio ha giocato ogni tre giorni, proprio alla ripresa, quando il momento non era facile”.

Querelle alimentazione – “È tutto assurdo, la Lazio è la terza squadra che corre di più. Questo significa che fisicamente non è cambiato molto. È mancata la lucidità sotto porta per fattori mentali? Lavoreremo per capire anche questo. Ma i discorsi sulle liti interne non sono veri”.

Obiettivi – “La società si è data dei traguardi da raggiungere di anno in anno, crescendo, giocando finali, vincendo trofei. La Lazio ha scalato posizioni, è tornata in Europa League e si appresta a tornare in Champions. Ovvio che dobbiamo essere sempre più competitivi. Questo gruppo ha dimostrato che con la voglia, si può fare tanto”.

Stipendi – “Escludo assolutamente quello che qualcuno pensa e dice a tal proposito. Questo è il miglior gruppo che ho visto da quando sono qui, sia a livello tecnico che umano. Si frequentano anche dopo le partite. Il gruppo è molto unito e ce l’ha messa tutta da inizio anno”.

Juventus-Lazio – “Abbiamo giocato bene, l’errore di Luiz Felipe ha pesato. Inzaghi ha dato spazio anche ai Primavera. Abbiamo dimostrato di essere andati a Torino per archiviare il discorso Champions”.

Rapporto Lotito-Inzaghi – “Con Lazio-Cagliari sarà il tecnico più longevo da quando ci siamo noi. Sono da escludere problemi tra loro. A volte i pensieri non coincidono, come accade in tutti i gruppi di lavoro, ma lo scopo è sempre il bene comune”.

Gli attacchi dei giornali – “Quando non sarò più alla Lazio credo che lascerò un lavoro iniziato da tempo: sono di Roma, ci vivo e frequento diversi quartieri, sentire le persone che ci dicono di aver capito che alcuni criticano senza motivo e semplicemente per attaccare, fa capire che quanto fatto fino ad ora, è stato compreso”.

Correa – “Sta lavorando e si sta anche affrettando. Come lui, ho visto tanti altri sacrificarsi per tornare il prima possibile”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Advertisement
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "rimpiazzato ovviamente da William Vecchi"

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "Sono un laziale di Piacenza e ricordo i tuoi primi passi in biancorosso, poi nella prima squadra della capitale ci hai fatto tutti impazzire !!!! Col..."

Addio Pablito: se ne va un altro simbolo del calcio

Ultimo commento: "Grande campione!"

#CountdownToHistory: Immobile colpisce anche il Cagliari

Ultimo commento: "Secondo me l'unico dubbio e' se Ciro , Silvio Piola , lo raggiunge in questo campionato 2020-2021 o nel prossimo 2021-2022"
Lazio, Tommaso Maestrelli

Lazio, oggi la ricorrenza della scomparsa di Maestrelli

Ultimo commento: "Ciao MAESTRO, con gli anni che passano aumenta sempre più il rimpianto di averti perso troppo presto. Da lassù, guida Simone."
Advertisement

Altro da News