Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Pagelle

Lazio – Milan, le Cardopagelle: Correa fuori fase, Sergej spento. Leiva un sorriso

Cardopagelle

Lazio – Milan, ecco le pagelle del nostro direttore Giulio Cardone

Strakosha 5.5

Secondo me non poteva fare nulla sulla traiettoria beffarda presa dal tiro di Calhanoglu dopo la deviazione con la suola di Parolo. Invece doveva parare il rigore tirato male da Ibra.

Patric 6

Il meno colpevole tra i difensori. Impegnato dagli attaccanti del Milan, non è riuscito a spingere.

Acerbi 5.5

Domina facilmente Ibra, sbaglia solo quando tiene in gioco Rebic per il 3-0.

Radu 5.5

Questo nuovo regolamento sul fallo di mano lo penalizza: è girato, ma la palla gli sbatte sul braccio largo e quindi il rigore ci sta. Per il resto, non troppi problemi contro Saelemaekers.

Lazzari 5.5

Sempre vivace, però non ha saputo capitalizzare le tante corse: cross poco pericolosi. Peccato che Luis Alberto gli passi in ritardo la palla che avrebbe potuto riaprire la partita: “Speedy” segna, ma ormai è in fuorigioco.

Milinkovic 5

Sergente imbavagliato da Kessie, spento e infortunato. Speriamo l’infortunio non sia grave (distorsione alla caviglia).

Leiva 6

Mezzasquadra si fa subito notare per i suoi tackle da duro, che tanto ci erano mancati. Si fa saltare facilmente da Calhanoglu, è vero, ma il rientro del brasiliano è l’unica notizia decente di questa serataccia.

Parolo 5.5

Sembra che corra un po’ a vuoto. Sfortunato a deviare il tiro di Calhanoglu: è l’episodio che ha condizionato l’intera partita.

Jony 6

Lo premio con la sufficienza per quei due cross interessanti del primo tempo: Correa avrebbe dovuto sfruttarne almeno uno. Però lo spagnolo continua a sbagliare troppi appoggi agevoli.

Luis Alberto 5

Luce spenta, stavolta. La fotografia della sua partita è l’assist agevole per Lazzari, incredibilmente confezionato fuori tempo dal Toque. Dopo una stagione trascorsa a dare spettacolo, ci sta una serata storta.

Correa 4.5

Sono arrabbiato per come ha fallito totalmente la conclusione – lisciando il pallone – sul cross di Jony: sullo 0-0, un errore così poi lo paghi. Fuori forma e senza nerbo. Devi rialzarti subito, Tucu.

Adekanye 6

Il ragazzino, recuperato in extremis, merita la sufficienza per l’impegno, la verve e l’assist in apertura di ripresa non sfruttato da Correa.

Lukaku 6.5

È ora di schierarlo dall’ inizio: i suoi spunti nella ripresa creano problemi al Milan.

Vavro 5

Sbaglia in occasione del terzo gol rossonero: arrugginito dal troppo tempo passato senza giocare, tra lockdown, infermeria e panchine.

Cataldi 6

Importante che sia rientrato, anche se la caviglia dà ancora fastidio.

André Anderson 5.5

Inghiottito dal vortice di una partita che, quando è entrato, era già persa.

Inzaghi 6

Senza Immobile e Caicedo, aveva organizzato una partita prudente, da vincere con un golletto magari nella ripresa dopo un primo tempo accorto. L’autogol di Parolo gli scombina i piani e a quel punto non ci sono risorse per ribaltare di nuovo il risultato. Confermata la Ciro-dipendenza della sua Lazio.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Lo storico difensore e capitano dello Scudetto del 2000

Alessandro Nesta

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

IL LIBERO E CAPITANO DELLA LAZIO DEL PRIMO SCUDETTO

Pino Wilson

L'indimenticabile allenatore della Lazio del primo scudetto

Tommaso Maestrelli

Una delle ultime bandiere e simbolo della Lazio

Vincenzo D'Amico

Advertisement

Immobile torna al gol e accorcia su Baggio nella classifica all time

Ultimo commento: "Sevede che è bravo a segnalli, voi manco quelli."

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "Il migliore di tutti i tempi"
Lazio, Tommaso Maestrelli

Lazio, oggi la ricorrenza della scomparsa di Maestrelli

Ultimo commento: "Pensa Rita io c'ero ,poi rivedendo in televisione ho capito perchè non ha esultato,per rispetto della sua ex squadra il Foggia ,Grande Uomo mi escono..."
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "Negli anni 70 avevo la mia camera tappezzata di sue immagini e ascoltavo sempre Battisti con i giardini di marzo. ..."

#CountdownToHistory: Immobile nella leggenda

Ultimo commento: "Grandissimo"

Altro da Pagelle