Resta in contatto

News

Lazio, A.Moggi: “Offrii CR7 alla Lazio, ecco la risposta letterale di Cragnotti”

L’agente Moggi ricorda l’operazione Cristiano Ronaldo-Lazio

La Lazio da diversi anni è ritornata ad avere un ruolo importante nel calcio italiano e anche in quello europeo. Merito di un progetto ben chiaro e di una società solida e decisa nei suoi obiettivi. L’accoppiata Lotito-Tare sta regalando diverse gioie ai tifosi biancocelesti, anche in merito al calciomercato. Molto vicino Marash Kumbulla, oltre ad Escalante, il direttore sportivo è sempre a lavoro per migliorare la rosa e puntare allo Scudetto. Tricolore che al momento dista 7 punti dalla Juve capolista, trascinata dai suoi gioielli Dybala e Ronaldo, ma la situazione sarebbe potuta essere diversa, come racconta Alessandro Moggi a Il Foglio Sportivo: “Nel 2003 offrii un giovane Cristiano Ronaldo alla Lazio, ma il presidente Cragnotti, per me uno dei più straordinari, mi rispose letteralmente <<Nun me rompete er cazzo co’ questo e portatemi Ronaldo, quello vero>>. La storia poi la conosciamo, CR7 andò allo United e fece le fortune di Ferguson, il Fenomeno andò a Madrid, e i biancocelesti presero Muzzi dall’Udinese.”

L’agente ha poi parlato anche del suo assistito e attuale bomber della Lazio Ciro Immobile: “Portarlo al Dortmund, finalista di Champions nel 2013, fu un motivo di grande orgoglio. Un’operazione da 19 milioni, che all’epoca erano tanti. Ciro è una star in tutti i sensi, lo metto al primo posto dei top player e giocatori che ho avuto in 27 anni di carriera. E’ un ragazzo dai sani principi, generoso e di cuore. Ha costruito una bella famiglia anche grazie agli insegnamenti della sua. Mercato? Tutto può succedere, le squadre interessate a Ciro non si contano sulle dita di due mani, ma adesso è troppo concentrato sulla Lazio e sul sogno Scudetto. In testa c’è anche il pensiero della Scarpa d’Oro, anche se Lewandovski ha fatto molto bene nel finale di stagione”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Advertisement
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "Prima partita allo stadio: Lazio-Verona 4-2. Avevo sette anni. Come potrei dimenticare? Gladiatore puro. Decise di andarsene perche' la Roma degli..."
Lazio, Miti: Eugenio Fascetti

Eugenio Fascetti, guida leggendaria: che peso ha per te nella storia della Lazio?

Ultimo commento: "Ero giovanotto e seguivo la squadra in quegli anni difficili. No come oggi che si fa polemica se arrivi secondo o quarto. Rimane sempre nel mio cuore..."

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "Il mio primo gol della Lazio vista dal vivo lo ha segnato lui. Mio idolo di infanzia che ha aumentato la mia fede laziale. Immenso!"

Uber Gradella: il portiere che preferì smettere piuttosto che giocare con altri

Ultimo commento: "Uber grande laziale, quando ero bambino mio papà mi raccontava sempre di questo signore ero che per non indossare un altra maglia, preferì..."
Lazio, i Miti: Juan Sebastian Veron

Veron, Juan Sebastian gol: che emozioni ti ha fatto vivere la Brujita?

Ultimo commento: "Veron uno dei più grandi in assoluto,un vero mago del calcio,anche lui un affezionato come tanti altri,solo noi abbiamo tanti giocatori e allenatori..."

Altro da News