Resta in contatto

News

Diaconale: “Molti vorrebbero essere come Lotito, ma non lo sono: ecco i motivi dell’attacco”

Diaconale attacco a Malagò: "Si parla di etica ma non capisco il filo logico"

Arturo Diaconale è intervenuto in diretta ai microfoni di Radio Olympia Incontro.

Diaconale ha risposto a tutti gli attacchi provenienti alla Lazio e al suo presidente in queste settimane.

“Siamo di fronte ad un attacco mediatico molto grave. Addirittura Cellino si è meravigliato di questi attacchi al presidente Lotito. Non credo ad un complotto, come detto da Sconcerti è una cosa personale, e credo proprio che questa cassa mediatica contro la Lazio e il suo presidente provenga da una sorta di invidia nei suoi confronti. In molti vorrebbero essere Lotito, per le sue capacità gestionali e imprenditoriali, ma non lo sono.

La Lazio non è più terra di conquista per altre squadre e il nostro blasone è cresciuto. Tutto ciò provoca attacchi da tutte le parti. Noi fin dal primo istante ci siamo schierati con la ripartenza del calcio. Non ripartire avrebbe pregiudicato una crisi immensa per l’intero settore.

A Lotito viene attribuito il ruolo di manipolare tutto il calcio italiano, ma non è così. Lui lotta per il sistema andando contro  chi comanda questo sport da sempre e questo provoca fastidio in qualcuno. Ormai il mondo del giornalismo è cambiato. Il modo di comunicare è totalmente diverso. Fare polemica ormai è al giorno di oggi. Rimango stupito dal discorso di Sconcerti: cosa vuol dire questione personale? Perché c’è questa guerra personale da parte di alcuni editori contro Lotito? A questo punto non si può chiamare informazione se sono attacchi personali.

Siamo orgogliosi del nostro centro sportivo. Non vediamo l’ora di ospitare i nostri tifosi a Formello per fargli vedere con i loro occhi, quanto è ambiziosa questa società”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

L'indimenticabile allenatore della Lazio del primo scudetto

Tommaso Maestrelli

Una delle ultime bandiere e simbolo della Lazio

Vincenzo D'Amico

Advertisement

Altro da News