Resta in contatto

News

Diaconale: “Chi ha denunciato Lotito, non mi pare abbia questa credibilità assoluta”

Diaconale attacco a Malagò: "Si parla di etica ma non capisco il filo logico"

Il portavoce della Lazio Arturo Diaconale è intervenuto a Radio Punto Nuovo parlando delle accuse mosse in questi giorni a Lotito.

Ai microfoni di Radio Punto Nuovo ha parlato Arturo Diaconale. Nel suo intervento ha affrontato i temi e le accuse che hanno riguardato la Lazio e Lotito in questi giorni.

“Chi ha denunciato Lotito non mi pare abbia questa credibilità assoluta per ritenere così inattaccabili le sue considerazioni. Il presidente mi pare abbia deciso di rispondere sul piano giudiziario. Vedremo allora come la si concluderà questa vicenda. Segnalo solo, tra le tante cose, la concomitanza della prossima ripresa del campionato con questo fiorire di contestazioni. Ho l’impressione che si voglia colpire Lotito ad ogni costo. E di conseguenza la Lazio. Come scriveva Agatha Christie, numerosi indizi fanno una prova e qui il tentativo mi mettere indifficoltà il presidente e la società è palese. Chi è proprietario investe di suo e Lotito ha ben più diritto di dire la sua all’interno della Lega, rispetto a chi parla per conto di proprietari terzi. Il vero problema sono gli interessi che le varie società portano avanti. Proprietari o manager, il problema è come si agisce, non chi.

Lotito ha dimostrato di essere un proprietario accorto e avveduto, salvando una società sull’orlo del fallimento e riportandola ai vertici,  perché ha gestito una società sull’orlo del fallimento, salvandola e portandolo ad alti livelli. La mia impressione è che con questo accanimento si voglia trasformare Lotito in un facile bersaglio, come fosse lui il colpevole dei guai del calcio italiano. Sulla Gazzetta dello Sport ho letto un’idea un po’ bizzarra: Siccome è un proprietario italiano è un po’ fuori dai tempi rispetto alle altre società con proprietari cinesi, arabi o che altro. io credo che l’accettabilità di un presidente stia ai tifosi stabilirlo, sulla base dei risultati”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Advertisement

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "da juventino ho adorato Beppe Signori......è uno dei pochi calciatori di cui ho la maglia autografata......oggi Signori non avrebbe..."
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "Sono della Lazio dalla nascita, anni 50, nel periodo di Chinaglia eravamo tifosi più di Chinaglia che della Lazio, è strano ma è cosi, nessuno ha..."
Lazio, i Miti: Juan Sebastian Veron

Veron, Juan Sebastian gol: che emozioni ti ha fatto vivere la Brujita?

Ultimo commento: "Veron uno dei più grandi in assoluto,un vero mago del calcio,anche lui un affezionato come tanti altri,solo noi abbiamo tanti giocatori e allenatori..."

Uber Gradella: il portiere che preferì smettere piuttosto che giocare con altri

Ultimo commento: "Lo conpscevo personalmente, aveva un negozio di articoli sportivi vicino casa mia. Ma non l'ho mai visto giocare."
Lazio, Miti: Eugenio Fascetti

Eugenio Fascetti, guida leggendaria: che peso ha per te nella storia della Lazio?

Ultimo commento: "Un bravissimo allenatore, forse poco apprezzato a cui non e' stata fornita, all'epoca, l'occasione della grande squadra. Soprattutto poi un uomo vero."

Altro da News