Resta in contatto

Oltre la Lazio

Rosella Sensi ricorda l’ultimo trofeo: “Ero sicura che avremmo gioito di nuovo”

In un’intervista al Corriere della Sera Rosella Sensi ricorda la Coppa Italia del 2008. L’ultimo trofeo vinto dalla Roma.

Se mi avessero detto che la Roma non avrebbe più vinto per tutto questo tempo non ci avrei creduto“. Questo il pensiero di Rosella Sensi,  intervistata oggi dal Corriere della Sera. L’ex presidentessa della A.S.Roma ha ricordato la Coppa Italia del 2008, l’ultimo trofeo vinto dai giallorossi dodici anni fa.

Ero sicura che avremmo gioito di nuovo – ha raccontato, sostenendo che la sotto la sua presidenza la squadra poteva vincere ancora –Diciamo che mancano un paio di scudetti. Quello del 2010 con in panchina Ranieri, grande allenatore e grande romanista, è ancora oggi un gran dolore, lo avremmo meritato. Pur senza grandi risorse economiche, siamo sempre stati lì, lottando a testa alta“.

 

24 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
24 Commenti
più nuovi
più vecchi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
Commento da Facebook
Commento da Facebook
5 mesi fa

Due scudetti ma stiamo scherzando diciamo almeno sette e dodici coppa Italia 8 super coppa nazionale e almeno due Champion e tre Europa League più almeno una Super coppa europea è una interplanetaria visto che Pallotta ha detto che la riomma ha 80 milioni di tifosi

Commento da Facebook
Commento da Facebook
5 mesi fa

Hahahaha romanisti rosicate. Lulic 71

Commento da Facebook
Commento da Facebook
5 mesi fa

🤣🤣🤣🤣🤣🤣🤣

Commento da Facebook
Commento da Facebook
5 mesi fa

Sono simpatici questi romanisti!

Commento da Facebook
Commento da Facebook
5 mesi fa

Dice 2 e poi cita solo il 2010 e l’altro ti è venuto in sogno?

Commento da Facebook
Commento da Facebook
5 mesi fa

La yuve gliela sempre rubati stavano li.li ridicola

Commento da Facebook
Commento da Facebook
5 mesi fa

Ce pija come er ninja…te fidi de me? 🤣

Commento da Facebook
Commento da Facebook
5 mesi fa

ROBA VECCHIA 😂😂😂😂😂

Commento da Facebook
Commento da Facebook
5 mesi fa

Secondo me anche di più…😂😂😂
Comica

Commento da Facebook
Commento da Facebook
5 mesi fa

🤘🤘🤘🤘🤘🤘

Commento da Facebook
Commento da Facebook
5 mesi fa

😂😂😂😂😂😂😂😂😂

Commento da Facebook
Commento da Facebook
5 mesi fa

😂😂😂

Commento da Facebook
Commento da Facebook
5 mesi fa

Mo vabbeh…..

Commento da Facebook
Commento da Facebook
5 mesi fa

C……che memoria

Commento da Facebook
Commento da Facebook
5 mesi fa

Un paio di fegati al massimo

Commento da Facebook
Commento da Facebook
5 mesi fa

E invece….

Commento da Facebook
Commento da Facebook
5 mesi fa

… er bonzai…

Commento da Facebook
Commento da Facebook
5 mesi fa

Ma pure 3 scempions e 4 coppe del mondo!

Commento da Facebook
Commento da Facebook
5 mesi fa

Coi se e coi ma ce se va a……caga!!!

Commento da Facebook
Commento da Facebook
5 mesi fa

1 rondine… Non fa primavera. 💙🦅💙🦅💙🦅💙🦅

Commento da Facebook
Commento da Facebook
5 mesi fa

Si vero… Quelli che avete pagato coi ROLEX
😂

Commento da Facebook
Commento da Facebook
5 mesi fa

Più che gli scudetti mancati dovresti ricordare che comunque ti hanno fatto iscrivere al campionato anche se non ne avevi diritto😠

Commento da Facebook
Commento da Facebook
5 mesi fa

Questa è una comica🤣🤣🤣

Gaetano
Gaetano
5 mesi fa

Che te fumi ?

Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Advertisement
Immobile

#CountdownToHistory: Immobile supera Signori al 2° posto all time

Ultimo commento: "Prendere Piola la vedo dura ... "
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "Ho avuto la fortuna di conoscerlo, parlarci per ore ed era prorprio come viene descritto da tutti. Ho ancora la sua maglia originale: quella con il 9,..."

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "Il suo dito che esce fuori dalla nebbia al derby. Non si vedeva nulla ma la palla era dentro la rete! E segna sempre lui!"
Lazio, Miti: Eugenio Fascetti

Eugenio Fascetti, guida leggendaria: che peso ha per te nella storia della Lazio?

Ultimo commento: "Fascetti una persona indimenticabile, grazie"

Uber Gradella: il portiere che preferì smettere piuttosto che giocare con altri

Ultimo commento: "Uber grande laziale, quando ero bambino mio papà mi raccontava sempre di questo signore ero che per non indossare un altra maglia, preferì..."

Altro da Oltre la Lazio