Resta in contatto

News

Serie A, La Repubblica: “Play-off a sei? Monta la polemica”

Gravina: "Amareggiato di dover contrastare l'oscurantismo verso il calcio"

di Giulio Cardone

Monta la protesta, nell’ambiente laziale, per il piano B studiato dalla Figc nel caso in cui non si riuscisse a concludere regolarmente il campionato: i playoff a 6 squadre.

L’ipotesi, rivelata ieri da Repubblica, non piace neanche un po’ né alla società né ai tifosi biancocelesti: “Considerando i distacchi accumulati dalla Roma rispetto a Juve e Lazio, sarebbe scandaloso concedere alla squadra giallorossa la possibilità di conquistare lo scudetto”, tuona su Radiosei Guido De Angelis, storico punto di riferimento del popolo laziale. Nonostante la formula permetterebbe a Juve e Lazio di approdare direttamente in semifinale, quindi senza mettere a rischio il posto Champions, la soluzione prospettata da Gravina viene contestata attraverso social e radio.

​Da parte loro, i calciatori biancocelesti hanno iniziato il conto alla rovescia verso gli allenamenti di squadra, previsti per lunedì. Fatti i tamponi (ieri gli ultimi), entro stasera lo staff medico avrà i risultati: domani Inzaghi ha concesso una giornata di riposo ai suoi, poi da lunedì – se saranno tutti negativi – le sedute di gruppo, tanto attese dal tecnico e dagli stessi giocatori. “Al momento – sottolinea Luis Alberto in una radio spagnola – continuiamo ad allenarci individualmente e manteniamo le distanze: penso che quando torneremo a giocare, non saremo preparati come quando si può svolgere un programma normale. La partita ci manca, a Formello la palla finora l’abbiamo usata poco: niente possesso, svolgiamo lavoro fisico. Le porte chiuse? Sarà super strano: tra l’altro bisogna stare attenti a ciò che viene detto tra giocatori e con l’allenatore”. Anche la Lazio partecipa al lutto del mondo del calcio per la scomparsa di Gigi Simoni, tecnico dei biancocelesti in Serie B nella stagione ’85-’86.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Lo storico difensore e capitano dello Scudetto del 2000

Alessandro Nesta

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

IL LIBERO E CAPITANO DELLA LAZIO DEL PRIMO SCUDETTO

Pino Wilson

L'indimenticabile allenatore della Lazio del primo scudetto

Tommaso Maestrelli

Una delle ultime bandiere e simbolo della Lazio

Vincenzo D'Amico

Advertisement

Immobile da record: Ciro a -1 dalla top 10 assoluta dei marcatori in A

Ultimo commento: "Mah , realizzare un calcio di rigore non è mai stata una cosa facile........tant'è che la sua mancata realizzazione ( ben due rigori falliti ) ci è..."

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "È stato e sarà per sempre il più grande goleador del mondo e segna sempre lui, e segna sempre lui, si chiama Beppe Signori, si chiama Beppe..."
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "Negli anni 70 avevo la mia camera tappezzata di sue immagini e ascoltavo sempre Battisti con i giardini di marzo. ..."
Lazio, Tommaso Maestrelli

Lazio, oggi la ricorrenza della scomparsa di Maestrelli

Ultimo commento: "Mi ricordo che tristezza"

#CountdownToHistory: Immobile nella leggenda

Ultimo commento: "Grandissimo"

Altro da News