Resta in contatto

News

Pannofino: “Mai nascosto la mia fede. Io della Lazio grazie alla squadra del 1974”

Francesco Panoffino è intervenuto  ai microfoni di Radio Olympia Incontro per parlare della sua fede biancoceleste e del suo lavoro di attore e doppiatore”

“Per il nostro mondo non è un momento facile; gli spettacoli sono stati rimandati. Il doppiaggio ha ripreso, ma personalmente sono ancora in quarantena. La mia passione per questi colori nasce nel 1974, anno che arrivai a Roma dalla Liguria. Con il mio compagno di scuola, andai allo stadio per lavorare insieme a lui sugli spalti. La questione era piuttosto divertente, perché vedevo la partita gratis e in più portavo qualche soldo a casa. Ricordo che partecipai alla festa scudetto, un’emozione incredibile.

La cosa importante è non essere mai estremi; il calcio è uno sport, qualcuno vince altri perdono ma deve restare un gioco. Non ho mai nascosto la mia fede e non ci trovo niente di male, l’importante è essere equilibrati. Adesso lo stadio senza pubblico cambierà tanto, purtroppo, l’altro giorno ho visto una partita in Germania e poco dopo mi sono addormentato (ride, ndr).  Il tempo va avanti così come la vita e il calcio stesso. Prima era un gioco più genuino, mentre sotto un punto di vista tecnico era più lento. Sicuramente era più romantico.

Non sono sorpreso dalla stagione della Lazio, la rosa è molto forte anche se un po’ corta. La nostra cavalcata è stata incredibile, purtroppo si è interrotta sul più bello. Mi auguro che al ritorno in campo della squadra la volata verso il primo posto possa proseguire. Sicuramente sarà un altro campionato e poi il fattore pubblico si farà sentire.

Il mio lavoro mi gratifica molto, sono legato a tutti i personaggi doppiati ma anche il teatro, con il contatto diretto con la gente mi piace molto. Ringrazio tutte le persone che mi seguono con affetto.

 

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Advertisement

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "da juventino ho adorato Beppe Signori......è uno dei pochi calciatori di cui ho la maglia autografata......oggi Signori non avrebbe..."
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "Sono della Lazio dalla nascita, anni 50, nel periodo di Chinaglia eravamo tifosi più di Chinaglia che della Lazio, è strano ma è cosi, nessuno ha..."
Lazio, i Miti: Juan Sebastian Veron

Veron, Juan Sebastian gol: che emozioni ti ha fatto vivere la Brujita?

Ultimo commento: "Veron uno dei più grandi in assoluto,un vero mago del calcio,anche lui un affezionato come tanti altri,solo noi abbiamo tanti giocatori e allenatori..."

Uber Gradella: il portiere che preferì smettere piuttosto che giocare con altri

Ultimo commento: "Lo conpscevo personalmente, aveva un negozio di articoli sportivi vicino casa mia. Ma non l'ho mai visto giocare."
Lazio, Miti: Eugenio Fascetti

Eugenio Fascetti, guida leggendaria: che peso ha per te nella storia della Lazio?

Ultimo commento: "Un bravissimo allenatore, forse poco apprezzato a cui non e' stata fornita, all'epoca, l'occasione della grande squadra. Soprattutto poi un uomo vero."

Altro da News