Resta in contatto

News

Serie A, Spadafora: “Inviterei tutti a fare meno i fenomeni”

Serie A, Spadafora: "Speriamo che il calcio riparta il prima possibile"

Il Ministro Spadafora è tornato a parlare in diretta Facebook della ripresa della Serie A chiedendo rispetto per il lavoro finora svolto

Il Ministro Spadafora in diretta Facebook è tornato sulla ripresa della Serie A chiedendo di rispettare la linea di prudenza adottata dal Governo.

“Vorrei invitare tutti quanti a non dire che stiamo facendo caos, ma piuttosto a dire che abbiamo scelto la linea della prudenza al fine di evitare che tutto riparta e che poi di nuovo siamo costretti a sospendere. Inviterei tutti a fare un po’ meno i fenomeni. Tutti scienziati, calciatori, arbitri. Mi dicono ‘non sei uno che viene dal mondo dello sport’, ma per fare il Ministro dello Sport non è vincolante essere uno sportivo.

Ciò che è importante è saper ascoltare chi ne sa più di noi, e poi assumersi le responsabilità. Il mondo del calcio ci chiede di essere noi ad assumerci la responsabilità di bloccare, non decideranno in autonomia. Anche nel mondo del calcio ci sono posizioni diverse: ricevo molti messaggi sui social dai calciatori, che mi contattano per dirmi le loro preoccupazioni. C’è una differenza di posizioni che è frutto di una complessità generale”

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest
1 Comment
più nuovi
più vecchi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
Carlo gatta
Carlo gatta
1 mese fa

Di questo signore non se ne può più. Gli interessi che muovono le istituzioni sportive (Malago’ docet) e governative sono particolari e non pubblici. Riaprono le palestre…anche Superman si contagerebbe in una palestra, a meno di non morire di crisi respiratoria con la mascherina, mentre fa addominali…..Non può riaprire il campionato, per tutelare la salute dei giocatori(sono dei panda?), ma chi ci crede? La smettessero con questo avvilente teatrino. Voi di “La Repubblica” potreste farli ragionare.

Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Advertisement

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "da juventino ho adorato Beppe Signori......è uno dei pochi calciatori di cui ho la maglia autografata......oggi Signori non avrebbe..."
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "Sono della Lazio dalla nascita, anni 50, nel periodo di Chinaglia eravamo tifosi più di Chinaglia che della Lazio, è strano ma è cosi, nessuno ha..."
Lazio, i Miti: Juan Sebastian Veron

Veron, Juan Sebastian gol: che emozioni ti ha fatto vivere la Brujita?

Ultimo commento: "Veron uno dei più grandi in assoluto,un vero mago del calcio,anche lui un affezionato come tanti altri,solo noi abbiamo tanti giocatori e allenatori..."

Uber Gradella: il portiere che preferì smettere piuttosto che giocare con altri

Ultimo commento: "Lo conpscevo personalmente, aveva un negozio di articoli sportivi vicino casa mia. Ma non l'ho mai visto giocare."
Lazio, Miti: Eugenio Fascetti

Eugenio Fascetti, guida leggendaria: che peso ha per te nella storia della Lazio?

Ultimo commento: "Un bravissimo allenatore, forse poco apprezzato a cui non e' stata fornita, all'epoca, l'occasione della grande squadra. Soprattutto poi un uomo vero."

Altro da News