Resta in contatto

Settore giovanile

Lazio Primavera, Bertini: “Il mio sogno è debuttare in A con questa maglia”

Lazio Primavera, Bertini: "Il mio sogno è debuttare in A con questa maglia"

Il centrocampista della Lazio Primavera, Marco Bertini, è intervenuto ai microfoni dell’emittente radiofonica ufficiale biancoceleste

Marco Bertini, centrocampista della Primavera biancoceleste, è intervenuto ai microfoni di Lazio Style Radio. Il calciatore della compagine allenata da Menichini ha raccontato la sua quarantena tra allenamenti in casa, serie TV e studio. L’intervento in radio di quest’oggi però è stata anche l’occasione per raccontare un sogno nel cassetto, ossia debuttare in massima serie con i colori della Lazio.

“Purtroppo il virus ha stoppato tutto, eravamo in un bel periodo. Il nostro girone di ritorno era partito bene, ottenendo grandi risultati. Il cambio di passo c’è stato dopo la vittoria nel derby, ci ha fatto capire che potevamo andare avanti sulla strada giusta. Abbiamo capito che con le nostre qualità nessuna partita era impossibile.

Siamo un gruppo unito, ci sentiamo spesso. L’esperienza di Menichini è stata fondamentale fin dall’inizio. Sa come gestire una rosa, ci ha aiutato a crescere. Il mio salto in Primavera all’inizio è stato difficile, ho fatto molte tribune e panchine. Sapevo però che con il lavoro tutto sarebbe cambiato, così contro la Roma ho sfruttato l’occasione data da Menichini. Sono soddisfatto del mio minutaggio. Mi trovo bene nel ruolo di mezzala, prima facevo il mediano davanti la difesa ma da quest’anno il mister mi ha cambiato posizione in campo e mi trovo molto bene.

In prima squadra ho modelli importanti, di un’altra categoria come Milinkovic e Luis Alberto. Allenarsi con loro è un privilegio, mi fanno crescere sotto ogni aspetto. Il mio obiettivo, in caso di ripresa, è quello di giocare il più possibile in Primavera ed avvicinarmi alla prima squadra. Il sogno a lungo termine invece è debuttare in Serie A con la Lazio. Sono cresciuto con Franco, un amico ed un grande calciatore”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Advertisement

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "da juventino ho adorato Beppe Signori......è uno dei pochi calciatori di cui ho la maglia autografata......oggi Signori non avrebbe..."
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "Sono della Lazio dalla nascita, anni 50, nel periodo di Chinaglia eravamo tifosi più di Chinaglia che della Lazio, è strano ma è cosi, nessuno ha..."
Lazio, i Miti: Juan Sebastian Veron

Veron, Juan Sebastian gol: che emozioni ti ha fatto vivere la Brujita?

Ultimo commento: "Veron uno dei più grandi in assoluto,un vero mago del calcio,anche lui un affezionato come tanti altri,solo noi abbiamo tanti giocatori e allenatori..."

Uber Gradella: il portiere che preferì smettere piuttosto che giocare con altri

Ultimo commento: "Lo conpscevo personalmente, aveva un negozio di articoli sportivi vicino casa mia. Ma non l'ho mai visto giocare."
Lazio, Miti: Eugenio Fascetti

Eugenio Fascetti, guida leggendaria: che peso ha per te nella storia della Lazio?

Ultimo commento: "Un bravissimo allenatore, forse poco apprezzato a cui non e' stata fornita, all'epoca, l'occasione della grande squadra. Soprattutto poi un uomo vero."

Altro da Settore giovanile