Resta in contatto

News

La Repubblica, Tare: “Proveremo a vincere lo scudetto”

La Repubblica, Tare: "Proveremo a vincere lo scudetto"

Il direttore sportivo della Lazio, Igli Tare, ricorda la Lazio campione d’Italia del 2000 e torna a parlare della ripresa del campionato italiano

Il direttore sportivo Tare ricorda la Lazio del 2000 e torna a parlare della ripresa della Serie A in un’intervista esclusiva de La Repubblica.

“Ho visto la partita nelle mia casa di Kaiserslautern, ero con un gruppo di amici. La partita della Lazio era finita, a Perugia con quel nubifragio sembrava non finire mai, poi fu scudetto. Noi ci siamo, proveremo a vincerlo anche noi se la Serie A dovesse riprendere, altrimenti ci proveremo il prossimo anno. Non ci fermeremo qui”.

Queste le parole di Tare che dà forma ai sogni dei biancocelesti e spiega nuovamente come l’interesse di riprendere il campionato non sia dovuto alla sola corsa scudetto. Il numero di partite ancora da disputare rende incerta l’impresa a prescindere dalla volontà della squadra di dare il massimo per esaudire il sogno scudetto.

“Il calcio dà da vivere a 370mila persone, se si ferma sarà un fallimento, un disastro sociale. Fermarsi adesso vorrebbe dire, quasi sicuramente, non farlo nemmeno a settembre: molti mesi di inattività sarebbero allucinanti”.

“Non posso pensare che gli errori del Ministro dello Sport siano fatti di proposito, perché sarebbe da irresponsabili. Ma è certo che in altri paesi si stia aiutando il calcio, Germania, Spagna e Inghilterra ne sono un esempio. Mentre in Italia e in Francia non è così. Il governo francese perderà molte cause civili con i club, ma noi possiamo evitare di passare un’estate nei tribunali. Il protocollo sanitario tedesco è senza dubbio il migliore”

Infine, un pensiero per il presidente Lotito finito molto spesso sotto l’occhio della critica per la sua volontà di riprendere il campionato.

“Viene percepito male anche per colpa di chi descrive la realtà in maniera superficiale. Lui è un uomo coraggioso e deciso. Mi ha sempre appoggiato. Quando mi chiese se volessi diventare direttore sportivo della Lazio mi diede due ore per decidere. Risposi che ero solo un calciatore ma nel cuore avevo già deciso”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Advertisement

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "Sono un laziale di Piacenza e ricordo i tuoi primi passi in biancorosso, poi nella prima squadra della capitale ci hai fatto tutti impazzire !!!! Col..."

Addio Pablito: se ne va un altro simbolo del calcio

Ultimo commento: "Grande campione!"

#CountdownToHistory: Immobile colpisce anche il Cagliari

Ultimo commento: "Secondo me l'unico dubbio e' se Ciro , Silvio Piola , lo raggiunge in questo campionato 2020-2021 o nel prossimo 2021-2022"
Lazio, Tommaso Maestrelli

Lazio, oggi la ricorrenza della scomparsa di Maestrelli

Ultimo commento: "Ciao MAESTRO, con gli anni che passano aumenta sempre più il rimpianto di averti perso troppo presto. Da lassù, guida Simone."

Altro da News