Resta in contatto

Il meglio dei Social

Diretta Instagram Brujita-Tucu: “Invitami a Roma e io vengo subito!”

Diretta Instagram tutta albiceleste, tra Veron e Correa. La Brujita dice che tornerà a Roma: “Voglio bene ai tifosi e alla squadra”.

In una diretta Instagram a tinte bianche e celesti Juan Sebastian Veron ha chiacchierato con Joaquin Correa. La Brujita e il Tucu, uniti dai colori della Lazio, uguali a quelli dell’Argentina, hanno parlato delle loro esperienze passate e attuali con la prima squadra della Capitale.

“La gente e la squadra mi hanno aiutato – ha detto Correa, raccontando del suo approdo a Roma – quando ho sentito la fiducia è stata la svolta. I compagni mi sono stati vicini nei momenti di difficoltà. Ho legato molto con Leiva, Luis Alberto, Patric, Luiz Felipe. Un bel gruppetto sudamericano, con anche Caicedo. Ma pure con gli italiani, facciamo un bel gruppo, di brave persone. Ci piace andare spesso a cena insieme. Ci sosteniamo, ci aiutiamo, ascoltiamo, è importante avere un buon rapporto con i propri compagni.

Ogni tanto mi scrive anche Peruzzi. Dice che è preoccupato perché sa che sono solo. Lui ha l’umiltà dei grandi. Ci aiuta tanto è sempre con noi a scherzare. Spero di rivederlo presto, gli ho detto che  mi manca (ride, ndr)“.

Poi Correa ha chiesto a Veron quando aveva intenzione di tornare. “Invitami e io vengo subito!” è stata la risposta.

Mi fa sempre piacere tornare a Roma. Ho trascorso due anni intensi – ha aggiunto l’ex centrocampista – Qualche tempo fa sono già tornato, ma verrò di nuovo. Voglio bene ai tifosi e alla squadra. Peruzzi è un grande ed è vero: ha conservato l’umiltà. Era un gran portiere, coraggioso. Se doveva buttarsi con la testa, ci si buttava. Una persona sempre di buon umore e positiva.

I due hanno parlato anche di Inzaghi, ex compagno proprio di Veron.

“Sì, abbiamo giocato due anni insieme. Mi ricordo tempo fa in una trasmissione per radio mi chiesero se allora giàsi capiva che sarebbe potuto diventare un buon allenatore. E io risposi di no. Non ce lo vedevo proprio. Ma questo dimostra che la vita ti cambia. Anche con l’esperienza. E sta facendo un gran lavoro”.

 

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Advertisement

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "da juventino ho adorato Beppe Signori......è uno dei pochi calciatori di cui ho la maglia autografata......oggi Signori non avrebbe..."
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "Sono della Lazio dalla nascita, anni 50, nel periodo di Chinaglia eravamo tifosi più di Chinaglia che della Lazio, è strano ma è cosi, nessuno ha..."
Lazio, i Miti: Juan Sebastian Veron

Veron, Juan Sebastian gol: che emozioni ti ha fatto vivere la Brujita?

Ultimo commento: "Veron uno dei più grandi in assoluto,un vero mago del calcio,anche lui un affezionato come tanti altri,solo noi abbiamo tanti giocatori e allenatori..."

Uber Gradella: il portiere che preferì smettere piuttosto che giocare con altri

Ultimo commento: "Lo conpscevo personalmente, aveva un negozio di articoli sportivi vicino casa mia. Ma non l'ho mai visto giocare."
Lazio, Miti: Eugenio Fascetti

Eugenio Fascetti, guida leggendaria: che peso ha per te nella storia della Lazio?

Ultimo commento: "Un bravissimo allenatore, forse poco apprezzato a cui non e' stata fornita, all'epoca, l'occasione della grande squadra. Soprattutto poi un uomo vero."

Altro da Il meglio dei Social