Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Adekanye si racconta: “Inzaghi come un padre, Lazio da scudetto”

Lazio, Bobby Adekanye ripercorre la sua carriera: "Qui mi trovo bene"

L’attaccante della Lazio Bobby Adekanye ha raccontato la sua quarantena, il suo rapporto con Inzaghi e l’unione del gruppo

Bobby Adekanye è stato accolto subito con entusiasmo dal popolo biancoceleste e l’attaccante ha fatto in modo di ripagare immediatamente la fiducia. A febbraio il suo primo gol con la maglia della Lazio all’Olimpico cui è seguito immediatamente un coro tutto per lui.

Oggi Bobby Adekanye si è raccontato parlando della sua quarantena, della Lazio e del rapporto con mister Inzaghi.

“Cerco di vivere questa quarantena forzata con la massima tranquillità. In casa siamo io e mio fratello Lekan che tra le altre cose mi fa da preparatore atletico. Mi alleno sei giorni su sette e sono in contatto con il tecnico Inzaghi che mi sprona a rimanere in casa e a prepararmi per quando ci sarà la ripresa. Voglio farmi trovare pronto.

Sono un po’ preoccupato per i miei genitori che sono in Olanda perchè lì non hanno attuato nessuna restrizione, non c’è la quarantena come in Italia. A mio padre e mia madre e al fratellino minore raccomando di uscire di casa solo per l’indispensabile.

Io gioco molto alla PlayStation con alcuni amici che sono in Olanda, due o forse anche tre ore. Ovviamente io gioco con la mia Lazio. Poi bagno in piscina e una scorpacciata di Netflix e altre piattaforme di cinema. Sono appassionato di serie tv, i film d’azione e qualche volta pure gli horror, anche se poi non riesco a dormire bene.

Sono molto felice di essere approdato a Roma e alla Lazio. I miei compagni mi hanno accolto subito bene tanto che mi sono sentito come a casa mia. Patric lo conoscevo già dai tempi al Barcellona, con lui dividevo la stessa casa e parliamo la stessa lingua. Quando ha saputo che avevo firmato per la Lazio mi ha scritto un bel messaggio di benvenuto su Instagram. Mi aiuta molto nel calcio e nella vita. I

l rapporto con Inzaghi è ottimo, il tecnico è come un padre per me. Lui mi consiglia in campo e fuori. In allenamento mi sprona molto e lo ringrazio sempre per la fiducia che mi sta dando.

Io credo che la squadra abbia tutte le qualità per competere a per lo scudetto. Ma come dice Inzaghi dobbiamo pensare partita dopo partita”

 

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Lo storico difensore e capitano dello Scudetto del 2000

Alessandro Nesta

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

IL LIBERO E CAPITANO DELLA LAZIO DEL PRIMO SCUDETTO

Pino Wilson

L'indimenticabile allenatore della Lazio del primo scudetto

Tommaso Maestrelli

Una delle ultime bandiere e simbolo della Lazio

Vincenzo D'Amico

Advertisement

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "60anni,ancora problemi di vita da risolvere ma ogni volta che torno ai tempi di Beppe Signori mi commuovo e la testa si riempie di ricordi strepitosi..."

Immobile da record: staccato Signori nella Top 10 dei marcatori di Serie A

Ultimo commento: "Mah , realizzare un calcio di rigore non è mai stata una cosa facile........tant'è che la sua mancata realizzazione ( ben due rigori falliti ) ci è..."
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "Negli anni 70 avevo la mia camera tappezzata di sue immagini e ascoltavo sempre Battisti con i giardini di marzo. ..."
Lazio, Tommaso Maestrelli

Lazio, oggi la ricorrenza della scomparsa di Maestrelli

Ultimo commento: "Mi ricordo che tristezza"

#CountdownToHistory: Immobile nella leggenda

Ultimo commento: "Grandissimo"

Altro da News