Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Il meglio dei Social

Luis Alberto in diretta IG: “Il mio futuro è alla Lazio”

Luis Alberto in diretta IG: "Il mio futuro è alla Lazio"

Luis Alberto si è raccontato nel corso di una diretta Instagram questo pomeriggio: dalla sua crescita iniziata nel Siviglia, fino al salto di qualità

L’appuntamento era alle 18 e Luis Alberto si presenta puntuale per la diretta Instagram annunciata il primo pomeriggio con Antonio Fuentes. “Saluto tutti i tifosi biancocelesti, sempre forza Lazio!”, ha detto il centrocampista, che nel corso della chiacchierata con il giornalista spagnolo ha toccato tanti temi:

“Sembra che sta calando, poco poco. Per ora siamo tranquilli qui a Roma mentre al Nord la situazione è più grave. Purtroppo ogni cinque giorni cambiano opinione e questo rende difficile avere una data. Credo vogliano iniziare verso l’inizio di giugno ma dipende tutto dall’evoluzione dal virus, l’importante è che passi il primo possibile. Io voglio finire il campionato, sarebbe giusto sia per chi è in alto per chi è in basso. Non lo dico perché siamo secondi in classifica”

La giornata di Luis Alberto in quarantena:

“Trascorro la mia quarantena allenandomi come non mai. Faccio doppie sessioni e corro anche un po’ il pomeriggio. Sto lavorando sulla forza perchè si giocherà ogni tre giorni e bisognerà prevenire gli infortuni. Anche in previsione della prossima stagione che sarà dura con tutte quelle competizioni. Per fortuna noi siamo privilegiati, penso a mio fratello che vive in una casa piccolissima. I bambini sono quelli che si stanno comportando meglio, i miei per fortuna sono casalinghi. E con lo spazio che abbiamo è tutto più facile”.

La crescita:

“Mi dispiace perchè quando sono arrivato alla Lazio non avevo compiuto il salto di qualità. Al Siviglia non ero riuscito perchè non ero maturo e ho avuto poche occasioni. Mentre all’inizio qui a Roma la colpa era prevalentemente mia: non riuscivo a lavorare con intensità. Ma alla fine sono riuscito nel salto di qualità qui alla Lazio, un club grandissimo. Solo una volta al Liverpool, prima dell’interesse della Lazio, si era parlato del mio ritorno al Siviglia. Però si è presentata la Lazio, ne ho parlato col procuratore e in breve tempo ho fatto la mia scelta. Alla fine visto come sta andando è stata la scelta più giusta per me. Ora non penso ad un ritorno, il mio futuro è qui””

Il ricordo del gol in Supercoppa:

“Segnare il gol in Supercoppa è stato bello ma non è stato come sempre perchè eravamo lontani dai nostri tifosi. Per questo non me lo sono goduto come se avessi segnato in Italia ma ovviamente ne sono contento perchè è stato un gol molto importante.”

Il giocatore più forte:

“Tra i giocatori più forti con cui mi sono allenato è sicuramente Felipe Anderson perchè ha una qualità fuori dal comune. Ora ho la possibilità di allenarmi con Milinkovic che ha una tecnica impressionante. Ma tra tutti quelli che mi ha impressionato di più è stato il Tucu Correa: lo conoscevo dai tempi del Siviglia ma è migliorato tantissimo”

“Aspetto il regalo di Immobile: se continuo a procurargli tutte quelle occasioni e arriverà ai 37 gol in stagione, dovrà farmi per forza un regalo”

La rivalità tra i cugini capitolini:

“Qui a Roma la rivalità tra la Lazio e i giallorossi è altissima, non ne avevo mai vista una più agguerrita. Ma io non ho mai avuto nessun problema

“I nostri tifosi sono il nostro dodicesimo uomo in campo, sono speciali. Ci aiutano sempre nelle difficoltà”. Lo spirito biancoceleste è ormai parte della famiglia dello spagnolo: nel corso della diretta infatti, la figlia, ospite inatteso, ha dimostrato di conoscere a memoria l’inno della Lazio.

Il numero 10 chiude infine la diretta con un augurio importante: rivedersi presto in campo per festeggiare qualcosa di importante!

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Lo storico difensore e capitano dello Scudetto del 2000

Alessandro Nesta

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

IL LIBERO E CAPITANO DELLA LAZIO DEL PRIMO SCUDETTO

Pino Wilson

L'indimenticabile allenatore della Lazio del primo scudetto

Tommaso Maestrelli

Una delle ultime bandiere e simbolo della Lazio

Vincenzo D'Amico

Advertisement

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "Quella splendida maglia Umbro e quel numero 11 sulla schiena. Ricordi indelebili della mia adolescenza. Beppe per sempre nel mio cuore."

Immobile da record: superato Inzaghi in Europa

Ultimo commento: "Mah , realizzare un calcio di rigore non è mai stata una cosa facile........tant'è che la sua mancata realizzazione ( ben due rigori falliti ) ci è..."
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "Negli anni 70 avevo la mia camera tappezzata di sue immagini e ascoltavo sempre Battisti con i giardini di marzo. ..."
Lazio, Tommaso Maestrelli

Lazio, oggi la ricorrenza della scomparsa di Maestrelli

Ultimo commento: "Mi ricordo che tristezza"

#CountdownToHistory: Immobile nella leggenda

Ultimo commento: "Grandissimo"

Altro da Il meglio dei Social