Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Biava a LSC: “Mi rivedo in Acerbi, un altro che come me non si ferma mai”

Lazio, parola all'ex Biava: "Luiz Felipe ha un grandissimo potenziale"

L’ex difensore biancoceleste Giuseppe Biava è intervenuto ai microfoni di Lazio Style Channel, sul canale 233 di Sky.

Alla Lazio dal 2010 al 2014, l’ex difensore Giuseppe Biava, anche dopo aver lasciato la capitale, è sempre rimasto legato con affetto ai colori biancocelesti. Lui, bergamasco di nascita, sta vivendo in prima persona il brutto periodo della sua città. Ma intervenuto ai microfoni di Lazio Style Channel, sul canale 233 di Sky, ha trovato comunque la forza di sorridere rivivendo alcuni ricordi dei suoi anni con l’aquila sul petto.

Queste le sue parole, riportate anche sul sito ufficiale della società:

Viviamo una situazione problematica, sono a Bergamo ma per fortuna io e la mia famiglia stiamo bene, mi ritengo fortunato. Sono giornate surreali, non è facile andare avanti. Si sentono solo sirene di ambulanze, la gente ha giustamente paura. Bisogna rispettare le norme per uscirne il prima possibile.

Mi sto rivedendo alcuni derby della mia era, alcuni vinti altri purtroppo persi. Il primo derby vinto è stato indimenticabile, arrivò dopo alcune sconfitte. Non si può fare a meno del calcio. Mi rivedo in Acerbi, un altro che come me non si ferma mai, è sempre in campo. Parliamo di un calciatore importante, che fa una vita regolare. Serve poi la fortuna di non avere infortuni muscolari. Bene anche Radu, il cambio di ruolo negli ultimi anni gli ha fatto bene.

La Lazio è una grande famiglia, ha un gruppo unito. Lo dimostrano le tante partite vinte in questo campionato in extremis. Questo vuol dire che c’è un’empatia importante nei giocatori, ricordo ancora il 3-3 maturato in rimonta contro l’Atalanta. La squadra di Inzaghi è consapevole dei propri mezzi. Bravo Simone e la Società a lavorare bene e con intelligenza. Tutti i reparti stanno facendo bene, Lotito e Tare sapranno dove intervenire per migliorare ancora la rosa“.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Lo storico difensore e capitano dello Scudetto del 2000

Alessandro Nesta

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

IL LIBERO E CAPITANO DELLA LAZIO DEL PRIMO SCUDETTO

Pino Wilson

L'indimenticabile allenatore della Lazio del primo scudetto

Tommaso Maestrelli

Una delle ultime bandiere e simbolo della Lazio

Vincenzo D'Amico

Advertisement

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "Beppe gol Il mio idolo…. Mi ha fatto impazzire Lo porterò sempre nel mio ❤️"

Immobile da record: staccato Signori nella Top 10 dei marcatori di Serie A

Ultimo commento: "Mah , realizzare un calcio di rigore non è mai stata una cosa facile........tant'è che la sua mancata realizzazione ( ben due rigori falliti ) ci è..."
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "Negli anni 70 avevo la mia camera tappezzata di sue immagini e ascoltavo sempre Battisti con i giardini di marzo. ..."
Lazio, Tommaso Maestrelli

Lazio, oggi la ricorrenza della scomparsa di Maestrelli

Ultimo commento: "Mi ricordo che tristezza"

#CountdownToHistory: Immobile nella leggenda

Ultimo commento: "Grandissimo"

Altro da News