Resta in contatto

News

Diaconale: “Gli interessi della Lazio egoistici, gli altri virtuosi”

Diaconale attacco a Malagò: "Si parla di etica ma non capisco il filo logico"

Il direttore della comunicazione della Lazio, Arturo Diaconale, è intervenuto per i microfoni di Tele Lombardia parlando nuovamente del campionato

Arturo Diaconale, responsabile della comunicazione della Lazio, è intervenuto ai microfoni di Tele Lombardia.

Il direttore biancoceleste è tornato sull’argomento riguardante la ripresa del campionato, difendendo nuovamente la posizione del patron Claudio Lotito e della Lazio.

“Ho fatto delle constatazioni: alcune società che hanno espressamente chiesto che il campionato venga annullato, mentre altre società come la Lazio chiedono che il campionato, nonostante le difficoltà, possa completarsi in modo da evitare problemi generali su tutto il mondo del calcio. Problemi che potrebbero portare a una serie di disastri e fallimenti di parecchie società di Serie A, B e soprattutto serie inferiori. Rispetto a questo, bisogna fare una riflessione su chi vuole annullare tutto e chi invece, quando ci saranno le condizioni, vuole portare a termine il campionato.

Al di là di queste considerazioni, c’è un’altra cosa che mi spinge a scrivere questo taccuino biancoceleste in maniera privata. Non parlo a nome della società, anche se poi sono il portavoce del presidente Lotito e il direttore della comunicazione. Io cerco di esprimere un sentimento profondo che riguarda i tifosi della Lazio.

“Non mi sembra che ci sia questa spinta forsennata a giocare ad ogni costo, ma si tratta di una discussione per decidere cosa fare, simile a quanto accade più in generale. Da un lato fronteggiare l’emergenza Coronavirus sostenendo al massimo le strutture sanitarie, dall’altro preoccupandosi che tutte le misure di blocco non portino a una paralisi completa quando ci sarà la ripresa. D’altronde se si tengono i negozi chiusi per tre mesi i negozianti falliscono e lo stesso vale anche per il mondo del calcio.

Io sostengo le mie tesi anche per amore di verità. Perché si sta verificando un curioso fenomeno: gli interessi della Lazio, identificati negli interessi del presidente Lotito, vengono identificati come interessi egoistici. Interessi di altre società invece sono interessi virtuosi. O sono tutti legittimi e siamo tutti sullo stesso piano, altrimenti si fa un’azione di ipocrisia inaccettabile.

La Juventus sta facendo di tutto per chiudere la stagione e vincere così il campionato? Le spinte per bloccare il campionato alimentano idee di questo genere, ma poi magari non sarà così ed è tutto da vedere. Nello stesso tempo la cosa vale per la Lazio: non è che se il campionato riprende, la Lazio l’ha già vinto. Se lo deve giocare, sarà il campo a decidere la classifica finale come è giusto che sia”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Advertisement

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "Io ho vissuto l era VINCENZO PAPARELLI ERO LI E NON SONO PIU ANDATO ALLO STADIO MA POI L ARRIVO DI BEPPE SIGNORI MI HA FATTO IMPAZZIRE E MI SONO..."
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "Sono della Lazio dalla nascita, anni 50, nel periodo di Chinaglia eravamo tifosi più di Chinaglia che della Lazio, è strano ma è cosi, nessuno ha..."
Lazio, i Miti: Juan Sebastian Veron

Veron, Juan Sebastian gol: che emozioni ti ha fatto vivere la Brujita?

Ultimo commento: "Veron uno dei più grandi in assoluto,un vero mago del calcio,anche lui un affezionato come tanti altri,solo noi abbiamo tanti giocatori e allenatori..."

Uber Gradella: il portiere che preferì smettere piuttosto che giocare con altri

Ultimo commento: "Lo conpscevo personalmente, aveva un negozio di articoli sportivi vicino casa mia. Ma non l'ho mai visto giocare."
Lazio, Miti: Eugenio Fascetti

Eugenio Fascetti, guida leggendaria: che peso ha per te nella storia della Lazio?

Ultimo commento: "Un bravissimo allenatore, forse poco apprezzato a cui non e' stata fornita, all'epoca, l'occasione della grande squadra. Soprattutto poi un uomo vero."

Altro da News