Resta in contatto

News

Castroman: “I miei figli sono laziali. Delusione Mancini, gli tirai la maglia in faccia”

Serie A, Mancini: "Da CT preferirei si riprendesse dopo l'estate"

Castroman è ancora ricordato con grande affetto dal popolo laziale, soprattutto per un gol nel finale in un derby pareggiato 2-2

“I miei figli tifano Lazio. Scudetto? Farò il tifo per Inzaghi fino alla fine”. Lucas Castroman si racconta nel settimanale de La Gazzetta dello Sport ‘SportWeek’ e riavvolge il nastro per raccontare la sua avventura a Roma: “Le persone mi riconoscono più lì che in Argentina! Grazie al gol nel derby ero diventato una celebrità. Anche andare al supermercato era un’impresa. I tifosi mi hanno trattato da re”.

Poi sul suo arrivo:

“Avevo lo stesso agente di Simeone, fece vedere alcuni video a Eriksson e si convinse subito. Ma arrivai a Roma e c’era Zoff! Sven era andato ad allenare l’Inghilterra. Con Dino sono stato da dio. Avevo vent’anni, ero circondato da campioni come Crespo, Veron e il Cholo, mi aiutavano con l’italiano”.

La delusione Mancini:

“Rimasi deluso da due persone, Roberto Mancini e Oreste Cinquini, ex direttore sportivo della Lazio. Andai via per colpa loro. Mancini mi diceva una cosa, Cinquini un’altra. Non c’era chiarezza, non erano trasparenti. Ricordo una partita contro il Besiktas in Coppa Uefa, ero una furia. Mancini non mi parlava da un mese e mi fece giocare titolare. Segnai e vincemmo 2-1, qualificandoci in semifinale contro il Porto. Poi a fine partita ci fu una discussione, così mi tolsi la maglietta e gliela tirai in faccia. Fu la rottura definitiva”.

17 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
17 Commenti
più nuovi
più vecchi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
Commento da Facebook
Commento da Facebook
2 mesi fa

Ha fatto di tutto insieme al suo leccapiedi dell’ allenatore x mandare via Signori tre volte capocannoniere poi nemmeno una parola di gratitudine x la Lazio …. è un verme

Commento da Facebook
Commento da Facebook
2 mesi fa

Hai fatto bene! 💙🦅

Commento da Facebook
Commento da Facebook
2 mesi fa

Che schifo

Commento da Facebook
Commento da Facebook
2 mesi fa

Certo sono questi i problemi

Commento da Facebook
Commento da Facebook
2 mesi fa

Fu lui che fece vendere Fuser al Parma. Mancini è veramente pessimo

Commento da Facebook
Commento da Facebook
2 mesi fa

Infatti l’anno dopo lo mando in prestito all’udinese peccato perche era un bel corridore e combattente poi al derby è stato storico

Commento da Facebook
Commento da Facebook
2 mesi fa

Incompetente e sopravvalutato non capisco ancora come fanno ad affidargli top club e noi addirittuta la Nazionale.
Bravo Castroman oltre alla maglia dovevi tirargli anche le mutande belle sudate.

Commento da Facebook
Commento da Facebook
2 mesi fa

Sì alzò la maglia mostrandone una con dedica a un amico malato. E fu ammonito. Un altro fece la stessa cosa, per esibire una chiccheria, ma fu “dudelado”.

Commento da Facebook
Commento da Facebook
2 mesi fa

Altro oltre la maglietta anche una bella bottiglia di acqua un uomo finto ed opportunista mai una buona parola sulla nostra lazio eppure gli abbiamo dato di tutto e di più 😢🤬

Commento da Facebook
Commento da Facebook
2 mesi fa

..il pareggio di castroman al derby?sbab sbav.. e allora castro castroman.. l’argentino piu
più forte che c’è E allora a Castro Castro Man.. chi se la ricorda la canzone?

Commento da Facebook
Commento da Facebook
2 mesi fa

Tanto pensava solo ai soldi

Commento da Facebook
Commento da Facebook
2 mesi fa

E hai fatto bene..

Commento da Facebook
Commento da Facebook
2 mesi fa

Mancini sei un traditore

Commento da Facebook
Commento da Facebook
2 mesi fa

Mancini una bella delusione

Commento da Facebook
Commento da Facebook
2 mesi fa

Che giocatore ❤️

Commento da Facebook
Commento da Facebook
2 mesi fa

Grande Castroman hai fatto bene. Mancini è come Marchegiani.

Commento da Facebook
Commento da Facebook
2 mesi fa

Hai fatto bene… 👍✌️Peggio…

Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Advertisement

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "Io ho vissuto l era VINCENZO PAPARELLI ERO LI E NON SONO PIU ANDATO ALLO STADIO MA POI L ARRIVO DI BEPPE SIGNORI MI HA FATTO IMPAZZIRE E MI SONO..."
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "Sono della Lazio dalla nascita, anni 50, nel periodo di Chinaglia eravamo tifosi più di Chinaglia che della Lazio, è strano ma è cosi, nessuno ha..."
Lazio, i Miti: Juan Sebastian Veron

Veron, Juan Sebastian gol: che emozioni ti ha fatto vivere la Brujita?

Ultimo commento: "Veron uno dei più grandi in assoluto,un vero mago del calcio,anche lui un affezionato come tanti altri,solo noi abbiamo tanti giocatori e allenatori..."

Uber Gradella: il portiere che preferì smettere piuttosto che giocare con altri

Ultimo commento: "Lo conpscevo personalmente, aveva un negozio di articoli sportivi vicino casa mia. Ma non l'ho mai visto giocare."
Lazio, Miti: Eugenio Fascetti

Eugenio Fascetti, guida leggendaria: che peso ha per te nella storia della Lazio?

Ultimo commento: "Un bravissimo allenatore, forse poco apprezzato a cui non e' stata fornita, all'epoca, l'occasione della grande squadra. Soprattutto poi un uomo vero."

Altro da News