Resta in contatto

Dirette

Lazio – Bologna: 2-0, i biancocelesti sono in testa alla classifica

Nell’anticipo delle 15 del sabato della 26ª giornata la Lazio supera il Bologna e vola in testa alla classifica. Rivivi tutte le emozioni della sfida dell’Olimpico.

Salutate la capolista. La Lazio supera 2-0 il Bologna all’Olimpico e vola in testa alla classifica. E ci rimarrà sicuramente per tutta la settimana, visto il rinvio di Juventus – Inter per l’emergenza Coronavirus.

Le polemiche per la decisione in extremis della Lega non hanno intaccato la concentrazione degli uomini di Inzaghi, scesi in campo solo per vincere. Missione compiuta, nonostante le assenze pesanti di Acerbi, Lulic e Marusic.

Partono fortissimo i biancocelesti che vanno vicini al vantaggio due volte nei primi 10 minuti. Ci pensa però Luis Alberto ad aprire le danze al 18° al termine di un’azione corale semplicemente perfetta. La combinazione Correa-Immobile libera il mago al tiro e fa esplodere i 40000 sugli spalti. Raddoppia lo stesso Tucu 4 minuti più tardi, dopo che Orsolini aveva sfiorato il pari, nell’unica occasione felsinea del primo tempo. La partita sembra in ghiaccio.

Nel secondo tempo però le aquile calano leggermente il ritmo e soffrono il ritorno del Bologna che, in teoria, segna due volte su due disattenzioni della difesa. In entrambi i casi però il var annulla, giustamente, per un tocco di mano e un fuorigioco. Comincia a farsi sentire anche un po’ di fatica e Inzaghi risparmia a Luis Alberto l’ultima mezz’ora. La Lazio resiste. Tiene bene il campo fino alla fine e gestisce gli ultimi minuti con maturità, dimostrando di meritare a pieno il posto in classifica che si è guadagnata.


Rivivi qui la diretta scritta del match.

Le formazioni ufficiali

Lazio (3-5-2)
Strakosha; Patric, Luiz Felipe, Radu; Lazzari, Milinkovic, Leiva, Luis Alberto, Jony; Correa, Immobile
A disposizione: Proto, Guerrieri, Bastos, Vavro, Silva, D.Anderson, Parolo, Cataldi, A. Anderson, Lukaku, Caicedo, Adekanye
Allenatore: Simone Inzaghi

Diffidati (tra i convocati): Caicedo, Cataldi, Immobile, Lazzari

Bologna (4-2-3-1)
Skorupski; Tomiyasu, Bani, Danilo, Denswil; Poli, Schouten; Orsolini, Soriano, Barrow; Palacio
A disposizione: da Costa, Sarr, Corbo, Bonini, Medel, Dominguez, Baldursson, Skov Olsen, Sansone, Santander, Juwara
Allenatore: Sinisa Mihajlovic

Diffidati (tra i convocati): Denswil, Santander

Strakosha nel pre partita @LazioStyleChannel

“Ci attende una partita importantissima, ma da qui alla fine saranno tutte finali. Ci aspettano solo gare complicate, arrivati a questo punto e per noi è un onore. Il Genoa ci ha messo in difficoltà nell’ultimo match, non ci aspettavamo una gara così complicata”.

I convocati della Lazio

I convocati del Bologna

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest
1 Comment
più nuovi
più vecchi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
Commento da Facebook
Commento da Facebook
5 mesi fa

E. Daieeeee. Primi. In. Clasifica

Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Advertisement
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "Prima partita allo stadio: Lazio-Verona 4-2. Avevo sette anni. Come potrei dimenticare? Gladiatore puro. Decise di andarsene perche' la Roma degli..."
Lazio, Miti: Eugenio Fascetti

Eugenio Fascetti, guida leggendaria: che peso ha per te nella storia della Lazio?

Ultimo commento: "Ero giovanotto e seguivo la squadra in quegli anni difficili. No come oggi che si fa polemica se arrivi secondo o quarto. Rimane sempre nel mio cuore..."

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "Il mio primo gol della Lazio vista dal vivo lo ha segnato lui. Mio idolo di infanzia che ha aumentato la mia fede laziale. Immenso!"

Uber Gradella: il portiere che preferì smettere piuttosto che giocare con altri

Ultimo commento: "Uber grande laziale, quando ero bambino mio papà mi raccontava sempre di questo signore ero che per non indossare un altra maglia, preferì..."
Lazio, i Miti: Juan Sebastian Veron

Veron, Juan Sebastian gol: che emozioni ti ha fatto vivere la Brujita?

Ultimo commento: "Veron uno dei più grandi in assoluto,un vero mago del calcio,anche lui un affezionato come tanti altri,solo noi abbiamo tanti giocatori e allenatori..."

Altro da Dirette