Resta in contatto

News

Lazio, Diaconale: “Agnelli sbaglia, non ci accontenteremo. Atalanta? Non diamo vantaggi”

Diaconale attacco a Malagò: "Si parla di etica ma non capisco il filo logico"

Lazio, c’è polemica sul possibile anticipo della gara contro l’Atalanta, che da calendario si dovrebbe giocare il 7 marzo

Il responsabile della comunicazione della Lazio, Arturo Diaconale, è intervenuto in diretta su TMW Radio. Queste le sue dichiarazioni riprese da TuttoMercatoWeb.com:

Ventesimo risultato utile consecutivo: qual è il segreto della Lazio? 
“È il frutto del lavoro della continuità, l’ossatura della squadra è insieme da quattro anni, così come lo staff tecnico. L’impegno e la fatica di tutti porta questi risultati. Potrebbe essere una sorta di lezione per gli altri. Poi c’è un altro fattore: la continuità all’interno di una squadra in cui c’è un clima di solidarietà e fratellanza veramente forte. I giocatori sono amici tra di loro, si aiutano, e sanno di poter contare sulla società”.

Grandi elogi per Acerbi…
“Merita tutto, veramente. Oltre che essere un grande giocatore è una splendida persona”.

L’importanza dell’umiltà?
“Bisogna sempre combattere, avendo voglia di raggiungere costantemente risultati più grandi. La squadra non ha dato segnali contrastanti, allora andiamo sempre così. Nel gruppo ci sono ragazzi esperti e capaci, sanno che tipo di momento stanno vivendo. L’unico pericolo che escludo è che la Lazio si accontenterà, quell’ipotesi che ha avanzato Agnelli ieri. Non ci sarà questo rischio”.

Cosa le fa paura della Juventus?
“Non vorrei sembrare sbruffone, in realtà della Juventus fa paura il nome, il prestigio e l’abitudine che ha di vincere. Sul piano tecnico la Lazio, come ha già dimostrato, può batterla e giocarsela. Ma serve tenere i piedi ben saldi per terra, sapendo che nessuno ci regalerà nulla in queste ultime 14 partite. Dobbiamo avere la consapevolezza che la partita più importante è quella che si gioca la domenica, poi si vedrà”.

L’Atalanta ha chiesto di anticipare la partita con la Lazio da sabato 7 a venerdì 6, la Lazio ha detto di no...
“Dipende dalle due società, vediamo, mi attendo a quello che è stato attribuito al presidente Lotito. Per il momento ognuno si tiene la sua proposta: l’Atalanta vorrebbe anticipare mentre la Lazio vorrebbe rispettare il calendario. Per ciascuno sarebbe un vantaggio: è vero che siamo generosi ma siamo in una fase delicata della stagione. La Lazio non ha le coppe, è il nostro vantaggio, perché deve privarsi di un po’ di tempo per preparare la partita? Se poi troveranno un accordo i presidenti vedremo, per il momento la situazione è questa”.

14 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
14 Commenti
più nuovi
più vecchi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
Commento da Facebook
Commento da Facebook
6 mesi fa

Buongiorno non sono d’accordo, non con il concetto in se per sé, ma perché in altre situazioni le altre squadre lo hanno fatto, non ultimo il Verona con noi per la Supercoppa, e non mi venite a dire che lo ha deciso la federazione o che era un errore di calendario, il rispetto e l’educazione contano, per noi era la Supercoppa per loro è la champions! Quest’altro anno potrebbe succedere a noi, giocare venerdì o sabato per chi questa settimana gioca di sabato cosa cambia? Cmq è il mio pensiero ovvio, sempre forza Lazio!

Commento da Facebook
Commento da Facebook
6 mesi fa

Ben detto! Niente vantaggi x nessuno alla lazio non hanno mai dato nulla!!!!

Commento da Facebook
Commento da Facebook
6 mesi fa

E’ sempre in auge?

Commento da Facebook
Commento da Facebook
6 mesi fa

Non date vantaggi però ve li prendete

Commento da Facebook
Commento da Facebook
6 mesi fa

Voi volete solo vantaggi,prima o poi il vento girerà

Commento da Facebook
Commento da Facebook
6 mesi fa

Bisogna essere superiori e dare una lezione di stile. Se Gasperini vuole giocare un giorno prima proponiamoli di giocare due giorni prima.

Commento da Facebook
Commento da Facebook
6 mesi fa

Bravissimi Formello mai più terra di conquista!!!

Commento da Facebook
Commento da Facebook
6 mesi fa

Nessun favore a chi non lo merita, hanno sputato(scusate il termine) veleno sulla nostra squadra senza vergogna ad incominciare da quel falso di Gasperini, perciò pensiamo solo a noi, tanto a parti inverse non otterremo vantaggi

Michele Venturini
Michele Venturini
6 mesi fa

Si è sempre usata questa usata questa cortesia tra squadre, soprattutto quando vi era di mezzo la Champions League. La bassezza e la pochezza di Lotito,se confermata la decisione, non ha limiti. Lo stesso Lotito che però aveva chiesto e ottenuto questo favore quando c’era da rinviare Lazio Verona. Ma occhio, che a forza di tirare la corda, prima o poi si strappa.

Mario Fraschetti
6 mesi fa

Gasperini dopo il 3 a 3 dell’andata ha dato dei dementi ai dirigenti della Lazio, del simulatore ad Immobile ed ha insultato Inzaghi.
Ora viene a chiedere un favore e pretende pure che venga esaudito?

Mario Fraschetti
6 mesi fa

Ha fatto comodo anche al Verona il rinvio. 1 a 1 nel momento migliore del Verona

Rodolfo
Rodolfo
6 mesi fa

Forse ricordi male, per Lazio Verona la società non ha chiesto nulla,semplicemente non c’erano i tempi tecnici per poterla giocare vista la precedente giornata e la super coppa

Giovanni
Giovanni
6 mesi fa

Ovvio sempre colpa di Lotito. In realta’ ciascuno fa i suoi interessi , sia la Lazio che l’Atalanta.
Riguardo la partita con il Verona, la Lazio chiese il rinvio a gennaio per la partita di supercoppa e il Verona accetto’ il rinvio subordinandolo con la data di febbraio che la Lazio a sua volta accetto’, dunque evidentemente faceva comodo a entrambe

Ennio
Ennio
6 mesi fa

Caro mio il rinvio è stato bene accetto dal Verona e ne ha tratto vantaggio perché in quel periodo non era il Verona che è adesso, pensate per voi che la Lazio nel tempo ne ha subite di cotte e di crude quindi prima di nominare la Lazio sciaquateve la bocca.

Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Advertisement
Lazio, Miti: Eugenio Fascetti

Eugenio Fascetti, guida leggendaria: che peso ha per te nella storia della Lazio?

Ultimo commento: "Gufi gufi marameo tutti giù dal Colosseo...Insieme a Maestrelli l'allenatore più importante della Lazio. Onore a lui"
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "Prima partita allo stadio: Lazio-Verona 4-2. Avevo sette anni. Come potrei dimenticare? Gladiatore puro. Decise di andarsene perche' la Roma degli..."

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "Il mio primo gol della Lazio vista dal vivo lo ha segnato lui. Mio idolo di infanzia che ha aumentato la mia fede laziale. Immenso!"

Uber Gradella: il portiere che preferì smettere piuttosto che giocare con altri

Ultimo commento: "Uber grande laziale, quando ero bambino mio papà mi raccontava sempre di questo signore ero che per non indossare un altra maglia, preferì..."
Lazio, i Miti: Juan Sebastian Veron

Veron, Juan Sebastian gol: che emozioni ti ha fatto vivere la Brujita?

Ultimo commento: "Veron uno dei più grandi in assoluto,un vero mago del calcio,anche lui un affezionato come tanti altri,solo noi abbiamo tanti giocatori e allenatori..."

Altro da News