Solo La Lazio
Sito appartenente al Network
Cerca
Close this search box.

Acerbi: “Giocavo per mio padre. A me non fregava niente. Poi qualcosa è cambiato”

Ragusa su Acerbi: "Francesco è un professionista. Giocherà fino a 45 anni"

Francesco Acerbi ha rilasciato un’intervista a Ultimo Uomo. Ha raccontato la sua vita e la sua carriera attraverso le varie fasi, buie e luminose.

Il portale on line Ultimo Uomo ha intervistato Francesco Acerbi. Nella chiacchierata, il racconto della carriera da calciatore e i passaggi cruciali della sua vita. Tra fasi luminose e altre più buie.

Il centrale della Lazio ha iniziato raccontando dei suoi esordi in serie A. Nella massima serie è arrivato relativamente tardi, a 24 anni. Poi la chiamata del Milan.

“Al Chievo avevo iniziato a giocare a inizio febbraio. Già a metà aprile mi voleva il Milan. Appena l’ho saputo non ho voluto sentire nessun’altra offerta. Volevo solo il Milan, lo tifavo da bambino”.

Il suo rapporto con la professione da calciatore in realtà è stato sempre problematico.

“Io giocavo per mio padre. Ci teneva molto, forse troppo. Sicuramente più di me. Forse a volte puntava talmente tanto su di me che volendo farmi bene arrivava a farmi male. A farmi perdere la passione. Fatto sta che una volta che lui non c’è più stato io non avevo nessuno per cui giocare. Di certo non per me”.

“Non avevo rispetto per me, non avevo rispetto per il mio lavoro, non avevo rispetto per chi mi pagava”.

Serate in giro per locali. Vita sregolata. L’arrivo ai rossoneri è coinciso con il suo momento di vita più sbandato, quando invece avrebbe dovuto sostituire un colosso come Nesta. Troppe pressioni a cui non ha mai dato la giusta importanza.

“La mia idea era che avrebbero dovuto lasciarmi fare tutto come avevo sempre fatto. Mi dicevo Se mi avete preso allora fatemi fare come ho sempre fatto. Come facevo al Chievo, o alla Reggina. Invece non mi lasciavano del tutto libero di fare la mia vita e non mi facevano giocare. E allora di fronte alle difficoltà mollavo”.

Difronte alla malattia però qualcosa è scattato nella testa di Acerbi. È cambiato il suo atteggiamento nei confronti della vita. E nell’intervista ha affermato:

“Il cancro è stato la mia fortuna. Ringrazio il Signore per averlo avuto”

Nella battaglia contro il tumore ha imparato a non arrendersi. Nell’estate del 2014 poi, dopo aver trascorso mesi ad allenarsi con un suo amico, anziché passare serate in giro per Milano Marittima, riscopre il piacere di faticare sul campo.

“Non mi sono mai imposto nulla. In realtà non ho proprio fatto nulla per arrivare alla svolta. È stata la mia testa ad aver fatto tutto”.

Oggi il suo modo di ragionare è totalmente diverso. Non si pone limiti. Non si pone obiettivi. Vuole solo migliorarsi giorno dopo giorno.

“Nella mia testa questo non è il mio punto d’arrivo e l’Acerbi di oggi non è il miglior Acerbi possibile. Se così fosse vorrebbe dire sedersi. Non voglio avere nessun punto d’arrivo. Voglio solo pensare a migliorarmi, a ragionare giorno per giorno. Il mio punto d’arrivo sarà quando smetterò di giocare.”

 

Clicca qui per l’intervista completa.

Subscribe
Notificami
guest

14 Commenti
più nuovi
più vecchi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
Commento da Facebook
Commento da Facebook
4 anni fa

Sei un grande uomo e un gran calciatore

Commento da Facebook
Commento da Facebook
4 anni fa

Un uomo,,,!!!

Commento da Facebook
Commento da Facebook
4 anni fa

Grande Acerbi

Commento da Facebook
Commento da Facebook
4 anni fa
Commento da Facebook
Commento da Facebook
4 anni fa

Tanti auguri campione!!

Commento da Facebook
Commento da Facebook
4 anni fa

Campione in campo e nella vita. Grande

Commento da Facebook
Commento da Facebook
4 anni fa

La scelta delle parole non é il massimo ma plaudo la tua crescita umana e sportiva.

Commento da Facebook
Commento da Facebook
4 anni fa

Il migliore in assoluto ?

Commento da Facebook
Commento da Facebook
4 anni fa

Grandissimo ACERBI, già me piacevi quando non giocavi con la Lazio adesso ancora di più. ???

Commento da Facebook
Commento da Facebook
4 anni fa

Sei fantastico

Commento da Facebook
Commento da Facebook
4 anni fa

Grande ? Uomo ?

Commento da Facebook
Commento da Facebook
4 anni fa

Meno male che ti sei ravveduto grandissimo Francesco. Oggi sei il migliore in assoluto

Commento da Facebook
Commento da Facebook
4 anni fa

Grande uomo grande calciatore ma ringraziare il signore per avuto il cancro è una offesa per tutte le persone che pur lottando hanno perso la battaglia

Commento da Facebook
Commento da Facebook
4 anni fa

Continua così questa è la strada giusta.Sei un grande uomo ?????????

Articoli correlati

Termina un fine settimana brillante per il Settore Giovanile biancoceleste. Le squadre agonistiche protagoniste tra...

Il noto esperto di calciomercato conferma quanto anticipato la scorsa settimana, riguardo ad un imminente...

Lo Stadio Flaminio sarà ristrutturato grazie a un progetto di Claudio Lotito? L’amministrazione comunale intanto...

Dal Network

Closing in vista con Orienta Capital Partners che acquisterà una quota superiore al 60% del...

  Gli USA pronti a ospitare le 32 squadre da tutto il mondo Nell’estate del...

È un Gian Piero Gasperini molto soddisfatto quello che analizza il successo scoppiettante della sua...

Altre notizie

Solo La Lazio