Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Juve, Agnelli: “Eresia non pensare a Guardiola”

Coronavirus, la mamma di Guardiola ha perso la battaglia contro il virus

Il presidente della Juventus Andrea Agnelli ha parlato oggi in radio di lotta scudetto, di Guardiola e del futuro dei bianconeri.

Oggi sulle frequenze di Radio24, durante la trasmissione Tutti Convocati, è intervenuto in diretta il presidente della Juventus, Andrea Agnelli. Il numero 1 bianconero ha parlato della lotta scudetto con Inter e Lazio e ha fatto un riferimento alle voci su Guardiola per la panchina della Vecchia Signora.

Sulla possibilità che la sfida con l’Inter si giochi in uno Stadium a porte chiuse per via dell’emergenza Coronavirus:

“Dispiace per l’evento in sé e per lo spettacolo del campionato. Tutti però dobbiamo avere come priorità la tutela della salute pubblica. L’ordinanza del Piemonte vige fino a sabato, quindi ad oggi la partita si svolgerebbe con il pubblico. Quello che ribadisco, però, è la posizione della società: la prima cosa è tutelare le persone”.

Tra le avversarie per il titolo, la Lazio è temibile perché spensierata e senza obblighi.

“La loro spensieratezza è da temere, non hanno l’obbligo di vincere. Se questa spensieratezza riescono a traghettarla a marzo-aprile, può essere il loro vantaggio. L’Inter questa spensieratezza non ce l’ha perché con Conte c’è un obbligo”.

“Conosco Simone Inzaghi e suo fratello da trent’anni. Mi piacciono, sono due ragazzi per bene, con la Lazio Simone sta facendo un grandissimo lavoro”.

Nelle ultime settimane hanno cominciato a circolare delle voci sul futuro della panchina della Juventus. Sarri non sembra così sicuro della conferma e il nome di Pep Guardiola si fa sempre più insistente. E Agnelli non getta affatto acqua sul fuoco in questo senso, anche se il lavoro del tecnico toscano per ora lo convince a pieno.

“Nel nostro giudizio il modello tecnico di Sarri era la modalità giusta per garantire un successo. Volevamo Sarri e lo abbiamo preso. Chiaramente è un’eresia dire che nessuno pensi a Guardiola. Però in questo momento della sua vita è estremamente felice dove è. Noi adesso siamo molto contenti di Sarri. L’impostazione è per i tre anni, la forza di un’idea è nella prosecuzione del tempo, la priorità è proprio questa”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Lo storico difensore e capitano dello Scudetto del 2000

Alessandro Nesta

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

IL LIBERO E CAPITANO DELLA LAZIO DEL PRIMO SCUDETTO

Pino Wilson

L'indimenticabile allenatore della Lazio del primo scudetto

Tommaso Maestrelli

Una delle ultime bandiere e simbolo della Lazio

Vincenzo D'Amico

Advertisement

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "Quella splendida maglia Umbro e quel numero 11 sulla schiena. Ricordi indelebili della mia adolescenza. Beppe per sempre nel mio cuore."

Immobile da record: superato Inzaghi in Europa

Ultimo commento: "Mah , realizzare un calcio di rigore non è mai stata una cosa facile........tant'è che la sua mancata realizzazione ( ben due rigori falliti ) ci è..."
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "Negli anni 70 avevo la mia camera tappezzata di sue immagini e ascoltavo sempre Battisti con i giardini di marzo. ..."
Lazio, Tommaso Maestrelli

Lazio, oggi la ricorrenza della scomparsa di Maestrelli

Ultimo commento: "Mi ricordo che tristezza"

#CountdownToHistory: Immobile nella leggenda

Ultimo commento: "Grandissimo"

Altro da News