Resta in contatto

Tifosi emigrati con la Lazio nel cuore: un saluto a Davide, Andrea e Gabriella

Bacheca del Tifoso

Tifosi emigrati con la Lazio nel cuore: un saluto a Davide, Andrea e Gabriella

Un saluto ai tifosi laziali di ogni parte del mondo che ci hanno raccontando le loro storie. Ne aspettiamo altri: forza, fatevi avanti!

Tifosi laziali in giro per il mondo, fatevi sentire! Oggi salutiamo Andrea, che segue la Lazio dal Belgio, Gabriella, che tifa dal Canada e Dario che vive a Ravenna e ci ha lasciato questo messaggio, raccontandoci la sua storia:

Ciao, mi chiamo Dario e sono un Laziale di Ravenna. Simpatizzante dalla stagione 1982/83, tifoso vero e proprio dal 21.04.84…Lazio-Napoli 3-2 con rientro di Bruno (e subito gol). Feci amicizia con alcuni ragazzi degli Eagles in curva a Cesena l’anno del -9 e alla fine della stagione andai con loro al San Paolo per il Campobasso (all’età di 14 anni).

Naturalmente iscritto agli Eagles, sono ancora in possesso di tessera e della meravigliosa sciarpa in doppia lana “LAZIO NEL CUORE”. Il grande Claudio Pillarella mi salutava sempre sugli spalti….”ciao Ravè, come stai?”
Presente allo Stadio Olimpico dal 1988 (prima partita Lazio – Lecce il 02.04.88) compresa la festa della promozione contro il Taranto. Ho fatto 5 volte l’abbonamento nei Distinti Nord, presente a Lazio – Milan di Coppa Italia, a Parigi, il 14 maggio 2000 e a varie finali di Coppa Italia e Supercoppa italiana. Andai pure a Montecarlo per la Supercoppa contro il Man United. Ciao Giulio (il nostro direttore Giulio Cardone, ndr), ti seguo e ti ascolto in radio, con grande stima. Grazie per il tuo lavoro e la tua lazialità…anzi Lazialità. Un abbraccio!

 

A tutti e 3 gli amici aquilotti dedichiamo questo brano realizzato dall’Associazione Io Sono Una Persona Perbene:

Avanti biancocelesti, aspettiamo altre storie e racconti di vita da laziale “a distanza”. Cliccate qui sotto e lasciate il vostro saluto:

Tifosi emigrati con la Lazio nel cuore

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Advertisement
Immobile

#CountdownToHistory: Immobile supera Signori al 2° posto all time

Ultimo commento: "Prendere Piola la vedo dura ... "
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "Ho avuto la fortuna di conoscerlo, parlarci per ore ed era prorprio come viene descritto da tutti. Ho ancora la sua maglia originale: quella con il 9,..."

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "Il suo dito che esce fuori dalla nebbia al derby. Non si vedeva nulla ma la palla era dentro la rete! E segna sempre lui!"
Lazio, Miti: Eugenio Fascetti

Eugenio Fascetti, guida leggendaria: che peso ha per te nella storia della Lazio?

Ultimo commento: "Fascetti una persona indimenticabile, grazie"

Uber Gradella: il portiere che preferì smettere piuttosto che giocare con altri

Ultimo commento: "Uber grande laziale, quando ero bambino mio papà mi raccontava sempre di questo signore ero che per non indossare un altra maglia, preferì..."

Altro da Bacheca del Tifoso