Resta in contatto

News

Mario Sommella (ag. Immobile): “Nel 2016 aveva bisogno di una squadra che credesse in lui. A Roma si sente a casa”

Nuovo capitolo degli allenamenti di coppia con Immobile e Jessica

Ai microfoni di Radio Incontro Olympia questo pomeriggio ha parlato Mario Sommella, agente di Ciro Immobile. Ecco le sue parole.

Mario Sommella è l’agente di Ciro Immobile. Questo pomeriggio è stato intervistato di microfoni di Radio Incontro Olympia 105.8 e ha parlato del suo assistito tra passato, presente e futuro. Il periodo magico che sta vivendo il bomber laziale è frutto anche di una trovata serenità e stabilità personale.

“Ciro è un attaccante straordinario, fosse stato straniero avrebbe avuto sicuramente una considerazione maggiore rispetto a quella che ha. Può piacere o meno, ma i suoi numeri non sono contestabili. In Italia non ci sono Mbappé, Cavani, Lewandowski o Haaland. Quindi teniamoci stretto Immobile. Potrebbe vincere la Scarpa d’Oro e i tifosi italiani dovrebbero stargli vicino. Invece spesso vedo un atteggiamento ostile.

A Roma (sponda Lazio, ndr) gli vogliono tutti bene, lo hanno imparato a conoscere e ad apprezzare per la sua umiltà e generosità. Lui non si è mai sentito un fenomeno, anche se avrebbe tutto il diritto di farlo. Conosco tanti che invece a un certo punto si sentono arrivati.

La Lazio nel 2016 fu una scelta ponderata: in quel momento Ciro aveva bisogno di una squadra che credesse in lui. Arrivava dalle esperienze non esaltanti a Dortmund e a Siviglia. Il Borussia aveva fatto la finale di Champions, aveva vinto la Bundes e doveva sostituire Lewandowski. Come poteva non andare? Purtroppo quella squadra era alla fine di un ciclo. La Lazio invece fu una destinazione logica, perché speravamo che potesse recuperare le sicurezze che aveva ai tempi del Pescara e del Torino. Ciro è uno che deve sentire la fiducia dell’ambiente. Deve sentirsi importante.

La Lazio si stava costruendo dopo un vuoto tecnico, il ds Tare ci ha visto lungo e l’allenatore lo ha sempre voluto. Il rapporto con Simone Inzaghi è speciale, non può essere scalfito da una sostituzione. Lo ripetono spesso entrambi. Ciro ha avuto la fortuna di trovare un tecnico pronto a puntare tutto su di lui. Di conseguenza ha dato la sua massima disponibilità ed è diventato un binomio vincente.

La Nazionale è l’ultimo tabù da sfatare. Dal Mondiale in Brasile fino allo spareggio con la Svezia, passando per l’Europeo, Immobile ha questa macchia che vuole superare. Ora però, forse, c’è troppo entusiasmo. Prima si diceva che era una Nazionale di brocchi. Adesso invece sembra che l’Italia sia la favorita per l’Europeo. Sicuramente c’è un’aria nuova, ma ci vuole equilibrio.

A Roma si sente a casa. Lui è andato via a 15 anni da Torre Annunziata, poi ha sempre girato. Insieme alla moglie Jessica ha scelto Roma, forse anche perché è a metà strada tra Napoli e Pescara. A Roma faranno vivere i loro bambini. I tifosi se lo godranno ancora a lungo.”

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Advertisement

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "Io ho vissuto l era VINCENZO PAPARELLI ERO LI E NON SONO PIU ANDATO ALLO STADIO MA POI L ARRIVO DI BEPPE SIGNORI MI HA FATTO IMPAZZIRE E MI SONO..."
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "Sono della Lazio dalla nascita, anni 50, nel periodo di Chinaglia eravamo tifosi più di Chinaglia che della Lazio, è strano ma è cosi, nessuno ha..."
Lazio, i Miti: Juan Sebastian Veron

Veron, Juan Sebastian gol: che emozioni ti ha fatto vivere la Brujita?

Ultimo commento: "Veron uno dei più grandi in assoluto,un vero mago del calcio,anche lui un affezionato come tanti altri,solo noi abbiamo tanti giocatori e allenatori..."

Uber Gradella: il portiere che preferì smettere piuttosto che giocare con altri

Ultimo commento: "Lo conpscevo personalmente, aveva un negozio di articoli sportivi vicino casa mia. Ma non l'ho mai visto giocare."
Lazio, Miti: Eugenio Fascetti

Eugenio Fascetti, guida leggendaria: che peso ha per te nella storia della Lazio?

Ultimo commento: "Un bravissimo allenatore, forse poco apprezzato a cui non e' stata fornita, all'epoca, l'occasione della grande squadra. Soprattutto poi un uomo vero."

Altro da News